125 anni di comodità

| Sono gli anni trascorsi dall’introduzione delle prime scale mobili, invenzione nata mutuando il meccanismo del nastro trasportatore. Nel mondo intero oggi sono in funzione oltre 800mila, per 3 miliardi e mezzo di passeggeri ogni anno

+ Miei preferiti
Si celebra la vita dei grandi personaggi, ma ogni tanto va riconosciuto un certo valore anche alle cose di tutti i giorni. Quegli oggetti meccanici a cui siamo talmente abituati da capirne l’importanza solo quando non funzionano. Un elenco che potrebbe essere lunghissimo, certo, ma che in questi giorni celebra uno degli accessori pubblici più utili, indispensabili e comodi che ci siano: le scale mobili.

La nascita si deve a Jesse W. Reno, newyorkese di nascita e di mestiere imprenditore, che il 15 marzo del 1892 ideò “l’ascensore inclinato”, rielaborando i principi del nastro trasportatore. Una trovata che aveva uno scopo preciso: facilitare l’accesso all’Old Iron Pier di Coney Island. La scala mobile entrò in servizio alla metà di gennaio del 1893: aveva i gradini in legno, era inclinata di 25 gradi e poteva portare 5.350 persone al giorno ad una velocità di 2,1 metri al secondo. Poco, ma molto meglio che salire a piedi.

I gradini in legno restarono una costante per lungo tempo in paesi come la Gran Bretagna, sostituiti dal metallo soltanto nel 1987, dopo il tragico incendio della stazione della metropolitana di King’s Cross St. Pancras, a Londra, che per colpa di un fiammifero causò la morte di 31 persone.

Oggi, per quasi tutto il mondo, le scale mobili sono le “escalator”, in realtà marchio registrato dalla “Otis Elevator Company”, società americana nata nel lontano 1853 e destinata a diventare leader assoluta del mercato mondiale.

L’evoluzione tecnologica ha fatto molto in questi 125 anni, rendendo le scale mobili sempre più sicure, anche se il funzionamento non è molto differente dalle prime: gradini trascinati meccanicamente e un corrimano rivestito in gomma che procede in modo solidale, alla stessa velocità.

Da lì in poi, tutto si è trasformato in una sorta di gara mondiale alla più lunga, più ardita e ripida scala mobile possibile. Oggi, si calcola che le “elevators” siano circa 800mila in tutto il mondo, sufficienti per muovere 3 miliardi e mezzo di persone: in Italia se ne contano circa 10mila, contro le 135mila di tutta Europa.

Fra i record quello della più breve, 84 cm, installata in Giappone del “More’s Department Store”, e la più lunga, in Colombia: 384 metri per un dislivello di 70 metri. In Norvegia esiste una scala mobile studiata per i ciclisti, mentre il re saudita Salman ne ha pretesa una per salire e scendere dai propri aerei. La più antica scala mobile ancora in funzione è quella del “Macy’s Herald Square” di New York.

E proprio nei giorni in cui celebra l’invenzione che ha sconfitto la fatica delle scale, arriva anche uno studio che sfata l’usanza, molto anglosassone, di tenere la destra per favorire il passaggio di chi ha fretta. Secondo un test realizzato dal “Guardian” nella stazione Holborn di Londra, sulle scale mobili è meglio non camminare: ne guadagna sicurezza e velocità. In verità, una ricerca precedente commissionata dall’Università di Greenwich aveva fotografato i comportamenti dei passeggeri: solo il 25% cammina, mentre il 75% si lascia trasportare. Vuoi mettere?

Mondo
SOS DALL'OCEANO INDIANO NAVIGATORE SOLITARIO FERITO
SOS DALL
L'imbarcazione "Thuriya"dell'indiano Abhilash Tomy investita dalla tempesta è alla deriva nell'Oceano Indiano. Ha riportato una lesione alla schiena e non può muoversi per alimentarsi, prigioniero nello scafo. I soccorsi
Orrore nella casa delle bambole
Orrore nella casa delle bambole
Infermiera accoltella tre bimbi e quattro adulti in una clinica clandestina di New York. Sono gravi. Scoperta la rete dell'immigrazione clandestina, donne asiatiche partoriscono per avere la cittadinanza Usa. La mano del racket
L'angosciante delitto del catamarano
L
Isabella Hellman, 41 anni, nel 2017 scomparve nel naufragio di uno yacht al largo di Cuba. Il marito si salvò ma adesso è accusato di omicidio. Movente, il patrimonio di lei. L'FBI ha trovato le sue ultime lettere
Libia, verso l'offensiva finale
Libia, verso l
Nelle ultime ore 15 morti nello scontro tra fazioni rivali, già 112 morti in meno di un mese. L'esercito di Haftar si sta rafforzano in vista dello scontro finale per il controllo della Libia
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
Il governo iraniano accusa Gran Bretagna e Arabia Saudita per l'attentato armato a una parata militare, in cui sono state uccise 24 persone e ferite 20. tra le vittime, 10 pasdaran e alcuni bambini
TRAGEDIA VENEZUELA
agonia di un popolo distrutto dal chavismo
TRAGEDIA VENEZUELA<br>agonia di un popolo distrutto dal chavismo
Ospedali al collasso, epidemie fuori controllo, malati abbandonati, mancano farmaci e non si opera più. La gente cerca cibo tra i rifiuti, emigrazione fuori controllo, scioperi continui. L'indifferenza di Maduro
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Non è la solita carica onorifica che vale più che altro in immagine, ma un incarico pieno, con il potere di siglare trattati internazionali
QUANDO IL KILLER È UNA DONNA
QUANDO IL KILLER È UNA DONNA
Una 26enne apre il fuoco con una pistola contro gli ex colleghi di un centro commerciale del Maryland. Tre morti e quattro feriti gravi. Stava per scadere il suo contratto. Mobilitati centinaia di agenti. Lei si è suicidata
Un assist per Marine Le Pen
Un assist per Marine Le Pen
Perizia psichiatrica per la leader dell'estrema destra francese, rea di avere pubblicato esecuzioni avvenute nei Paesi islamici. Ma il rischio è che diventi una vittima del "politically correct". Libertà di espressione in pericolo
Medellin, chiuso museo dedicato ad Escobar
Medellin, chiuso museo dedicato ad Escobar
Mancano i permessi ma le sale non distanti dall'aeroporto sono una meta turistica obbligata. Foto, ricordi, persino una motocicletta per ricordare il narcos e il puri-assassino zar della droga