Charlie, l'ultima speranza è un neurologo americano

| Il professore della Columbia University Michio Hirano visiterà lunedì il bimbo a Londra, poi un meeting con gli specialisti inglesi

+ Miei preferiti


Il professore americano Michio Hirano della Columbia University Medical Center, specialista in Neurologia, s'è offerto di sottoporre il piccolo Charlie Ward a una terapia innovativa, cercando così di strapparlo, almeno per qualche mese, dal circuito eutanasico tracciato nei giorni scorsi dai colleghi inglesi, con grande disperazione dei genitori Connie e Chris, una coppia trentenne che risiede nella West London, a Bedford. Hirano ha garantito di essere in grado di visitare il bimbo la prossima settimana, quasi contemporaneamente con la decisione dei giudici, ormai imminente, e comunque di essere in grado di accoglierlo in un ospedale di New York per un estremo tentativo di cura. Il professore è atteso lunedì al Great Ormond Street Hospital e giovedì ci sarà un confronto con i medici che stanno trattando il caso. Lo spiega, in un servizio di ieri, The Telegraph. E' un momento delicato anche perché i giudici avevano cercato di imporre ai giornalisti di non rivelare per ora il nome del professore americano, autore di studi e ricerche sulle malattie degenerative.

I medici del Great Ormond Street Hospital sono scettici, affermano che la terapia è sperimentale e potrebbe non aiutarlo per niente. Le macchine che tengono in vita il piccolo Charlie potrebbero dunque essere spente fra breve. I genitori di Charlie stanno facendo il possibile perché Michio Hirano possa far valere la sua teoria, che potrebbe  ridare una speranza di cura al bimbo o quantomeno prolungare in modo sigificativo la sua vita. Continuano la loro battaglia legale nella High Court, nella Court of Appeal e nella Supreme Court di Londra. Nè sono riusciti a convincere i giudici della European Court of Human Rights di intervenire a loro sostegno.

Inutili sinora i richiami ai giudici londinesi, nonostante le nuove documentazioni mediche. Così è stato mobilitato di nuovo il ministero della giustizia inglese mentre il professore Hirano ridabisce di "potere assicurare un miglioramento del 10 per cento delle condizioni di Charlie", attraverso i nuovi protocolli terapeutici. Vedremo cosa accadrà. C'è un clima di pessimismo attorno al bimbo. Ma i suoi genitori non accettano di essere sconfitti e lotterrano sino all'ultimo.

Le tappe del caso Gard

4 agosto 2016: Charlie Gard nasce a Londra.

Settembre 2016: Charlie si ammala e gli viene diagnosticata una rara malattia genetica dagli specialisti del Great Ormond Street Hospital. Le sue condizioni si aggravano sino alla paralisi muscolare con danni cerebrali.

Gennaio 2017: i genitori di Charlie non voglio rassegnarsi e aprono una pagina su fb per raccogliere fondi per pagare la trasferta di Charlie negli Usa, per ricevere una nuova terapia sperimentale.

3 marzo 2017: Il Great Ormond Street sostiene alla Corte di Giustizia di valutare la possibilità che i trattamenti di supporto possano essere interrotti. Viene sottolineato che Charlie può solo respirare con il ventilatore e che viene alimentato artificialmente.

11 Aprile: giudici e medici si orientano verso l'eutanasia, potrebbero sospendere i supporti vitali dopo un'ultima valutazione da padre della Family Division dell'Alta Corte di Londra. La onclusione è di avviare cure palliative e sospendere le terapie definite inutili.

3 maggio: I genitori si rivolgono alla corte d'Appello perché riconsideri il caso.

23 Maggio: tre giudici respingono l'appello e rinviano la decisione di due giorni.

8 giugno: i genitori perdono la battaglia legale nella Suprema Corte. La mamma scoppia in lacrime al momento della lettura della decisione. 

12 giugno: il portavoce della European Court of Human Rights precisa che date le eccezionali circostanze di questo caso, li documenti verranno esaminati con la massima urgenza.

27 giugno:  I portavoce del Great Ormond Street annunciano che la decisione dell European Court sancisce la fine di un diccificle processo. Stabilisce infatti che on c'è nessun vantaggio a cambiare le cure date a Charlie.

2 luglio: Papa Francesco invia a messaggio di sostegno ai genitori di Charlie sostenendo che le terapie non devono essere sospese sino a quando Charlie non morirà di morte naturale.  L'ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma si rende disponibile  a continuare a sostenere la vita di Charlie.

3 luglio: il  presidente Usa Donald Trump offre il suo aiuto ai genitori di Charlie.

10 July: Chris Gard e Connie Yates si ripresentano alla High Court con la richiesta di adottare un trattamento in grado di prolungare di almeno 11 mesi la vita di Charlie. 

Mondo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Una studentessa australiana si è tolta la vita dopo mesi di angherie e violenze: pochi istanti prima di farla finita ha postato un messaggio straziante
L’ultima scalata di Bikini Climber
L’ultima scalata di Bikini Climber
È stata trovata morta per ipotermia la giovane taiwanese stella dei social che scavala le montagne in bikini
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili