Il dissenso deve (sempre) esprimersi in modo legale

| Solidarietà alla forze dell'ordine, la polemica sulla frase di un funzionario usata per nascondere la violenza degli occupanti abusivi

+ Miei preferiti
Un funzionario della polizia, durante le operazioni di sgombero della palazzina di Roma in via Curtatone occupata abusivamente da anni da decine di persone di cui i profughi in maggioranza, senza un piano del Comune su dove sistemarli "dopo", ha detto ai suoi uomini "spezzategli un braccio". Si riferiva alle fasi preliminari dell'operazone, durante la quale gli occupanti hanno scagliato ogni tipo di oggetti contro la forza pubblica, comprese bombole di gas. Non è difficile cogliere il senso della frase, cioè cercate di impedire in ogni modo che qualcuno di noi si faccia male e per davvero. Sarà pure una frase infelice, sarà anche inopportuna in un servizio di ordine pubblico così delicato. Ma è servita ad alcuni media, non tutti in verità, a utilizzare quelle parole come la foglia di fico per nascondere la violenza degli ormai ex occupanti. Il classico sistema per non fare i conti con chi, per affermare le proprie idee, non esita a utilizzare modelli di contrasto fuorilegge. Il capo della polizia, Gabrielli, ha sì stigmatizzato il commento del funzionario ma ha sottolineato il tipo di contesto in cui è avvenuto l'intervento. Là dentro operava il racket degli affitti abusivi, un gruppo di profughi gestiva la palazzina come un albergo clandestino. Con tutte quel che ne consegue. Accade a Torino, con un'altra giunta grillina, nelle case EX Moi, una specie di hotel paura gestito da un comitato che fa il bello e il cattivo tempo, con continui episodi di violenza e di sopraffazione da parte di immigrati nei confronti dei più deboli che non si riesce a sgomberare, sotto il ricatto dei centri sociali dell'autonomia che si sono auto-nominati garanti. E' accaduto nel corso del conflitto NoTav, con una pressochè generale amnistia rispetto alle condotte violente di una parte di quel movimento. E' la somma ipocrisia di certe forze politiche che non riescono ancora a fare i conti con il demagogismo (e la malafede) di un passato non poi così lontano. Solidarietà piena alle forze di polizia.
La Redazione di ItaliaStar
L'Opinione
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?
L'Europa ama i suoi carnefici
L
Lo strano e ambiguo rapporto tra una parte dell'Occidente e l'Iran degli Ayatollah, che reprime il dissenso e uccide i suoi oppositori in Europa. L'attentato e in Francia e un agguato mortale in Olanda. Ma nessuno reagisce