Addio a Paul Bocuse
le roy de la gastronomie

| Si è spento a 91 anni uno dei più grandi chef del mondo, padre della “Novelle Cuisine” e appassionato di cucina fin dalla più tenera età

+ Miei preferiti
Un onore così, spetta solo ai più grandi: Gérard Colomb, ministro degli interni del governo Macron ed ex sindaco di Lione, è stato il primo ad annunciare con un tweet la morte di Paul Bocuse, uno dei più grandi chef della storia: “Monsieur Paul era la Francia: semplicità, generosità, eccellenza e arte nel vivere. Possano i nostri chef, a Lione come in ogni angolo del mondo, coltivare a lungo i frutti della sua passione”.

Neanche un mese fa, l’universo della gastronomia diceva addio a Gualtiero Marchesi, il grande condottiero della cucina italiana. Come lui, anche Bocuse ha voluto andarsene a casa sua, Collonges-au-Mont-d’Or, nei dintorni della sua Lione, dov’era nato nel febbraio del 1926. Anni difficili per pensare alla cucina d’alto lignaggio, anche per chi - come lui - arrivava da un’antica dinastia di cuochi. Ma nessuno, della sua famiglia, sarebbe mai arrivato tanto in alto come Paul, fin da piccolo assiduo frequentatore delle cucine dove lavoravano papà e mamma. A vent’anni appena vuole mettersi alla prova lontano dalla più sicura cerchia familiare: lo assumono a “La Mère Brazier”, uno stellato di Lione, per poi passare dalle cucine del “Lucas Carton” di Parigi, il “Belle Ranges” di Charbonnières-les-Bains e la “Pyramide” di Vienne, nell’Isère, dove incontra quello che per tutta la vita considererà il suo vero mentore e maestro: Fernand Point, il primo chef francese a conquistare tre stelle Michelin, nel lontano 1933.

Passaggi che servono Bocuse per affinare il talento: tornato all’Auberge du Pont de Collonges, il ristorante di famiglia, il suo nome diventa leggendario. La prima stella arriva nel 1958, e sette anni dopo completa il trittico. È l’unico a riuscire nell’impresa al limite dell’impossibile di tenersele strette per oltre mezzo secolo.

Autentico appassionato di cucina, mestiere che considerava la sua stessa vita, Bocuse non ha solo stupito il mondo con i suoi piatti e preparato pranzi e cene per tutti i potenti della terra, ma si è sforzato di elevarla a vera arte. In Francia non gli lesinano ogni onore possibile: lo chiamano il “papà della cucina”, “l’imperatore della gastronomia”, o più semplicemente “Monsieur Paul”.

È lui, insieme ad un piccolo gruppo di cuochi e critici, a dare vita alla “Nouvelle cuisine”, un movimento nato nel 1972 con l’idea di abbandonare la tradizione per percorrere strade nuove e inesplorate della gastronomia. Ed è sempre lui, nel 1987, a creare il “Bocuse d’Or”, uno dei più prestigiosi concorsi di cucina internazionali. Una gloria senza frontiere che gli permette di creare un vero impero con oltre 700 dipendenti e un patrimonio stimato in 50 milioni di euro.

Mondo
Uno sconosciuto in casa
Uno sconosciuto in casa
Piccolo dramma senza vittime: in Giappone, un giovane vive per cinque mesi nella mansarda dell’appartamento di un’anziana signora che non sospettava nulla
"Ucciso dal Cartello, ha violato le regole"
"Ucciso dal Cartello, ha violato le regole"
Salvatore Ponzo, l'importatore genovese, 36 anni, ucciso in Costarica, non voleva sottostare ai diktat imposti dai coltivatori locali. Comprava i suoi prodotti da aziende fuori dal cartello
Ta o Nil, in Irlanda vince Ta. Sì all'aborto
Ta o Nil, in Irlanda vince Ta. Sì all
Il 70 per cento favorevole all'abograzine dell'articola che prevedeva l'aborto solo in caso di pericolo di vita per la madre. Paese lacerato. No prevalente nelle zone rurali, Si nelle aree urbane
Johnson&Johnson, talco cancerogeno
Johnson&Johnson, talco cancerogeno
Condannata a pagare 25 milioni di dollari a una donna che si ammalò di mesatelioma. Nel talco sotto accusa tracce di asbesto che può causare tumori
Il robot di Amazon che indovina il tuo pensiero
Il robot di Amazon che indovina il tuo pensiero
La funzione vocale Alexa ha registrato - senza autorizzazione - una conversazione tra una coppia Usa e l'ha inviata a una persona inserita nei contatti. "Ehi guarda che ti stanno spiando", l'allarme. Amazon si scusa
La storia di Sophie, che voleva diventare grande
La storia di Sophie, che voleva diventare grande
21 anni, francese, trova lavoro come ragazza alla pari in Inghilterra, ma finisce in un incubo da cui non uscirà più. La prima fase del processo si è chiusa in queste ore: omicidio con l’aggravante della crudeltà
Costarica, torturato e ucciso
Costarica, torturato e ucciso
Il manager trovato morto in una scarpata era stato contattato da una ragazza su Badoo, il sito web per incontri, e poi attirato in un appartamento. Seviziato e poi ucciso, forse a scopo di rapina
"Sono guarita ma recupero difficile"
"Sono guarita ma recupero difficile"
Yulia Skripal, figlia dell'ex spia russa Serghei, dimessa dall'ospedale assieme al padre. Ancora ignoti gli autori dell'avvelenamento con il gas nervino del 4 marzo. "Mio padre sta ancora ancora male"
"Protesta pacifica e rispettosa, multe ingiuste"
"Protesta pacifica e rispettosa, multe ingiuste"
I portavoce di giocatori di football americano che si inginocchiano per protesta durante l'inno Usa, protestano contro le multe alle società: "Espressione democratica del dissenso"
Trump, bello twittare senza controlli
Trump, bello twittare senza controlli
Il presidente Usa usa un telefono solo per i tweet ma privo di qualsiasi protezione anti-hacker. I timori della Security, potrebbe essere attaccato. Ma lui insiste, controlli "scomodi"