Forze di polizia, i sudditi dello Stato

| Blocco degli "straordinari in esubero" anche per chi non può interrompere il servizio. Ma è giusto?

+ Miei preferiti
Ci si chiede come dare dignità ai lavoratori ma, forse troppo spesso, ci si dimentica di chi lavora per lo Stato.



È il caso di chi, obbligato per legge a non interrompere il servizio, si trova a lavorare "gratuitamente", come Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Penitenziaria... che si vedono, annualmente, non retribuite centinaia di ore di straordinario. Perché? Perché mancano i fondi per ripianare l'eccesso di lavoro derivante da una strutturale mancanza organica, oppure perché i dirigenti o gli ufficiali, ormai obbediscono ciecamente a logiche di management tali per cui, ad ogni costo, devono dimostrare di saper gestire il personale con minore esborso di fondi da parte delle amministrazioni, garantendo gli stessi servizi. Come? Non pagando i dipendenti. Già, perché se innumerevoli sentenze di Cassazione, Consiglio di Stato e TAR, danno costantemente ragione a Carabinieri,

polizia e Gdf quando richiedono l'intervento dell'A.G. per risolvere questo tipo di diatribe, le varie amministrazioni si ostinano a non pagare le cosiddette "ore di straordinario  in esubero" rispetto a quelle canoniche prestabilite da vecchie statistiche, che non tengono conto delle attuali esigenze delle forze di polizia, mensilmente, non percepiscono  il pagamento di tutte le ore prestate dai loro dipendenti, ma solo una parte, le restanti vengono rimandate secondo logiche di bilancio annuali che, spesso, non vengono retribuite e, con l'attuale carenza di organico, neppure recuperate con riposi compensativi dagli aventi diritto. Quali sono le conseguenze di queste logiche gestionali? Semplice... i lavoratori non vengono pagati per il lavoro svolto e, spesso, sono costretti a rivolgersi al TAR oppure al Consiglio di Stato per vedere riconosciuti i propri diritti, con conseguenti spese giudiziarie da anticipare (si tratta di lavoratori che percepiscono la media di 1.600 Euro/mese), ma se le amministrazioni condannate al pagamento non pagano perché mancano i fondi? Allora il lavoratore é costretto a richiedere il pignoramento dei beni per il valore dovuto, ma quanto anni trascorrono nel frattempo? E quanto denaro verrà speso dallo stesso richiedente per vedere riconosciuti i suoi diritti di lavoratore? Forse troppi se si considera il valore del lavoro socialmente utile svolto il relazione all'esiguo stipendio percepito.



L'Opinione
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?
L'Europa ama i suoi carnefici
L
Lo strano e ambiguo rapporto tra una parte dell'Occidente e l'Iran degli Ayatollah, che reprime il dissenso e uccide i suoi oppositori in Europa. L'attentato e in Francia e un agguato mortale in Olanda. Ma nessuno reagisce