"I terroristi pazzi? No, ma attenti alle loro biografie"

| ISLAM3/ Lo psichiatra Carmine Munizza traccia un'analisi dei terroristi: "Persone normali con alle spalle biografie diverse, l'Occidentale reagisce in modo emotivo, vittima a sua volta di psicosi indotte"

+ Miei preferiti

In un'intervista  recente, lo psichiatra Carmine Munizza, traccia un profilo psicologico dei terroristi islamici infiultrati in Occidente. 

 

Lei è presidente del Grist (Gruppo italiano di studio sul terrorismo) qual è l’interesse che può avere uno psichiatra rispetto al fenomeno noto come "terrorismo internazionale di matrice islamista" (TIMI), emerso negli ultimi decenni?

“Il fenomeno è di carattere marcatamente politico-militare e le possibili ipotesi esplicative vanno ricercate soprattutto nella storia, nell’economia e nella geopolitica. La Psichiatria si occupa delle ricadute dell’atto terrorista sulla mente delle vittime dirette e indirette - argomento che rientra nel più ampio e noto compito della presa in carico clinica delle conseguenze mentali delle catastrofi – e sulla mente dell’autore, il che rimanda all’altrettanto ampio capitolo della presa in carico clinica degli autori di reato. Ma è anche interesse della Psichiatria sgombrare il campo da due possibili equivoci concettuali, che possono insorgere di fronte ad atti terroristici particolarmente eclatanti: primo, che tali atti possano essere attribuiti alla malattia mentale e, secondo, che esista la possibilità di identificare alcuni elementi di carattere socio psicologico sufficienti a “spiegare” la scelta del terrorismo e a costituire gli ingredienti costanti di una specifica “mente” o “personalità” terrorista”.

 

Non esiste un identikit del terrorista-tipo?

“No, tutta la letteratura e le ricerche sul tema attestano che non ci sono argomenti validi per una tranquillizzante derubricazione dell’atto terrorista a sintomo di follia: dobbiamo rassegnarci a considerare la mente del terrorista, da un punto di vista psichiatrico, normale”.

 

Ma come è possibile che una mente “normale” scelga di aderire al terrorismo?

“Non è possibile dare una risposta generalizzata, la ricerca e la letteratura dimostrano che non è possibile, da un punto di vista socio-psicologico, descrivere una ‘personalità terrorista-tipo’: infatti la lettura di alcune biografie di terroristi depone per il fatto che più che di una ‘psicologia del terrorista’ o di un identikit psicologico, si debba parlare di tante ‘psicologie’ dei terroristi, accettando il fatto che l’atto di terrorismo è, da un punto di vista psicologico, l’esito di percorsi biografici che possono essere anche molto diversi tra loro”.

 

Perché allora la collettività di fronte al terrorismo associa subito la malattia mentale?

“Perché è una reazione emotiva a questi atti, che può portare ad attribuirli alla follia o, con termine più moderno, alla psicosi, perché in questo modo il cittadino opera un distanziamento spontaneo di fronte a ciò che appare disumano, mostruoso, inaccettabile, e tende a considerare gli aderenti al TIMI squilibrati, indottrinati, radicali, ecc. Va però anche detto che l’effetto psicologico viene appositamente perseguito dal terrorista, che mette in atto una forma sofisticata di guerra psicologica, nella quale a essere ricercato, più del danno arrecato.

Il Caso
Nuovi sospetti su O.J. Simpson
Nuovi sospetti su O.J. Simpson
In una registrazione dimenticata e mai andata in onda, l’ex gigante del football avrebbe svelato alcuni dettagli dell’omicidio della sua ex moglie e del suo amico, per cui è stato assolto
"Bossetti innocente, assassino libero"
"Bossetti innocente, assassino libero"
Il fronte innocentista che ritiene ingiusta la condanna di Bossetti all'ergastolo invade il web. Analisi degli elementi in difesa del muratore di Mapello. L'omicidio consumato in palestra, poi i depistaggi. Timeline
"In Italia un neo-fascismo in stile social"
"In Italia un neo-fascismo in stile social"
Durissimo attacco dell'Indipendent al governo-giallo verde e a Matteo Salvini. Lo spunto è la chiusura alle 21 dei negozi etnici. Parallelo con le persecuzioni naziste ai negozi ebrei. Odio e ostilità contro gli stranieri
Amy Winehouse, un tour nel 2019
Amy Winehouse, un tour nel 2019
È morta sette anni fa, ma grazie alle magie dell’elettronica, la grande interprete inglese è pronta a tornare sul palco sotto forma di ologramma
INFERNO e RISCATTO
nel braccio della morte
INFERNO e RISCATTO<br>nel braccio della morte
INCHIESTA - In California un uomo libero dopo 25 anni a San Quentin, i giudici non avevano valutato le perizie mediche. Per uccidere i condannati Fentanyl e gas azoto. Di nuovo assassini a un passo dall'esecuzione
"Ti prego amore mio, plastinami"
"Ti prego amore mio, plastinami"
L'inventore della tecnica che trasforma i cadaveri in opere d'arte con la plastinazione ha chiesto alla moglie medico, una volta morto, di fare del suo corpo una statua da esporre nel museo. Lei: "Atto d'amore, lo farò"
Il libro “Menti Insolite” fra i più venduti al Festival di Mantova
Il libro “Menti Insolite” fra i più venduti al Festival di Mantova
Un incontro affollato, nell’ambito del FestivaLetteratura, ha fatto da cornice al debutto della nuova fatica letteraria di Federici, Meluzzi e Numa
Menti Insolite, radiografia di cinque femminicidi
Menti Insolite, radiografia di cinque femminicidi
Dopo il successo di “Il se e il ma delle investigazioni”, Fabio Federici e Alessandro Meluzzi tornano con un nuovo lavoro di analisi in cui hanno coinvolto anche il giornalista de “La Stampa” Massimo Numa
La misteriosa morte del medico dei vaccini
La misteriosa morte del medico dei vaccini
Freddato in un campeggio davanti alla famiglia, il suo caso potrebbe collegarsi a quelli di altri sette casi simili, avvenuti nell’arco di appena due anni
Tragedia di Arolla
il pane spezzato e il the ancora caldo
Tragedia di Arolla<br>il pane spezzato e il the ancora caldo
Der Spiegel ricostruisce, attraverso i racconti dei superstiti, la traversata Chamonix-Zermatt in cui sono morti sette alpinisti italiani. Nessun giudizio, solo rispetto per chi non c'è più. L'enigma eterno della sfida alla montagna