Forze di polizia, i sudditi dello Stato

| Blocco degli "straordinari in esubero" anche per chi non può interrompere il servizio. Ma è giusto?

+ Miei preferiti
Ci si chiede come dare dignità ai lavoratori ma, forse troppo spesso, ci si dimentica di chi lavora per lo Stato.



È il caso di chi, obbligato per legge a non interrompere il servizio, si trova a lavorare "gratuitamente", come Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Penitenziaria... che si vedono, annualmente, non retribuite centinaia di ore di straordinario. Perché? Perché mancano i fondi per ripianare l'eccesso di lavoro derivante da una strutturale mancanza organica, oppure perché i dirigenti o gli ufficiali, ormai obbediscono ciecamente a logiche di management tali per cui, ad ogni costo, devono dimostrare di saper gestire il personale con minore esborso di fondi da parte delle amministrazioni, garantendo gli stessi servizi. Come? Non pagando i dipendenti. Già, perché se innumerevoli sentenze di Cassazione, Consiglio di Stato e TAR, danno costantemente ragione a Carabinieri,

polizia e Gdf quando richiedono l'intervento dell'A.G. per risolvere questo tipo di diatribe, le varie amministrazioni si ostinano a non pagare le cosiddette "ore di straordinario  in esubero" rispetto a quelle canoniche prestabilite da vecchie statistiche, che non tengono conto delle attuali esigenze delle forze di polizia, mensilmente, non percepiscono  il pagamento di tutte le ore prestate dai loro dipendenti, ma solo una parte, le restanti vengono rimandate secondo logiche di bilancio annuali che, spesso, non vengono retribuite e, con l'attuale carenza di organico, neppure recuperate con riposi compensativi dagli aventi diritto. Quali sono le conseguenze di queste logiche gestionali? Semplice... i lavoratori non vengono pagati per il lavoro svolto e, spesso, sono costretti a rivolgersi al TAR oppure al Consiglio di Stato per vedere riconosciuti i propri diritti, con conseguenti spese giudiziarie da anticipare (si tratta di lavoratori che percepiscono la media di 1.600 Euro/mese), ma se le amministrazioni condannate al pagamento non pagano perché mancano i fondi? Allora il lavoratore é costretto a richiedere il pignoramento dei beni per il valore dovuto, ma quanto anni trascorrono nel frattempo? E quanto denaro verrà speso dallo stesso richiedente per vedere riconosciuti i suoi diritti di lavoratore? Forse troppi se si considera il valore del lavoro socialmente utile svolto il relazione all'esiguo stipendio percepito.



L'Opinione
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?
L'Europa ama i suoi carnefici
L
Lo strano e ambiguo rapporto tra una parte dell'Occidente e l'Iran degli Ayatollah, che reprime il dissenso e uccide i suoi oppositori in Europa. L'attentato e in Francia e un agguato mortale in Olanda. Ma nessuno reagisce
Europa bipolare, sostiene gli ayatollah iraniani
Europa bipolare, sostiene gli ayatollah iraniani
Lo strano endorsement dell'Alto Commissario Mogherini verso il Paese che lapida le donne, impicca i gay, e dove i diritti umani e politici sono calpestati ogni giorno
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Nel '38 le vergognose e infamanti leggi razziali imposte dal regime di Mussolini ma anche oggi, specie in Medio Oriente, sopravvivono le stesse ideologie nazi-fasciste. Obiettivo, distruggere Israele
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Riflessioni amare dopo l'11 settembre, anche in Europa dal '98 a oggi un fiume di sangue innocente, 713 morti e 5939 ferite. Una parte della società non nasconde le sue simpatie o comprensione per i terroristi
Gli 11 settembre intorno a noi
Gli 11 settembre intorno a noi
Ogni anno, il clamore verso il più sconvolgente atto terroristico della storia, rischia di offuscare un futuro in cui altre date tragiche potrebbero arrivare
Di Maio, il ministro del (non) lavoro
Di Maio, il ministro del (non) lavoro
Il vicepremier grillino vuole chiudere cantieri già aperti, non aprirne di nuovi, vuole le chiusure domenicali con perdita di migliaia di posti di lavoro, il Decreto Dignità idem. Ma vuole dare lo stipendio a chi non lavora. Ma è possibile?
Attacco a Iblid, l'ultima roccaforte Isis
Attacco a Iblid, l
Scontro durissimo tra Usa, Russia, Iran, Turchia e paesi arabi alla vigilia dell'attacco finale alla città dove ci sono ancora tre milioni di civili. Ma Assad vuole riconquistare l'integrità territoriale. Difficili equilibri
Salone del libro, la star è chi li censura
Salone del libro, la star è chi li censura
Perplessità sulla scelta di dedicare il Salone del Libro di Torino all'Iran, il cui regime censura e incarcera scrittori e intellettuali dissidenti. Una singolare forma di sottomissione, non solo psicologica
La favoletta grillina sul ponte che non crolla
La favoletta grillina sul ponte che non crolla
Spunta da un documento del 2013 la posizione del comitato No Gronda appoggiato dai grillini, contrari ai lavori del passante che avrebbe alleggerito il traffico sul ponte. E Toninelli aveva inserito l'opera fra quelle "da verificare"