Vincenzo Mollica, l'ultimo balconcino

| La Rai gli ha comunicato che il 27 gennaio del prossimo anno sarà in pensione. Ma malgrado i problemi di salute che lo affliggono, il leggendario giornalista del TG1 continua ad avere una gran sete di vita

+ Miei preferiti
Sul leggendario balconcino dell’Ariston, pochi minuti prima del Festival, gli tremano le mani. Non è l’emozione: di edizioni, conduttori e ospiti nella sua carriera, Vincenzo Mollica ne ha visti passare tanti, per trent’anni. Il tremore è la malattia, il Parkinson, quella bestia che quando arriva non lascia in pace il corpo e piano piano se lo prende tutto. Mollica lo sa, sa anche che in televisione si vede, ma non gli importa: non c’è nulla da nascondere nell’essere umanamente fragili.

Il vero eroe di questa edizione di Sanremo per tanti è proprio lui, immancabile su quel piccolo balconcino come nelle interviste che rimbalzano sui canali Rai, sempre così gentile e cortese da essersi meritato una sua forma di linguaggio giornalistico, il “mollichismo”. Così l’aveva definito il critico Aldo Grasso rimproverandogli in modo bonario l’abitudine di parlare sempre bene di chi si trova di fronte. Vincenzo ha abbozzato una difesa, ma ancora una volta senza replicare: “Cerco solo il lato migliore delle persone ed evito di avvicinare chi non mi piace”. Così semplice da sembrare banale: se lo facesse il mondo intero forse vivremmo meglio.

Ma a Mollica vogliono bene tutti, artisti e colleghi, e non è poco nel mondo che bazzica da decenni, tutt’altro che semplice e affollato da gente con l’animo poco pio. E ancora di più gliene vogliono in questi giorni, quando si intuisce l’enorme sforzo di voler essere ancora in prima fila, per non darla vinta a quel bastardo.

“Non ho solo il Parkinson - ha raccontato - sono quasi cieco e ho il diabete: sono un abile orchestratore di medicinali, ma per fortuna non so cosa sia la depressione”. Ma di mollare, non se ne parla: “Ogni giorno mia moglie Rosa mi porta qui alle 9 e viene a prendermi alle 19. La Rai me l’ha già detto: resterò in servizio fino al 27 gennaio del 2020”. Probabilmente, quello di quest’anno è l’ultimo balconcino di Vincenzo.

Ai microfoni di Fabio Fazio, Mollica aveva raccontato del glaucoma che gli ha tolto quel poco di vista che gli aveva lasciato il destino: “Avevo sette anni quando i miei mi portarono da un oculista che dopo avermi diagnosticato un’uveite disse ‘diventerà cieco’. Da allora ho deciso di guardare tutto quel potevo per memorizzarlo prima che arrivasse il buio”.

Nato gennaio del 1953 a Formigne, nel modenese, ma cresciuto in Calabria, Vincenzo Mollica entra in Rai nel 1980 facendosi notare per la grande preparazione sui fumetti, una delle sue passioni più forti. Diventa l’inviato di punta di manifestazioni come la notte degli Oscar, il Festival di Venezia, quello di Cannes e il Festival di Sanremo. Nel 1995, arriva una delle maggiori soddisfazioni della sua carriera: sul numero 2074 di “Topolino” esce la storia “Paperino Oscar del centenario” in cui compare Vincenzo Paperica, la sua perfetta trasposizione a fumetti, disegnata dal grande Andrea Pazienza. “Ho già pronto l’epitaffio per la mia tomba: “Qui giace Vincenzo Paperica, che nella vita fu Mollica”. 

Galleria fotografica
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 1
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 2
Vincenzo Mollica, lultimo balconcino - immagine 3
Media
"Il Ku Klux Klan torni per impiccare i Dem"
"Il Ku Klux Klan torni per impiccare i Dem"
Un editore dell'Alabama, Goodloe Sutton, pubblica un fondo sul Democrat-Reporter in cui auspica il ritorno del Ku Klux Klan "per impiccare i comunisti che vogliono aumentare le tasse". Radiato da associazioni media
Emilio, che da grande volevi fare il giornalista
Emilio, che da grande volevi fare il giornalista
Stroncato da un malore un cronista di razza de La Stampa. Emilio Randacio, 50 anni fra un mese, iniziò la professione a Savona, ancora liceale. Poi una carriera tra Avvenire, Repubblica e La Stampa
Calabresi lascia Repubblica, arriva Verdelli
Calabresi lascia Repubblica, arriva Verdelli
Dopo tre anni alla guida del quotidiano fondato da Scalfari, Calabresi ha ufficializzato il cambio della guardia con un tweet. Il successore è stato vice direttore del Corsera e di Vanity Fair
FyreFestival, l'incredibile truffa Vip
FyreFestival, l
Un 28enne inglese si è inventato un festival su un'isola con Vip e modelle, biglietti da 400 a 300 mila euro, incassando 26 milioni di dollari. Invece dei resort 5 stelle tende da campeggio, niente Vip e panini "marci". Film Netflix
Askanews, lavoratori senza stipendio
Askanews, lavoratori senza stipendio
Procede l'iter del concordato preventivo, la denuncia del Cdr dell'agenzia. Giornalisti e dipendenti senza stipendio, in pericolo altri 27 posti di lavoro. Attacco all'editore Abete: "Riprenda il dialogo"
Dilemma Toffa: to click or not to click
Dilemma Toffa: to click or not to click
Il caso della giornalista delle Iene malata di tumore in diretta sui social è diventato una linfa per le news on lineitaliane. Che sfruttano ogni post per titoli-trappola lontani dalla realtà. Ma molti li cliccano. Analisi di Rolling Stone
Vietati Coniglietto e Peppa Pig
censori cinesi scatenati
Vietati Coniglietto e Peppa Pig<br>censori cinesi scatenati
Offensiva contro la libertà del web in Cina. Il Coniglietto di Riso simbolo del MeToo# vietato insieme a decine di parole che potrebbero "ricordare" critiche o rilievi al Partito Comunista. Effetti comici
Il mestiere di informare
Il mestiere di informare
Da una parte la vicenda di Claas Relotius, il reporter prodigio di “Der Spiegel”, dall’altra la triste fine di Abderrazak Zorgui, precario di “Telvza TV. In mezzo, gli 80 giornalisti uccisi nel 2018.
I network leggevano pure i post privati
I network leggevano pure i post privati
Inchiesta del New York Times, Facebook ha ceduto sino al 2017 milioni di dati sensibili un centinaio di aziende globali, compresa Apple, Spotify, Amazon e Netflix. Un altro scandalo dopo Cambridge Analytics
Il giornalista di grido
che si inventava gli scoop
Il giornalista di grido<br>che si inventava gli scoop
Choc tra i media europei, il pluripremiato Claas Relotius si è inventato personaggi, dettagli e scenari in almeno 60 servizi sul "Der Spiegel" e altri media. Si è dimesso e chiede scusa: "Sono malato, aiutatemi"