Stragi islamiche in Afghanistan e Filippine dopo i morti a Manchester lutto globale

| Nel giorno della Festa della Repubblica, il ricordo delle vittime del terrorismo islamico.Le ultime a Kabul e Manila

+ Miei preferiti
Ottanta morti a Kabul, capitale dell'Afghanistan, 36 in un resort di Manila, Filippine, ad opera (forse) di un radicale islamico (forse) con problemi psichici.  A Kabul l'autobomba è esplosa nel quartiere delle ambasciate occidentali, a due km dal palazzo presidenziale. Poche ore fa un altro attentato, all'aeroporto di Jalalabab, in Afghanistan con un morto e decine di feriti.

A mezzanotte un uomo armato e con un tanica di benzina è entrato nel Manila World Resort, resort vicino all'aeroporto, con casino interno, cinema e centro commerciale. Ha appiccato un incendio e 36 persone sono morte, alcuni si sono lanciate dalla finestra per sfuggire a fumo e fiamme. C'è stata una rivendicazione della forte agenzia di Manila che controlla la regione di Marawi ma la polizia ritiene che l'attentatore sia uno squilibrato o un "lupo solitario dell'Islam" o tutte e due le cose.

La situazione in Afghanistan, dove i morti non si contano più dall'inizio dell'anno, è il frutto delle difficoltà della Coalizione occidentale che, dopo dieci anni, sconfitta Al Qaeda, s'è ritrovata di fronte un nuovo avversario, l'Isis che richiede nuove strategie e ingenti forze per contrastarlo. Il Papa ha definito l'attentato di Kabul "orrendo", descrivendo così la morte atroce di chi è stato dilaniato da uno scoppio causato da almeno 100 kg di esplosivo di ultima generazione, che coniuga gli effetti della detonazione con l'onda di calore che provoca, in grado di uccidere in pochi secondi chi ne viene investito.

I morti di Kabul e Manila, seguono quelli di Manchester, Londra, Parigi, Bruxelles, Berlino, Nizza, Stoccolma, Monaco, Istanbul, California, Florida, Fort Bragg, Siria, Iraq, Israele. E molti altri ancora, dispersi in tutto il mondo. Non ricordarli tutti, anche quelli avvenuti al di fuori dell'Europa e dal mondo occidentale, sarebbe una grave ingiustizia.

L'Opinione
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?
L'Europa ama i suoi carnefici
L
Lo strano e ambiguo rapporto tra una parte dell'Occidente e l'Iran degli Ayatollah, che reprime il dissenso e uccide i suoi oppositori in Europa. L'attentato e in Francia e un agguato mortale in Olanda. Ma nessuno reagisce