Bimbi sequestrati, Melania contro Donald

| L'audio registrato da un avvocato che si occupa della tutela dei migranti con il pianto dei bimbi strappati ai genitori affidato a un quotidiano on-line. Melania contesta il marito: "Odio vedere i bimbi separati"

+ Miei preferiti

 Il quotidiano online americano ProPublica ha ottenuto e pubblicato l’audio registrato all’interno di un centro di detenzione in cui dieci migranti minori sono stati appena separati dai loro genitori. Oltre alle urla e ai pianti (i bimbi chiamano insistentemente la mamma e il papà) a un certo punto si sente la voce di un agente americano. “Bene, abbiamo una orchestra. Quello che manca è il direttore d’orchestra”, si sente nella registrazione. 

“Molti di loro sembra piangano così tanto da riuscire a respirare a fatica”, si legge nell’articolo di ProPublica. Una bimba del Salvador di sei anni chiede invece più volte di chiamare sua zia, dice di sapere il numero a memoria: “Mia mamma mi ha detto che sarei andata con mia zia e che sarebbe arrivata a prendermi il prima possibile”. 

Da aprile a maggio più di 2.300 bambini sono stati separati dalle loro famiglie dopo essere stati fermati negli Stati Uniti dove sono entrati senza documenti dal confine con il Messico. Ad aprile Trump ha iniziato le politiche “di tolleranza zero” che prevedono di perseguire legalmente chiunque riesca ad entrare negli Stati Uniti senza un visto regolare. Più di cento di questi bambini hanno meno di quattro anni. 

L’audio pubblicato da ProPublica è stato registrato la settimana scorsa all’interno di un centro di detenzione della U.S. Customs and Border Protection. La persona che ha registrato l’audio ha chiesto di restare anonima per paura di vendette. L’audio è stato consegnato a ProPublica da Jennifer Harbury, un’avvocato che si occupa di diritti civili e che per decenni ha vissuto nella Rio Grande Valley, lungo il confine tra Texas e Messico. 

Anche la “first lady” Melania Trump commenta duramente la linea del marito Donald, presidente degli Stati Uniti, sui migranti messicani «Odio vedere bimbi separati dalle loro famiglie» ha detto. Secondo alcuni giornalisti al confine con il Messico i bambini verrebbero fatti entrare in gabbie metalliche, 20 alla volta. Inoltre cinque persone sono rimaste uccise dopo  un inseguimento con la polizia di frontiera, in Texas.

 

 

CONDIVIDI SU:

 
Video
Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue