Cordoglio & carte da bollo

| Due recenti morti celebri, quella di Johnny Hallyday e quella di Ingvar Kamprad dell’Ikea, stanno per finire in tribunale per questioni di eredità. Non è la prima volta, non sarà l’ultima: qualcuno l’ha già scritto

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Non puoi dire di aver conosciuto un uomo finché non hai diviso un’eredità con lui”: meglio di come l’aveva spiegata lo scrittore svizzero Johann Kaspar Lavater, è difficile. In fondo è sempre così: finito il cordoglio e passate le esequie si passa al pratico, e più il compianto era ricco e famoso, più sale il numero di legali messi in moto.

Due morti celebri, ultimamente, hanno rubato la scena alle cronache: Johnny Hallyday, l’Elvis di Francia, salito sull’ultimo palco lo scorso 5 dicembre, e Ingvar Kamprad, papà dell’Ikea, “smontato” il 27 gennaio.

Johnny, figli a secco

Il 9 gennaio, ai funerali di Hallyday, un’immagine aveva rincuorato i fan e a lui sarebbe piaciuta tanto: la grande famiglia allargata di Johnny riunita sugli Champs Élysée, messi vicini dallo stesso dolore che non trova pace. Due mesi, e l’armonia funebre va in frantumi: all’apertura del testamento, si scopre che Johnny non ha lasciato nulla a Laura e David, i due figli. La prima, 34 anni, nata da una relazione con l’attrice Nathalie Baye, il secondo figlio di Sylvie Vartan. L’intero patrimonio del cantante va a Laeticia Boudou, 42 anni, l’ultima moglie, sposata nel 1996, e in caso di morte della consorte, alle due figlie adottate dalle coppia.

I due fratellastri serrano le fila e mettono in moto i legali per impugnare il testamento: a loro neanche una chitarra, una delle sue tante moto, una foto o un disco autografato. Ma la battaglia si annuncia lunga e difficile: Hallyday aveva la residenza in California, dove la legge consente di scegliere liberamente a chi lasciare i propri beni terreni, ma il testamento è stato redatto e registrato in territorio francese.

Ingvar, un gioco di fondazioni

Problemi anche per Peter, Jonas e Mathias Kamprad, figli di Ingvar, ricchissimo e tirchissimo fondatore dell’impero Ikea. Che paparino da tempo avesse creato una ragnatela di fondazioni e società per depotenziare la presenza dei figli all’interno dell’azienda di famiglia è cosa nota, ma dalle ultime notizie sulla “dinasty” svedese, a rimetterci di più sembra sia Annika, la figlia del primo matrimonio, persona non gradita perfino ai funerali.

L’Ikea è controllata dalla Ingka, holding fondata negli anni Ottanta e diretta da Lars Johan Jarnheimer, mentre il marchio Ikea è di proprietà della “Interogo”. Ma i figli non ci stanno, e affinano le armi.

Diseredati illustri

Lo chef Gordon Ramsey, la rockstar Sting, il magnate Bill Gates: sono tre personaggi ad aver stabilito pubblicamente, in piena salute, che quando sarà ora di salutare tutti, non lasceranno nulla ai propri figli. Ma è prassi quasi comune, che le divisioni dei grandi patrimoni finiscano nelle aule dei tribunali: è stato così per Oriana Fallaci, Alberto Sordi, Lucio Dalla, Luciano Pavarotti e Gianni Agnelli.

Mondo
Le spese pazze di Madame Le Pen
Le spese pazze di Madame Le Pen
Taxi, centinaia di bottiglie di champagne e la commissione rifiuta di rimborsare 800 mila euro per coprire le spese elettorali dei populisti francesi
Tensione e confusione a Tripoli, attacco al governo
Tensione e confusione a Tripoli, attacco al governo
Milizie di diverse fazioni si aggirano attorno ai centri vitali della città, il governo legittima denuncia manovre delle milizie Haythem, blindati aeroporto e palazzi ministeriali. E ora arrivano i francesi
I killer conoscevano bene il manager
I killer conoscevano bene il manager
Manager ucciso in Costarica. Si stringe il cerchio su persone vicine ai suoi collaboratori. Pochi sapevano che sarebbe andato all'ambasciata. Interrogati due giovani. Il socio: " Perso un fratello"
Uno sconosciuto in casa
Uno sconosciuto in casa
Piccolo dramma senza vittime: in Giappone, un giovane vive per cinque mesi nella mansarda dell’appartamento di un’anziana signora che non sospettava nulla
Ta o Nil, in Irlanda vince Ta. Sì all'aborto
Ta o Nil, in Irlanda vince Ta. Sì all
Il 70 per cento favorevole all'abograzine dell'articola che prevedeva l'aborto solo in caso di pericolo di vita per la madre. Paese lacerato. No prevalente nelle zone rurali, Si nelle aree urbane
Johnson&Johnson, talco cancerogeno
Johnson&Johnson, talco cancerogeno
Condannata a pagare 25 milioni di dollari a una donna che si ammalò di mesatelioma. Nel talco sotto accusa tracce di asbesto che può causare tumori
Il robot di Amazon che indovina il tuo pensiero
Il robot di Amazon che indovina il tuo pensiero
La funzione vocale Alexa ha registrato - senza autorizzazione - una conversazione tra una coppia Usa e l'ha inviata a una persona inserita nei contatti. "Ehi guarda che ti stanno spiando", l'allarme. Amazon si scusa
La storia di Sophie, che voleva diventare grande
La storia di Sophie, che voleva diventare grande
21 anni, francese, trova lavoro come ragazza alla pari in Inghilterra, ma finisce in un incubo da cui non uscirà più. La prima fase del processo si è chiusa in queste ore: omicidio con l’aggravante della crudeltà
Costarica, torturato e ucciso
Costarica, torturato e ucciso
Il manager trovato morto in una scarpata era stato contattato da una ragazza su Badoo, il sito web per incontri, e poi attirato in un appartamento. Seviziato e poi ucciso, forse a scopo di rapina
"Sono guarita ma recupero difficile"
"Sono guarita ma recupero difficile"
Yulia Skripal, figlia dell'ex spia russa Serghei, dimessa dall'ospedale assieme al padre. Ancora ignoti gli autori dell'avvelenamento con il gas nervino del 4 marzo. "Mio padre sta ancora ancora male"