Anche una pista italiana per la morte della giornalista maltese anti-corruzione

| La presenza sull'isola di personaggi legati ai traffici di esseri umani e petrolio, le modalità e le prime analisi, farebbero pensare ad un'esecuzione di stampo mafioso

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
"Non dimenticherò mai la corsa nei campi: cercavo un modo per aprire la portiera dell'auto. Ho guardato a terra, c'erano pezzi del corpo di mia madre dappertutto". Le parole affidate ad un post da Matthew Caruana Galizia, primogenito di Daphne, la giornalista uccisa lunedì 16 ottobre da un'esplosione, sono un pungo nello stomaco: "Mia madre è stata uccisa perché si è trovata nella terra di mezzo, tra la legge e un paese di corrotti, imbecilli e incompetenti".

Da quel giorno, l'aria a Malta si è fatta pesante: il post di Ramon Mifsud, un agente di polizia incaricato di seguire il caso che commentava allegramente la notizia, aggiungendo "Alla fine tutti hanno quello che si meritano", gli è costato il posto. L'ennesimo imbarazzo per il premier Joseph Muscat, fra i primi a dichiararsi profondamente colpito per l'omicidio, su cui assicura il massimo dell'impegno nelle indagini di fronte ai giornalisti di tutto il mondo, corsi a Malta per seguire quello che omicidio sembra pronto per diventare un lavaggio dei panni sporchi di fronte alla comunità internazionale. Per adesso, Muscat non sbilancia: intervistato, glissa la domanda sui possibili mandanti: "Sarei un irresponsabile se adesso puntassi il dito contro qualcuno".

Sulla dinamica dell'attentato, un testimone ha raccontato di aver sentito due esplosioni distinte: la prima, meno potente, era probabilmente quella che ha attivato il detonatore dell'ordigno nascosto nel serbatoio della Peugeot 108, che ha fatto a pezzi la giornalista.

Le indagini

Julian Assange, l'attivista reso celebre dai dossier "WikiLeaks" che ha fatto tremare il mondo, ha promesso 20mila euro a chiunque fornisca indizi utili a smascherare i killer. Ma malgrado la buona volontà di Assange, non sarà facile mettere insieme il percorso della bomba e delle mani che l'hanno piazzata. Le prime indagini sembrano concentrarsi su una pista che potrebbe avere base in Libia, con sosta  forzata a Malta prima di arrivare in Italia. Percorsi delicati, su cui si concentrano autentici fiumi di droga, denaro, petrolio e prostituzione. In una sola parola: mafia, allo stato puro. Le modalità dell'esecuzione d'altra parte sono una sorta di firma, così come la raffinatezza dell'esplosivo utilizzato, che dalle prime analisi sembra ricondurre ad una matrice italiana.

Nulla è lasciato al caso, soprattutto il filone più recente seguito come un segugio da Daphne, che dopo aver fatto le pulci alla corte del premier Muscat, moglie compresa, accusata di aver intascato un milione di euro, si era concentrata sul filone del narcotraffico e dei misteriosi collegamenti di Adrian Delia, capo dell'opposizione, sui cui conti sarebbero transitati diversi milioni di euro. 

Ad avvalorare la possibile matrice mafiosa l'insediamento sull'isola di personaggi senza scrupoli ben conosciuti dalle polizie internazionali, gente legata al traffico di esseri umani e al contrabbando di petrolio sottratto in Libia per essere dirottato verso l'Italia a bordo di petroliere russe.

Secondo qualcuno, il peggio per il marciume diffuso di Malta dovrebbe ancora arrivare: la fuga di migliaia di società e fondi d'investimento dall'Inghilterra a causa della Brexit, si tradurrebbe in uno sbarco di massa sull'isola del Mediterraneo, dove il clima è ottimo, ma soprattutto le condizioni economiche sono straordinarie. Di più: esplosive.

Mondo
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Il mare avrebbe restituito il cadavere di una bimba di nove mesi, probabilmente un sacrificio umano. Arrestati i genitori, due homeless che vivevano su un furgone. Poche ore dopo un nuovo caso, questa volta di violenza domestica
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attacco suicida in una riunione religiosa, morte 43 persone e 80 feriti. L'esplosione nel Consiglio degli Ulema. Nessuna rivendicazione
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
Una condanna esemplare per l’autrice di un romanzo omosessuale: scatta la reprimenda delle autorità, mentre i social protestano
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni