San Valentino, tutte le declinazioni dell'amore

| Due scrittori, un uomo e una donna, provano a tracciare l'identikit di un sentimento che unisce ma anche può dividere sino a sconfinare nella violenza. Dallo stalking all'omicidio ma all'estremo c'è un mare di tenerezze da condividere

+ Miei preferiti

di  GERMANA ZUFFANTI

Cos’è l’amore ? Oggi che è San Valentino ce lo chiediamo tutti, ognuno con la sua vicenda personale, ognuno con le sue vittorie e le sue sconfitte. Ne parliamo con Giuseppina de Paola, che ha scritto il racconto autobiografico “Angeli e Stalker” e Claudio Secci, autore di  “A piedi nudi” edito da Leucotea.

Giusy, così ti chiamano gli amici, una bellissima ragazza vittima di stalker.  La tua è stata una testimonianza per le donne vittime di violenze fisiche e psicologiche. Amore degenerato o una mancanza d’amore?

Sentendo di violenze perpetrate a donne che gli uomini dicono di amare, si può anche pensare che dalle stesse non si possa rinascere. Gli uomini con i loro atti violenti cercano di distruggere la capacità di amare e la voglia di essere amata e spesso portano alla depressione ed alla distruzione personale, al cambiamento con gli altri, ma vi posso testominiare che non è così!  Ho sperimentato che l’amore può evolversi e che un sentimento profondo può diventare letale, fonte di vita   ma anche fonte di morte.  Non è stato facile capire quanto fosse devastante per me e che in fondo potevo farcela. L'amore è più forte, è un energia che abbiamo dentro e che non si distrugge, in fondo anche gli esseri umani nascono come atti d’amore, noi siamo amore ...anche se ferito, l’amore guarisce e, attraverso il dolore, si perdona se stessi e la persona che ci ha fatto male…La cosa più brutta delle violenze non è solo il dolore fisico, ma anche la percezione di non essere amate, di essere abbandonate a se stesse ed essere sfiduciate.

L’amore, come lo definisci?

L’amore è una luce che si riconosce negli occhi di chi è innamorato ed è sereno nell’avere trovato la realizzazione dei propri desideri. L’amore è un dono, che quando si percepisce come tale, deve essere protetto e valorizzato, anche contro lo vuole distruggere. Capita ad ognuno di noi, anche nei confronti dnoi stessi. E’ attraverso i gesti e le azioni che dimostriamo di amare. Non è un giorno, il 14 febbraio, ma una vita. Non è una o due parole ma è la dedizione all’altro che fa la differenza, soprattutto quando l’animo, i ricordi ed i pensieri sono lacerati. Oggi è un bel giorno ma deve essere visto come la ricorrenza dell’amore, il compleanno dell’amore che tuttavia vive del quotidiano.  Non bisogna oggi ricordarsi di amare, ma solo per dimostrare una volta in più quanto valga l’altra persona, particolarmente un partner. Allora a tutti dico di festeggiare nel cuore, con la capacità  di apprezzare ogni giorno chi ci sta vicino, anche con la solo presenza e la complicita  e la lealtà.!

Cosa vuoi dire alle donne in particolare ? Oggi che magari, invece di festeggiare, hanno pensieri tristi?

Voglio dire a tutte le donne, anche a quelle apparentemente forti, di amare sempre e comunque, di denunciare il male e di combatterlo con l’amore perché l’amore fa parte della vita e la fa rinascere. Dobbiamo lavorare su di noi, per fare si che ci facciamo capire nella nostra immensa forza e frande fragilità.

Claudio Secci,  quale tipo di amore?

Non passa telegiornale senza che si ascoltino notizie di cronaca, quasi sempre nera, legate a violenze sulle donne, che spesso sfociano in omicidi. Parlare di Amore ed avvicinarlo a questi episodi sembra impossibile, ma a mio parere neanche troppo. Tutto parte dall’idea che ognuno di noi si è fatto nel tempo del concetto di Amore, come lo interpreta e lo vive. Si, perché per quanto Amore sia soprattutto qualcosa che dona prima che una ricezione di sentimenti e sensazioni, molti uomini sono convinti che si ami possedendo, controllando, disponendo, educando. Giustificando con se stessi queste sfumature, di qualcosa che è tutt’altro che Amore, come una sorta di protezione.

