Tav, Salvini 'ringrazia' i seguaci del guru Ponti

|

+ Miei preferiti
Nello scontro in atto sulla TAV tra Salvini e Di Maio c'è molto di più dell'opera in sé.  L'Alta velocità  è ormai diventata uno spartiacque tra chi tutela gli interessi nazionali ad avere un Paese competitivo, e chi invece ha una visione ideologica e preferisce cullarsi nell'idea di un'Italia arretrata e gloriosa immersa in un mitologico passato. C'è una prova solare dell'applicazione dell'ideologia a tutti i costi, anche al di sopra del bene dell'Italia: la commissione costituita dal ministro Toninelli che doveva valutare i costi e i benefici dell'opera. Chiunque avesse avuto a cuore il bene dell'Italia, avrebbe scelto dei membri della commissione equilibrati per capire cosa davvero conveniva fare all'Italia. Invece il ministro ha scelto degli "esperti" come il prof. Ponti, noti per essere stati ospitati diverse volte sui media per le loro tesi "NO TAV". Dunque il ministro ha sostanzialmente speso i nostri soldi per farsi dire un "no" alla TAV da una commissione....è chiaro che a lui dell'interesse e dei soldi degli italiani non importa nulla. E non ha neppure fatto alcunché per nasconderlo, visto che quanto scriviamo è sotto gli occhi di tutti. Emerge invece un esempio perfetto di faziosità da un lato, e uno spreco di soldi pubblici dall'altro. Di onestà intellettuale, neanche l'ombra. E di onestà nel gestire i soldi pubblici, neppure. Forse l'unica cosa che possiamo riconoscere ai 5 Stelle è la generosità: anche questa volta stanno facendo un grande favore a Salvini, regalandogli le simpatie dei tantissimi italiani favorevoli alla Tav.

DAVIDE RICCARDO ROMANO

L'Opinione
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Il calcio, un mondo (anche) da rieducare
Marcel Vulpis, giornalista ed economista, parte dall’episodio di razzismo avvenuto durante un incontro fra adolescenti, per analizzare lo stato di degrado sociale in cui versa lo sport più amato dagli italiani
Insulti in tv, restiamo umani please
Insulti in tv, restiamo umani please
Tra il giornalista tedesco Ugo Gumpel e Maurizio Belpietro volano gli stracci in diretta tv. Sgarbi durante la trasmissione di Porro insulta, imita e deride Mario Giordano per la voce dal timbro acuto. Ma l'educazione?
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Vergogna, nessun rispetto per Stefano
Orribile fotomontaggio, gira anche nelle chat dei carabinieri. Simbolo dell'odio e di una cattiveria senza limiti. Ma non è un singolo episodio
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Il 60 per cento degli italiani vuole la Tav, grillini spaccati
Sondaggio del Corriere della Sera. Ma è sorprendente che anche il 39 per cento degli elettori grillini sono favorevoli alle Grandi Opere. Uno choc per Di Maio-Toninelli ancora storditi dalla manistazione Si Tav di Torino
Il pugno di Toninelli
Il pugno di Toninelli
Il ministro delle No Infrastrutture a pugno chiuso dopo il sì al Decreto Genova e al condono edilizio di Ischia, passato con l'aiuto di sei senatori forzisti. Di Maio si scaglia contro Salvini. Conte e il flop sul vertice di Palermo
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Asia Bibi, quante vittime dimenticate in tuo nome
Il ricordo del governatore del Punjab ucciso dopo che aveva criticato il reato di blasfemia e la morte del ministro cristiano per le minoranze che si era battuto per la libertà della donna cristiana
Di Maio aggrappato all'ultimo NO, la Tav
Di Maio aggrappato all
Il vicepremier è corso a Torino per dire che industriali e categorie economiche non lo hanno capito. Lui vuole togliere i fondi alla Tav per darli alla Metro. Gli hanno risposto che è lui a non avere capito nulla. Un No per salvarsi?
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
Caso Cucchi, non sia un pretesto per odiare
E' in atto un attacco senza precedenti contro l'Arma dei carabinieri dopo gli ultimi sviluppi giudiziari. Le responsabilità sono individuali e vanno perseguite con rigore. Ma la strumentalizzazione politica diventa insopportabile
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Desiree e Pamela, i tanti colpevoli
Le due minorenni romane, uccise in San Lorenzo e a Macerata, unite dallo stesso destino. Cercavano droga e hanno trovato pusher, stupratori e assassini. Alle spalle famiglie difficili e un comune stato di abbandono
Khashoggi, l'ipocrisia dei media occidentali
Khashoggi, l
La morte del giornalista fa ribrezzo ma quanti altri Khashoggi ci sono nel mondo arabo, dove la libertà di stampa non esiste? Quanti mani sporche di sangue i nostri governanti stringono senza alcun scrupolo?