La Regione? "Avvolta dalla nebbia"

| L'opinione di Roberto Cota sulla situazione politica e amministrativa del Piemonte

+ Miei preferiti
Sarebbe molto interessante poter fare un'analisi sull'operato della Giunta Chiamparino in questi tre anni di governo della Regione.Basterebbe fare alcuni esempi. 

I simboli.Il palazzo della Regione è fermo.Colpa dell'uno, colpa dell'altro...intanto è fermo.Per quanto riguarda la città della salute, poi, siamo ancora ai progetti, sia per Torino che per Novara. 

Gli interventi per la cultura, tanto cari alla sinistra.Sono stati praticamente azzerati. 

Il sostegno alle aziende.Mi ricordo di aver varato misure, incentivi fiscali, di aver promosso l'azione delle industrie piemontesi all'estero.Ora non serve più?Non mi sembra che la situazione piemontese sia così rosea, eppure l'azione del governo regionale non è pervenuta. 

La sanità.Non si segnala alcun miglioramento, né per quanto riguarda la qualità dei servizi, né per le liste di attesa.In compenso, l'assessore alla sanità si pavoneggia del fatto che la Regione sarebbe uscita dal piano di rientro.Ma chi era riuscito a raddrizzare la barca che era alla deriva?E' stato nella pur breve legislatura precedente che , per la prima volta, la sanità piemontese è stata riportata in pareggio.Grazie a delle riforme che l' attuale esecutivo regionale è riuscito soltanto a scopiazzare ,in peggio. 

Coerenza."Se sarò nominato alla Compagnia di San Paolo non farò più politica"."Se solo ci sarà l'ombra delle firme false mi dimetterò ".Sono frasi pronunciate dall'attuale Presidente della Regione. 

Del resto, le ultime elezioni sono state un po' particolari: qualcuno ha vinto senza avversari. 

Sono solo alcuni degli esempi.Tutto però è avvolto dalla nebbia, è come se tutto si fosse fermato, anestetizzato.Forse la legislatura Chiamparino è diventata legislatura Chiapparino, nel senso che ciascuno tiene strette le chiappe al posto che occupa, fosse anche un posticino.

L'Opinione
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?
L'Europa ama i suoi carnefici
L
Lo strano e ambiguo rapporto tra una parte dell'Occidente e l'Iran degli Ayatollah, che reprime il dissenso e uccide i suoi oppositori in Europa. L'attentato e in Francia e un agguato mortale in Olanda. Ma nessuno reagisce
Europa bipolare, sostiene gli ayatollah iraniani
Europa bipolare, sostiene gli ayatollah iraniani
Lo strano endorsement dell'Alto Commissario Mogherini verso il Paese che lapida le donne, impicca i gay, e dove i diritti umani e politici sono calpestati ogni giorno
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Nel '38 le vergognose e infamanti leggi razziali imposte dal regime di Mussolini ma anche oggi, specie in Medio Oriente, sopravvivono le stesse ideologie nazi-fasciste. Obiettivo, distruggere Israele
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Riflessioni amare dopo l'11 settembre, anche in Europa dal '98 a oggi un fiume di sangue innocente, 713 morti e 5939 ferite. Una parte della società non nasconde le sue simpatie o comprensione per i terroristi
Gli 11 settembre intorno a noi
Gli 11 settembre intorno a noi
Ogni anno, il clamore verso il più sconvolgente atto terroristico della storia, rischia di offuscare un futuro in cui altre date tragiche potrebbero arrivare
Di Maio, il ministro del (non) lavoro
Di Maio, il ministro del (non) lavoro
Il vicepremier grillino vuole chiudere cantieri già aperti, non aprirne di nuovi, vuole le chiusure domenicali con perdita di migliaia di posti di lavoro, il Decreto Dignità idem. Ma vuole dare lo stipendio a chi non lavora. Ma è possibile?
Attacco a Iblid, l'ultima roccaforte Isis
Attacco a Iblid, l
Scontro durissimo tra Usa, Russia, Iran, Turchia e paesi arabi alla vigilia dell'attacco finale alla città dove ci sono ancora tre milioni di civili. Ma Assad vuole riconquistare l'integrità territoriale. Difficili equilibri
Salone del libro, la star è chi li censura
Salone del libro, la star è chi li censura
Perplessità sulla scelta di dedicare il Salone del Libro di Torino all'Iran, il cui regime censura e incarcera scrittori e intellettuali dissidenti. Una singolare forma di sottomissione, non solo psicologica
La favoletta grillina sul ponte che non crolla
La favoletta grillina sul ponte che non crolla
Spunta da un documento del 2013 la posizione del comitato No Gronda appoggiato dai grillini, contrari ai lavori del passante che avrebbe alleggerito il traffico sul ponte. E Toninelli aveva inserito l'opera fra quelle "da verificare"