32 class action contro Apple

| Le accuse di “obsolescenza programmata” si estendono a macchia d’olio: e se in America fioccano decine di richieste milionarie, in Francia si indaga per truffa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Il conteggio, ancora parziale, parla ormai di 32 class action presentate nei soli Stati Uniti contro Apple, il colosso informatico di Cupertino, accusato di aver deliberatamente rallentato gli iPhone e convincere i possessori ad acquistare i modelli nuovi. E questo senza contare le denunce singole, come quella di Violetta Mailyan, che sentendosi fregata ha richiesto mille miliardi di dollari di risarcimento e quello di Raisa Drantivy, che ha scelto di fermarsi a 100 milioni.

Le ultime due class-action arrivano da San Jose, contea di Santa Clara, California, ma già un’altra è pronta al via, questa volta dalla Corea del Sud, dove secondo l’associazione dei consumatori “Citizens United for Consumer Sovereignty”, sta per essere depositata la causa collettiva di un centinaio di clienti, pronti a chiedere 1.700 euro a testa di risarcimento.

A tutto questo, va aggiunta l’indagine della procura della Repubblica di Nanterre, che ha aperto un fascicolo d’inchiesta per verificare se esistono gli estremi della truffa. Un’indagine resa necessaria dalla denuncia di un’associazione dello scorso dicembre, che accusava Apple di diminuire in modo volontario la durata dei propri smartphone, appellandosi ad una legge francese che in casi simili prevede fino a due anni di carcere e 300 mila euro di multa.

Apple, per la verità, ha tentato di smorzare la polemica sul nascere, negando le accuse di “obsolescenza programmata” con una lettera, dopo una mezza ammissione di colpa e una campagna di parziale risarcimento in cui ha offerto di sostituire le vecchie batterie a prezzi stracciati, oltre a rendere disponibile un aggiornamento specifico di iOS per controllare lo stato di salute delle proprie batterie.

L’importante, per l’azienda guidata da Tim Cook, salvaguardare il futuro dell’iPhone, in assoluto il prodotto più venduto di Apple, nel solo 2017 venduto in 223 milioni di esemplari in tutto il mondo.

Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera