Attacco in Siria, troll russi scatenati

| Il Pentagono denuncia un aumento del 2 mila per 100 delle fake news orchestrate dall'Ira, l'agenzia russa specializzata in attacchi sui social. Il rammarico di Zuckerberg: "Non sono riuscito a fermarli"

+ Miei preferiti

I troll russi stanno scatenando una guerra digitale di disinformazione sulla Siriai, denuncia  il Pentagono. Dopo che gli Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno colpito la Siria con attacchi aerei venerdì sera in risposta a un presunto attacco di armi chimiche ordinato da al-Assad contro i civili, il portavoce del Pentagono Dana W. White ha rivelato che la Russia ha già iniziato a rafforzare il suo gioco di disinformazione sui social media. "La campagna di fake news è già iniziata”,- ha detto White durante un briefing stampa - C’è stato un aumento del 2 mila per cento dei troll russi nelle ultime 24 ore. Pertanto, vi terremo tutti aggiornati sui fatti che si stanno verificando”. White non ha detto su quali piattaforme i troll sono stati attivi, ma il governo russo avrebbe attivamente promosso la diffusione di notizie false. L'Internet Research Agency, collegata al Cremlino, ha diffuso la disinformazione prima e dopo le elezioni americane del 2016, sfruttando Facebook e Twitter per colpire gli utenti. Da allora, le piattaforme hanno preso provvedimenti per eliminare i troll russi, con l'avvio da parte di Facebook di centinaia di account legati all'IRA nelle ultime due settimane. Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha detto al Congresso la scorsa settimana che è stato uno dei suoi "più grandi rimpianti" il social network non è stato in grado di bloccare più troll nel 2016.

Gli attacchi aerei hanno provocato l'ira del presidente russo Vladimir Putin, che ha appoggiato il presidente siriano Bashar al-Assad. "La Russia condanna con la massima fermezza l'attacco contro la Siria, dove il personale militare russo assiste il governo legittimo nei suoi sforzi antiterroristici", ha detto Putin in una delle sue ultime dichiarazioni.

Mondo
Fire Island, ragazzini attaccati da squali
Fire Island, ragazzini attaccati da squali
Primo episodio dopo 70 anni di pacifica convivenza, estratto un dente di squalo dalle ferite per risalire alla specie. Spiagge chiuse
Novichok, spie russe sciatte e distratte
Novichok, spie russe sciatte e distratte
Avevano messo il gas nervino in un flacone di profumo ma non erano riusciti a intossicare l'ex spia Skripal e poi abbandonato il contenitore in un parco. Dove l'ha trovato la vittima Dawn Sturges. Russi identificati
La storia bella di Walter Carr
che non voleva perdere il lavoro
La storia bella di Walter Carr<br>che non voleva perdere il lavoro
Parte a piedi di notte da casa per arrivare in tempo a 32 km di distanza, dove l’aspetta il suo primo giorno di lavoro. La vicenda di un ragazzino che sta commuovendo l’America
Quando la lavatrice fa paura
Quando la lavatrice fa paura
L’avventura a lieto fine di una mamma americana, raccontata sui social: la bimba più piccola si infila nella lavatrice e questa inizia il lavaggio
Attacco taleban: 7 poliziotti uccisi
Attacco taleban: 7 poliziotti uccisi
Agguato nelle province orientali in seguito a un raid aereo che aveva causato la morte di 20 miliziani. Azione non rivendicata
Ordigno incendiario legato a un falco
Ordigno incendiario legato a un falco
Orrore in Palestina, secondo il governo israeliano Hamas lancia volatili nei campi per incendiarli: "Pratica crudele e repellente"
LAS VEGAS, MGM DENUNCIA LE VITTIME DELLA STRAGE
LAS VEGAS, MGM DENUNCIA LE VITTIME DELLA STRAGE
I familiari delle 58 vittime del killer di massa Stephen Paddock e le centinaia di feriti citati in giudizio. Avrebbero danneggiato "con le loro pretese di risarcimento" la Security del casinò da cui fu compiuta la strage. Sdegno e rabbia
Si uccidono altri due amici di Miss GB
Si uccidono altri due amici di Miss GB
A pochi giorni dalla morte del fidanzato di Sophie Gradon, l’ex reginetta di bellezza, la polizia riesce a collegare la morte di due fratelli, amici d’infanzia della coppia
Trump attacca l'Europa ma poi si commuove...
Trump attacca l
I media Usa commentano ironici le sue pretese di avere radici europee. La madre nacque in Scozia ma il padre a New York. "Commovente ma il padre Fred non è tedesco". La storia delle origini svedesi. "False anche quelle"
Il modello ucciso per gelosia
Il modello ucciso per gelosia
E' iniziato il processo per la morte di Harry Uzoka, indossatore per grandi firme della moda ucciso lo scorso gennaio da un amico-collega: era invidioso della sua carriera e della fidanzata