Quando gioca la Juve, incubo per i residenti

| Proteste in strada Altessano e via Druento: parcheggi impossibili, mercato clandestino, caos stradale. E vigili?

+ Miei preferiti
Siamo nella periferia nord della città, una zona residenziale di recente concezione che, assieme allo Juventus Stadium, ha contribuito a rendere più bella e vivibile un quartiere di Torino spesso dimenticato dall'amministrazione comunale, Le Vallette. Ed è proprio qui, negli interni tra Strada Altessano e Via Druento che, i residenti, ogni volta che c'è una partita allo "Stadium" vivono il loro incubo. Traffico impazzito, sosta selvaggia, parcheggiatori abusivi che chiedono il "pizzo", venditori ambulanti.... Ieri pomeriggio, come, si può vedere dalle foto e dal video, nonostante la presenza di segnaletica che dispone la rimozione forzata delle auto in divieto di sosta, era quasi impossibile percorrere queste strade considerate le autovetture parcheggiate sulla carreggiata, in prossimità degli incroci e sulla rotatoria. Slalom difficili per autisti inesperti. Milano ha risolto questo problema concedendo ai residenti, che vivono in prossimità dello stadio, speciali pass di riconoscimento in modo da selezionarne la sosta in occasione di eventi sportivi nella zona di residenza, Torino?

Probabilmente le "piste ciclabili" del centro hanno più eco mediatico e peso politico rispetto al disagio degli abitanti di periferia che, comunque, non solo pagano le tasse e si vedono trattati come cittadini di serie B ma, hanno contribuito a rendere più vivibile una parte di città che, fino al 2000, era terra di nessuno. Ma i vigili urbani così solerti nel contravvenzionare i residenti durante la settimana, dove sono quando si gioca? Perché non viene applicato il Codice della Strada? Perché, ancora una volta, a cittadini residenti in una zona critica, viene calpestato un diritto? 
Lettera firmata 



L'Opinione
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Nel '38 le vergognose e infamanti leggi razziali imposte dal regime di Mussolini ma anche oggi, specie in Medio Oriente, sopravvivono le stesse ideologie nazi-fasciste. Obiettivo, distruggere Israele
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Riflessioni amare dopo l'11 settembre, anche in Europa dal '98 a oggi un fiume di sangue innocente, 713 morti e 5939 ferite. Una parte della società non nasconde le sue simpatie o comprensione per i terroristi
Gli 11 settembre intorno a noi
Gli 11 settembre intorno a noi
Ogni anno, il clamore verso il più sconvolgente atto terroristico della storia, rischia di offuscare un futuro in cui altre date tragiche potrebbero arrivare
Di Maio, il ministro del (non) lavoro
Di Maio, il ministro del (non) lavoro
Il vicepremier grillino vuole chiudere cantieri già aperti, non aprirne di nuovi, vuole le chiusure domenicali con perdita di migliaia di posti di lavoro, il Decreto Dignità idem. Ma vuole dare lo stipendio a chi non lavora. Ma è possibile?
Attacco a Iblid, l'ultima roccaforte Isis
Attacco a Iblid, l
Scontro durissimo tra Usa, Russia, Iran, Turchia e paesi arabi alla vigilia dell'attacco finale alla città dove ci sono ancora tre milioni di civili. Ma Assad vuole riconquistare l'integrità territoriale. Difficili equilibri
Salone del libro, la star è chi li censura
Salone del libro, la star è chi li censura
Perplessità sulla scelta di dedicare il Salone del Libro di Torino all'Iran, il cui regime censura e incarcera scrittori e intellettuali dissidenti. Una singolare forma di sottomissione, non solo psicologica
La favoletta grillina sul ponte che non crolla
La favoletta grillina sul ponte che non crolla
Spunta da un documento del 2013 la posizione del comitato No Gronda appoggiato dai grillini, contrari ai lavori del passante che avrebbe alleggerito il traffico sul ponte. E Toninelli aveva inserito l'opera fra quelle "da verificare"
L'Austria (di destra) protegge Israele
L
Il premier Kurtz ammonisce l'Iran: "Il diritto all'esistenza di Israele non può essere messo in discussione". Imbarazzo delle cancellerie europee, alle prese con la real politik e dalla tutela di interessi strategici
Tobagi, ricordo di un uomo solo
nell'ombra i complici dei killer
Tobagi, ricordo di un uomo solo<br>nell
Il 28 maggio del 1980 fu ucciso da brigatisti rossi di famiglie "bene" il giornalista Walter Tobago
Dalla parte dei palestinesi, mai dei radicali
Dalla parte dei palestinesi, mai dei radicali
Hamas non vuole la pace ma distruggere Israele, centinaia di giovani inviati contro i confini per trasformarli in martiri. Contro i radicali che governano Gaza uccidendo le libertà fondamentali dell'uomo