Salone del libro, la star è chi li censura

| Perplessità sulla scelta di dedicare il Salone del Libro di Torino all'Iran, il cui regime censura e incarcera scrittori e intellettuali dissidenti. Una singolare forma di sottomissione, non solo psicologica

+ Miei preferiti

di DAVIDE RICCARDO ROMANO

Uno dei maggiori problemi che sembra attraversare la nostra civiltà è la distinzione tra amico e nemico. L'ideologia del dialogo fine a se stesso (o mirata a gonfiare il portafoglio, in taluni casi) sembra avere vinto. Il dialogo ha infatti senso se ha un fine: migliorare la situazione. Nel caso per esempio di quello ebraico-cattolico, è stato difficile all'inizio perché si sono affrontati dei nodi veri. Ma grazie alla serietà del dialogo, esso alla fine ha portato a dei risultati concreti in termini di reciproco rispetto. Non solo tra le religioni, ma anche tra Vaticano e Israele, per esempio.

Altra questione è il dialogo per esempio con l'islam, che troppo spesso non è dialogo, ma solo inchino e accettazione della violenza verbale e fisica. C'è un esempio al riguardo decisamente illuminante, emerso sulla stampa proprio in questi giorni: a Torino si è deciso di avere come ospite d'onore del Salone del libro l'Iran, un Paese dove vige la censura (non solo a Teheran, ma anche all'estero: ricordate la fatwa contro Salman Rushdie ancora valida e rinnovata recentemente? e che dire dei suoi traduttori, anch'essi minacciati e talvolta colpiti nei vari Paesi europei?). 

Come si faccia a concedere il posto d'onore alla Fiera del Libro a chi i libri li censura, sfugge a qualunque umana comprensione. Intendiamoci, io sarei pure favorevole agli scrittori iraniani, ma allora dedicherei il Salone del libro ai dissidenti iraniani. Ai tanti che coraggiosamente scrivono cose poco gradite al regime a rischio della propria vita, o che per questo sono costretti a vivere all'estero. Allora sì, sarei d'accordo. Ma l'operazione che si sta mettendo in piedi a Torino è inquietante: non è dialogo, ma sostegno a un governo criminale innanzitutto verso il proprio popolo e la libertà di pensare. 

Questo non è dialogo, è sottomissione.

 

L'Opinione
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?
L'Europa ama i suoi carnefici
L
Lo strano e ambiguo rapporto tra una parte dell'Occidente e l'Iran degli Ayatollah, che reprime il dissenso e uccide i suoi oppositori in Europa. L'attentato e in Francia e un agguato mortale in Olanda. Ma nessuno reagisce