Quando gioca la Juve, incubo per i residenti

| Proteste in strada Altessano e via Druento: parcheggi impossibili, mercato clandestino, caos stradale. E vigili?

+ Miei preferiti
Siamo nella periferia nord della città, una zona residenziale di recente concezione che, assieme allo Juventus Stadium, ha contribuito a rendere più bella e vivibile un quartiere di Torino spesso dimenticato dall'amministrazione comunale, Le Vallette. Ed è proprio qui, negli interni tra Strada Altessano e Via Druento che, i residenti, ogni volta che c'è una partita allo "Stadium" vivono il loro incubo. Traffico impazzito, sosta selvaggia, parcheggiatori abusivi che chiedono il "pizzo", venditori ambulanti.... Ieri pomeriggio, come, si può vedere dalle foto e dal video, nonostante la presenza di segnaletica che dispone la rimozione forzata delle auto in divieto di sosta, era quasi impossibile percorrere queste strade considerate le autovetture parcheggiate sulla carreggiata, in prossimità degli incroci e sulla rotatoria. Slalom difficili per autisti inesperti. Milano ha risolto questo problema concedendo ai residenti, che vivono in prossimità dello stadio, speciali pass di riconoscimento in modo da selezionarne la sosta in occasione di eventi sportivi nella zona di residenza, Torino?

Probabilmente le "piste ciclabili" del centro hanno più eco mediatico e peso politico rispetto al disagio degli abitanti di periferia che, comunque, non solo pagano le tasse e si vedono trattati come cittadini di serie B ma, hanno contribuito a rendere più vivibile una parte di città che, fino al 2000, era terra di nessuno. Ma i vigili urbani così solerti nel contravvenzionare i residenti durante la settimana, dove sono quando si gioca? Perché non viene applicato il Codice della Strada? Perché, ancora una volta, a cittadini residenti in una zona critica, viene calpestato un diritto? 
Lettera firmata 



L'Opinione
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?
L'Europa ama i suoi carnefici
L
Lo strano e ambiguo rapporto tra una parte dell'Occidente e l'Iran degli Ayatollah, che reprime il dissenso e uccide i suoi oppositori in Europa. L'attentato e in Francia e un agguato mortale in Olanda. Ma nessuno reagisce
Europa bipolare, sostiene gli ayatollah iraniani
Europa bipolare, sostiene gli ayatollah iraniani
Lo strano endorsement dell'Alto Commissario Mogherini verso il Paese che lapida le donne, impicca i gay, e dove i diritti umani e politici sono calpestati ogni giorno
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Antisemitismo di oggi, diverso ed eguale a ieri
Nel '38 le vergognose e infamanti leggi razziali imposte dal regime di Mussolini ma anche oggi, specie in Medio Oriente, sopravvivono le stesse ideologie nazi-fasciste. Obiettivo, distruggere Israele
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Troppa tolleranza, quanti 11 settembre ancora?
Riflessioni amare dopo l'11 settembre, anche in Europa dal '98 a oggi un fiume di sangue innocente, 713 morti e 5939 ferite. Una parte della società non nasconde le sue simpatie o comprensione per i terroristi