Fake news, M5s, Pandora Tv
chi ha ragione e chi torto

| Riflessione il giorno dopo sullo sconcertante caso dell'intervista di Dijsselbloem a CNTV. Pandora Tv commenta frasi mai dette, M5s le riporta senza verifica. Ma i fatti sono duri a morire

+ Miei preferiti

"Grazie al sano giornalismo del Corriere della Sera”. Jeroen Dijsselbloem, già presidente dell'Eurogruppo, ringrazia in un tweet il Corriere della Sera per avere svelato (ma non solo il Corriere) la fake news di Pandora Tv ripresa senza nessun tipo di verifica, nella migliore delle ipotesi, da M5S Europa. Al centro l’intervista di Dijsselbloem al canale tv Usa Cnbc dove l'ex presidente dell'Eurogruppo sembrava prevedere “l’implosione" dell'economia italiana. M5s, che teorizza con gioia la fine di alcuni media italiani, minacciando un giorno si e uno no la fine dei contributi statali all’editoria, aveva sostenuto di aver "ripreso un video di Pandora tv contenente l'intervista all'ex presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, con un commento. Quindi il M5s non ha manipolato nessun video, né tantomeno ha pubblicato video manipolati da altri”. E lo stesso Giulietto Chiesa, uno dei fondatori di Pandora TV, ha spiegato in un video (  "Tanto rumore per nulla") che in realtà si trattava di un editoriale, un modo per interpretare “le metafore” di Dijsselbloem, senza entrare nel merito di una traduzione letterale di quanto andava affermando. Dunque, non una fake news, ma “l’interpretazione di una notizia”. Peccato però che le parole pronunciate dall’ex presidente dell’Eurogruppo andavano in tutt’altra direzione e si concludevano con un richiamo alla differenza tra l’economia greca e quella italiana, più solida e importante. Insomma, un lavoro giornalistico non propri d'eccellenza. 

Nell'intervista del 18 ottobre, Dijsselbloem di fatto, pur parlando delle difficoltà dell'Italia e definendo la situazione "abbastanza preoccupante", in sintonia con i richiami della Commissione Ue aveva escluso rischi di contagio che, in caso di implosione, le conseguenze avrebbero travolto anche l’Italia. Chiesa non appare convincente nel suo intervento; più che altro rivendica il diritto di fare giornalismo come meglio ritiene, nel segno di un’autonomia ben definita. Il fatto che M5s abbia ripreso il video non sposta il tema di una virgola. Resta però un semplice aspetto irrisolto, sia da Chiesa che da M5s. Se Dijsselbloem ha fatto delle dichiarazioni, quelle sole dovevano essere commentate, mentre gliene sono state attribuite altre molto diverse. Il punto è questo. Altro non c'è.

Red.Ism

Media
La carica dei reporter avatar
La carica dei reporter avatar
Sono due, copie conformi di due giornalisti in carne e ossa. Leggono le notizie senza commenti e smorfie, lavorano senza sosta e sono la gioia del governo cinese
Twitter, 10 milioni di falsi utenti russi
Twitter, 10 milioni di falsi utenti russi
La società ha diffuso l'elenco dei tweet provenienti da falsi profili legati ad hacker stranieri per influenzare l'opinione pubblica. Spaventosa ondata di fake-news
Malta in piazza per Daphne
Malta in piazza per Daphne
Un corteo spontaneo ha voluto ricordare ad un anno di distanza la morte della reporter investigativa. L’inchiesta langue senza che sia stato individuato alcun mandante, ma la posizione del premier è stata archiviata
La stampa europea è in pericolo
La stampa europea è in pericolo
Sette giornalisti uccisi in un anno hanno fatto scattare l’allarme di “Reporter Sans-Frontieres”: la situazione anche in Europa si sta facendo incandescente
Reporter uccisa, preso l'assassino
Reporter uccisa, preso l
Catturato in Germania l'assassino, incastrato dal Dna. E' un 21enne bulgaro, ha confessato. Svolta sulla morte di Viktoria Marinova, il giovane dopo il delitto era fuggito in bus
La redazione di Repubblica in agitazione
La redazione di Repubblica in agitazione
In un comunicato, il comitato di redazione chiede che gli azionisti si facciano carico dei problemi economici della testata
Tutti gli uomini del diffidente
Tutti gli uomini del diffidente
Parafrasare il titolo del film ispirato al caso Watergate è utile per sintetizzare il libro che Bob Woodward ha dedicato alla figura di Donald Trump, definito “idiota e squilibrato” dai suoi stessi collaboratori
Addio al leggendario Village Voice
Addio al leggendario Village Voice
Dopo 63 anni chiude una delle più celebri testate americane di controcultura: lo scorso anno aveva detto addio alla carta stampata, ma non è bastato
Il reality del migrante
Il reality del migrante
Un’emittente polacca sta per mandare in onda il format di un programma in cui i protagonisti devono vivere per un mese come i migranti lungo la rotta balcanica
La stampa USA contro Trump
La stampa USA contro Trump
Oltre 350 testate hanno aderito all’iniziativa lanciata dal Boston Globe di dedicare un editoriale alle continue accuse che Trump muove agli organi di stampa