Gli uomini spesso sono convinti che le donne diano un sentimento scontato al proprio coniuge o al proprio partner, non si rendono conto che il sentimento va rigenerato e coltivato ogni giorno. Se una donna decide di interrompere una relazione, qualsiasi recriminazione dettata dalla gelosia da parte dell’ex partner pone il timbro e certifica che quel rapporto doveva terminare, forse molto tempo prima, perché non poteva essere amore. Amare è nell’uomo che nonostante abbia perso una donna continua a provarne il sentimento, anche in silenzio….è  il saperla felice anche con un altro uomo (cosa che appare impossibile ai più, ma è così).Cercare di riottenere con la forza qualcosa che si è spento, molte volte per colpa dell’uomo spesso che negli anni ha dato per scontato un rapporto che in realtà stava già fermentando, è un sentimento molto lontano dall’amore. Perché se l’amore è generoso, compassionevole, lungimirante, premuroso, attento, sacrificante, questi sono i minimi dazi per sperare che quanto istintivamente offriamo ogni giorno alla persona che vogliamo ci accompagni per il resto della nostra vita sia sinceramente corrisposto. Amore e Amare non è per tutti, è qualcosa di molto profondo e complesso.

 
L'intervista
Battere l'obesità con la dieta dell'anima
Battere l
L'emozionante trama nel romanzo di Sara Carnevale "Tutto il peso di una caloria" (Intreccio Edizioni) dove il problema dell'obesità diventa il tema centrale della vita di una donna decisa a liberarsi dello "scudo del grasso"
Caterina in viaggio nel male della guerra
Caterina in viaggio nel male della guerra
Nel romanzo "L'usignolo e gli occhi di cielo" (MR Editori), Stefania Chiappalupi racconta una storia di dolore/speranza, un viaggio nell'abisso del male causato dalla guerra. Dramma di una generazione
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Gli uomini italiani preferiscono le romene
Aumentano i matrimoni tra italiani e straniere, il 20 per cento con spose romene, seguono ucraine e russe. Parla una manager, Felicia Biliboc
Salvare bimba dai pedofili e scriverci un libro
Salvare bimba dai pedofili e scriverci un libro
La storia di Raphaella Angeri, nel suo libro "Una bimba da salvare" (Edizioni Il Rio) racconta le vicissitudini - a lieto fine - di una bambina nelle mani di una famiglia di degenerati sessuali
Caracas, Rico e l'inferno sulla terra
Caracas, Rico e l
Nel libro "I Dannati" (ed. Infinito) di Christiana Ruggeri un drammatico racconto sulla città con il più alto numero di omicidi del mondo. L'io-narrante di un pusher guida nelle viscere di un Paese allo stremo
Dopo il Grande Fratello ecco la Grande Madre
Dopo il Grande Fratello ecco la Grande Madre
L'opera di Orwell, con l'incubo di un controllo totalizzante sugli uomini trova un eco nel Fans "Nectunia" (ed. Dark Zone) di Daniela Ruggiero. Una donna e dieci uomini governano un mondo libero dalla morte e dal dolore. Ma a che prezzo?
Grigie periferie dove muore anche la speranza
Grigie periferie dove muore anche la speranza
Nel romanzo Fra-Fuori dal grigio, di Salvatore Amato (edizioni Chiado) l'amicizia fra quattro ragazzi sullo sfondo di periferie degradate e tristi. Ognuno raccolta la sua storia, e non sono per nulla rassicuranti
Strage di librerie ma le superstiti sono isole felici
Strage di librerie ma le superstiti sono isole felici
A Torino sono sparite nel silenzio le librerie più conosciute e apprezzate ma c'è una ricetta che a quanto pare funziona: curare la clientela, cercare non solo le novità ma edizioni rare e "personali"
Torino Crime Festival, indagini e thriller-story
Torino Crime Festival, indagini e thriller-story
Terza edizione al via il 12 aprile. Sede il Circolo dei Lettori. Il direttore Biagio Fabrizio Carrillo ne spiega storia, filosofia, calendario e intenti. Importante parterre di ospiti
"I terroristi pazzi? No, ma attenti alle loro biografie"
"I terroristi pazzi? No, ma attenti alle loro biografie"
ISLAM3/ Lo psichiatra Carmine Munizza traccia un'analisi dei terroristi: "Persone normali con alle spalle biografie diverse, l'Occidentale reagisce in modo emotivo, vittima a sua volta di psicosi indotte"