Colorando la città

| Maglie, lane, cotoni e filati diventano il rivestimento per oggetti di uso comune. Breve storia di una street art da sapore antico, che piace tanto anche in Italia

+ Miei preferiti

Eravamo rimasti alle nonne, categoria a cui sembravano legate le ultime speranze di tramandare l'arte antica dell'uncinetto, del fare la maglia utilizzando lana e ferri, incrociati freneticamente d'inverno, magari davanti alle finestre e ai nipotini. Ma nell'era di internet e dei social, chi aveva più voglia di sferruzzare? Nessuno, certo: basta trovare una "app" per sfogarsi senza faticare. Eppure negli Stati Uniti - sempre lì, accidenti – nell'ormai lontano 2005, Madga Sayeg, 37 anni, titolare di un negozio di maglieria di Houston, Texas, per tentare di alzare la curiosità verso la sua attività, fodera con della lana colorata la porta d'ingresso al suo negozio. Non lo sa ancora, ma sta inventando un fenomeno che ha ormai raggiunto dimensioni mondiali, toccando più volte anche l'Italia. Si chiama "Yarn Bombing", e letteralmente sarebbe traducibile come "bombardamento di filati", anche se di bombe non c'è traccia, anzi, l'idea dell'uncinetto e della maglia è forse quanto di più pacifico e distante dalle armi a cui si possa pensare. Il bombardamento a cui si riferisce è semplicemente quello dato dai colori di lane e cotoni con cui da allora, Magda ha cominciato a rivestire oggetti sempre più strani e diversi in giro per il mondo. Una delle sue prime creazioni è un vecchio autobus, che Magda ricopre di maglia all'uncinetto, oggi finito in un museo di Città del Messico, mentre una delle sue più recenti imprese è stata di rivestire 99 tronchi d'albero.

Ma Magda non è più sola: accanto a lei si agita il movimento "Knitta Please", mentre altri artisti fanno parlare le cronache per i loro rivestimenti a sorpresa. È il caso di Agata Olek, che ha dato nuova immagine al celebre toro che campeggia all'ingresso della borsa di Wall Street, a New York, o l'italiana Giusy Marchetti, che dal canto suo ha rivestito una vecchia Fiat 500 rilanciando anche in Italia l'usanza dell'uncinetto. E ancora degli olandesi della Knitted Landscape, che approfittano delle notte per ricoprire le strade di rose fatte ai ferri, ed i Masquerade di Stoccolma, che invece hanno scelto come obiettivo segnali stradali e manifesti pubblicitari. Difficile trovare posto nel mondo che non sia stato "attaccato" da maglie e filati, dimostrando che l'idea di Magda Sayed ha fatto migliaia di proseliti, entrando di diritto nell'elenco delle "street art", le arti da strada a cui appartengono anche i movimenti più invasivi, come l'uso delle bombolette spray, ma che stavolta può almeno contare su una virata tenera, romantica a soprattutto asportabile senza richiedere ordinanze comunali. Anzi, esiste un serissimo protocollo a cui gli adepti della nuova arte stradale si impegnano a rispettare con scrupolo, e che recita: non va installato nulla che possa intralciare il traffico o creare disagio e tutto deve avere caratteristiche di provvisorietà.

Ma resta il dato: lo Yarn Bomgin ha vissuto una popolarità così improvvisa da attirare l'attenzione di enti e istituzioni (Genova e Pistoia sono state fra le prime città ad ospitare eventi), ma anche dei creativi di tutto il mondo. Lo dimostra il curriculum di Magda, che ogni tanto abbandona alberi e panchine per dedicarsi alle richieste di aziende di livello mondiale, che all'uncinetto non ci avevano ancora pensato.

 

Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue