Bere troppo vino o birra accorcia la vita

| Studio choc della Cambridge University su un campione di 600 mila bevitori. Ogni consumo di alcol in più oltre i limiti causa danni paragonabili al fumo. Non superare mai i limiti di 6 bicchieri alla settimana

+ Miei preferiti

Consumare sei bicchieri di vino alla settimana è eccessivo e si tratta di un limite di sicurezza per evitare gravi danni alla salute. Una ricerca dell'Università di Cambridge e della British Heart Foundation, che ha esaminato 600.000 bevitori in tutto il mondo, ha scoperto che superare la quota oltre di cinque bicchieri di vino, o pinte di birra, è pericoloso per la salute, e potrebbe costare anni di vita in meno a una persona, sino a 24 mesi. Un bicchiere di vino in più corrisponde a 15 minuti in meno, più p meno come fumare una sigaretta.

tà di sicurezza, l'equivalente di fumare una sigaretta. La dottoressa Angela Wood, dell'Università di Cambridge, autore dello studio ha detto: "Il messaggio chiave di questa ricerca è che bere meno può aiutare a vivere più a lungo e abbassare il rischio di diverse condizioni cardiovascolari".

Su consiglio del Chief Medical Officer Dame Sally Davies, la Gran Bretagna ha abbassato le linee guida nel 2016 raccomandando che sia gli uomini che le donne non dovrebbero più bere oltre 14 unità di alcolici alla settimana. Prima, la soglia era a 28 per gli uomini 21 per le donne.

 I ricercatori che assimilare quote superiori genera un più alto rischio di ictus, insufficienza cardiaca, aneurismi e malattie mortali ipertensive. E sfida la convinzione diffusa che un consumo moderato di alcol sia benefico per la salute cardiovascolare. Commentando lo studio, il Prof David Spiegelhalter, dell'Università di Cambridge, ha dichiarato: "Si tratta di uno studio massiccio e molto impressionante.  Il documento stima che un quarantenne che beve quattro unità al giorno al di sopra delle linee guida abbia una speranza di vita inferiore di circa due anni, pari a circa un ventesimo della vita residua. Il tutto si conclude con circa un'ora al giorno.  Quindi è come se ogni unità sopra le linee guida prendesse, in media, circa 15 minuti di vita, più o meno come una sigaretta”. Victoria Taylor, Senior dietista presso la British Heart Foundation ha detto: "Molte persone nel Regno Unito regolarmente bevono alcol in modo superiore ai limiti. Dovremmo sempre ricordare che le linee guida sull'alcol dovrebbero fungere da limite, non da obiettivo, e cercare di bere ben al di sotto di questa soglia".

Gli esperti hanno detto che il rapporto, che è stato pubblicato su The Lancet, dovrebbe essere un campanello d'allarme per la generazione del baby boomer che regolarmente beve troppo e sono a rischio di accorciare seriamente la loro vita. Le cifre ufficiali mostrano che nell'ultimo decennio i ricoveri ospedalieri alcol-correlati sono triplicati tra quelli di età compresa tra i 55 e i 74 anni.  

 Rappresentano ora il 45% dei casi, con più di 500.000 entrate nel 2015/16, mentre la percentuale di casi che coinvolgono i bevitori più giovani è drasticamente diminuita. Tony Rao, docente di Geriatria al King's College di Londra, ha dichiarato: "La forza di questo studio è il suo follow-up di un gran numero di persone senza prove di preesistenti malattie cardiovascolari, quindi è probabile che sia rilevante per la popolazione in generale, Sottolinea inoltre la necessità di ridurre i danni alcol-correlati nei baby boomers, una fascia d'età attualmente a più alto rischio di aumento dell'abuso di alcol". 

Il Prof. Tim Chico, Professore di Medicina Cardiovascolare e Consulente Onorario Cardiologo dell'Università di Sheffield, ha aggiunto: "Come previsto, più alcol beve qualcuno, maggiore è il rischio di morte precoce. Non mi stupirei se i bevitori più incalliti perdessero tanti anni di vita come fumatori".

 

Mondo
Maduro, la cena di lusso della vergogna
Maduro, la cena di lusso della vergogna
Il presidente del Venezuela assomiglia sempre di più a Maria Antonietta. Il popolo muore di fame e lui va in uno dei ristoranti più cari di Istanbul. L'opposizione si scatena: "Lui e la first lady si fanno beffe dei venezuelani"
Jaquieline Davis, professione bodyguard
Jaquieline Davis, professione bodyguard
Ha partecipato ad azioni di salvataggio e protezione in tutto il mondo: ora i suoi trent’anni di carriera stanno per diventare un film
#MeToo McDonald's: non siamo nel menu
#MeToo McDonald
I lavoratori Usa del gigante della ristorazione in sciopero gli abusi sessuali. "Non denunciamo perché abbiamo paura di perdere il posto", raccontano i dipendenti. Ma le molestie "accadono ogni giorno"
Medico e fidanzata stupratori seriali
Medico e fidanzata stupratori seriali
Noto medico e la sua complice agganciavano le vittime, forse decine, in bar o feste. Le ubriacavano e poi somministravano droghe e psicofarmaci. Le violenze nel lussuoso alloggio del chirurgo, apparso anche in tv
Ogni cinque secondi muore un bambino
Ogni cinque secondi muore un bambino
Le stime Unicef: nel 2017 morti 6 milioni e 300 mila bambini, la maggior parte nei primi cinque anni di vita. Le percentuali più alte in Africa e nell'area sub-sahariana. Mortalità record in Somalia e Ciad
Abusi, la Chiesa paga 27 milioni di dollari
Abusi, la Chiesa paga 27 milioni di dollari
Risarcimento record a New York per gli abusi subiti da quattro vittime da parte di un insegnante laico di religione, uno dei più ingenti di sempre
Nonno arzillo mette in fuga tre rapinatori
Nonno arzillo mette in fuga tre rapinatori
Accade in Irlanda, un 83enne ha affrontato tre rapinatori in una sala scommesse costringendoli alla fuga, i giovani invece erano fuggiti per la paura
I bimbi dimenticati in obitorio
I bimbi dimenticati in obitorio
La vicenda è avvenuta a Catherine, in Australia: molte famiglie non hanno i soldi per pagare i funerali
Helene Pastor, l'odio l'ha uccisa
Helene Pastor, l
Prima udienza in Tribunale per i dieci accusati del delitto. Sentenza il 19 ottobre. I figli della miliardaria, Gildo e Sylvia, parte civile contro l'ex console polacco. Scambi di accuse tra gli imputati
Ecco la Marijuana Cola
Ecco la Marijuana Cola
La multinazionale pronta a produrre una bevanda con un componente della droga più famosa dai tempi degli hippie. Cambio di filosofia, che ora punta al benessere dei consumatori