Kurdistan, anche italiani contro esercito turco

| I dirigenti Pkk cambiano nomi e toponomastica delle località sottili controllo militare Ypg. I turchi temono una contaminazione indipendentista anche nelle regioni oltre il confine. L'azione militare non si ferma. Miliziane italiane

+ Miei preferiti

Non si hanno ancora notizie certe su cosa sta abccadendo ai battaglioni internazionali Ypg dove sono arruolati numerosi milizioni italiani. Dalle zone attaccate dall'esercito turco escono poche e confuse notizie. Di certo, quello che ha scatenato l'offensiva di Erdogan è l'azione dei dirigenti del Pkk che stanno "kurdizzando", cambiando nomi e toponomastica le regioni curde ancora teoricamente sotto il controllo della Siria. Il timore dei turchi è semplice: la spinta autonomista sopita con la violenza potrebbe estendersi anche alle regioni sotto il dominio turche e sia chiaro un fatto. La Turchia non starà a guardare.

L’esercito turco ha confermato di aver lanciato una offensiva terrestre e aerea contro le milizie curde in Siria. Battezzata “Ramoscello d’ulivo” l’operazione, che è diretta principalmente contro le Unità di protezione del popolo curdo (Ypg), è cominciata alle 15 italiane. L’esercito ha precisato che l’operazione sarà effettuata “nel rispetto dell’integrità territoriale della Siria” e che si fonda sui diritti della Turchia secondo la legge internazionale. Nelle file delle formazioni Ypg, combattono decine di miliaziani internazionali, tedeschi , inglesi britannici anche nordamericani. E infina una quindicina di giovani italiani legati alle aree autonome anarchiche. Ora sono in pericolo e anche la Farnesina è allertata per monitorare la situazione. Nelle loro fila sonogià morti, nel corso dell'avanzata verso le roccaforti Isis, decine di soldati dei battaglioni internazionali ed altri invece per i bombardamenti arei turchi. La Russia ha immediatamente espresso preoccupazione lanciando un appello alla “moderazione”: “Mosca è preoccupata da queste notizie”, ha dichiarato il ministero degli Esteri in un comunicato. “Chiediamo alle parti in lotta di mostrare moderazione”, ha sottolineato. I militari russi hanno intanto lasciato la zona di Afrin, nel Nord della Siria, dove l’esercito turco ha lanciato l’offensiva. Lo ha annunciato il ministero della Difesa russo.“Per impedire eventuali provocazioni ed escludere minacce alla incolumità dei militari russi”, le truppe dispiegate nella zona di Afrin “sono state ritirate” verso la zona di de-escalation di Tall Rifaat, ha precisato il ministero in un comunicato.

Mondo
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni