Come fossi una bambola

| L'incredibile abilità di un artista filippino naturalizzato americano: la perfetta riproduzione in scala dei più grandi miti di Hollywood. Pezzi unici, da collezione, in vendita a prezzi stratosferici

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Ecco un tizio che per lavoro pettina davvero le bambole. Ma per fortuna sua non si limita a quello, anzi, le pettina soltanto alla fine, dopo averle create. Si chiama Noel Cruz, vive in America ma ha origini filippine ed una storia alle spalle per nulla divertente: figlio di una famiglia poverissima di Manila, a dieci anni lo spediscono da una zia e lui si rinchiude in un mondo fatto di oggetti che in casa sua non c'erano: libri, giornali e televisione. Legge, sfoglia e guarda senza sosta, restando affascinato dai volti perfetti di attrici e modelle. Lo colpisce per prima soprattutto Lindsay Wagner, conosciuta per aver dato il volto alla "Donna bionica", telefilm di qualche decennio fa, trasmesso anche da queste parti.

La natura inizia a fare il suo corso il giorno in cui Noel prende un pezzo di carta e disegna il volto di una candidata a Miss Universo. È l'inizio della sua piccola leggenda: Cruz non smetterà mai più di disegnare, diventando un ritrattista eccezionale. A 16 anni, la passione si tramuta quasi in mestiere e Noel è così bravo da poter vendere ritratti, aggiustando non poco il traballante bilancio familiare.

L'altra svolta nella vita di Noel Cruz coincide con il matrimonio ed il trasferimento in America, in cerca di miglior fortuna. La neo signora Cruz, seguendo il concetto che Dio li fa e poi li accoppia, nutre da sempre una smodata passione per le bambole. Un giorno, quel giorno, Noel è in cerca di una bambola da regalare alla sua sposa e per caso si imbatte in un esemplare dipinto. Partendo da una comune bambola prodotta in grande serie, qualcuno ha modificato i tratti fino a renderla qualcosa di diverso. È l'anello che ancora mancava alla catena della sua esistenza: torna a casa e inizia a provare e riprovare, creando bambole a cui dona le fattezze di personaggi celebri. La sua prima creazione va all'asta su eBay per 165 dollari. Non molto, ma è un chiaro messaggio: Noel Cruz ha visto la strada.

Oggi, quella dell'artista filippino è un'attività che va a gonfie vele e gli ha dato una grande popolarità in America (www.ncruz.com). Dallo studio creato in California, il suo catalogo di "vip doll designer" riproduce per intero il firmamento di Hollywood, con una precisione impressionante. I divi più celebri, fedelmente riprodotti in ogni minimo dettaglio, abbigliamento e capigliatura compresi, vanno a ruba. Con il tempo, Cruz ha individuato nelle bambole Franklin Mint la materia prima migliore: sono realizzate in vinile ma soprattutto la testa è stampata in modo sottile, tanto da consentire il "repainting", com'è chiamata la tecnica di ridipingerle da zero. Creare ogni pezzo richiede da tre a sei giorni di lavoro, preceduti da una lunga serie di ricerche per riprodurre abiti e acconciature.

Grazie a lui, sono diventati bambole personaggi come Bette Davis, Jene Seymour, Vivien Leight negli abiti di "Via col vento", Liz Taylor in "Cleopatra", Greta Garbo, Orlando Bloom, Johnny Deep (al naturale e come Jack Sparrow), Michael Jackson, Lady Gaga, Cher, Robert Pattinson e Kristen Stewart (i protagonisti di "Twilight"), le tre Charlie's Angels originali e Angelina Jolie. Proprio la riproduzione in scala di quest'ultima, della sofisticata signora Pitt, è stata da poco venduta su eBay a 3.500 dollari.

Mondo
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Il mare avrebbe restituito il cadavere di una bimba di nove mesi, probabilmente un sacrificio umano. Arrestati i genitori, due homeless che vivevano su un furgone. Poche ore dopo un nuovo caso, questa volta di violenza domestica
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attacco suicida in una riunione religiosa, morte 43 persone e 80 feriti. L'esplosione nel Consiglio degli Ulema. Nessuna rivendicazione
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
Una condanna esemplare per l’autrice di un romanzo omosessuale: scatta la reprimenda delle autorità, mentre i social protestano
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni