A.A.A. assaggiatori di cioccolato cercasi

| C’è da superare un test di ammissione, ma chi ce la fa sarà chiamato ad assaggiare dolci per 15 ore e mezza a settimana

+ Miei preferiti
Essere pagati per fare qualcosa di meravigliosamente bello: se è sempre stato un sogno per tanti, in tempi di magro come questi è più o meno un’utopia. Se trovare un lavoro è difficile e complicato, trovarlo che piace è quasi impossibile.

Ma non tutto è perduto: con un annuncio lanciato sui social, la multinazionale americana “Mondelez International”, ha lanciato un appello per la ricerca di figure professionali da inserire in azienda. Nello specifico, l’annuncio recita: “Stiamo cercando appassionati di cioccolato, per testare nuovi prodotti di Cadbury Dairy Milk, Oreo, Milka e Green & Black’s USA, da inserire negli organici del Global Science Center di Reading, la nostra sede in Gran Bretagna. Ciò che serve è la passione per il cioccolato e papille gustative in ordine: i candidati dovranno superare una serie di ‘sfide cioccolatose’, compresa quella di rilevare differenze quasi impercettibili fra diversi pezzi di cioccolato, un’abilità che consideriamo vitale per qualsiasi assaggiatore”. L’annuncio specifica che non è richiesta alcuna esperienza precedente - a parte golosità, passione per i dolci, onestà, impegno, capacità di relazionarsi con i team di lavoro e senso del gusto sviluppato - poiché chi supererà i test seguirà un corso di formazione in cui apprendere anche il vocabolario specifico degli assaggiatori, necessario per fornire feedback precisi alla produzione.

Una selezione neanche così impossibile (ovviamente in lingua inglese), che se superata aprirà le porte ad un contratto “permanent” (a tempo indeterminato) come “Research Development Quality”, con orario part-time da 15 ore e mezzo a settimana e paga oraria di 9 sterline. A conti fatti, più o meno 600 euro al mese.

La Mondelez International Inc, con sede a East Hanover, nel New Jersey, è un colosso dell’industria dolciaria che conta 110mila dipendenti in tutto il mondo. L’azienda è proprietaria di alcuni fra i più celebri e diffusi marchi: Cipster, Fonzies, Hag, Splendid, Halls, Mikado, Milka, Oreo, Philadelphia, Ritz, Saiwa, Tobleron, Tuc e Vitasnella.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future