Cordoglio & carte da bollo

| Due recenti morti celebri, quella di Johnny Hallyday e quella di Ingvar Kamprad dell’Ikea, stanno per finire in tribunale per questioni di eredità. Non è la prima volta, non sarà l’ultima: qualcuno l’ha già scritto

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Non puoi dire di aver conosciuto un uomo finché non hai diviso un’eredità con lui”: meglio di come l’aveva spiegata lo scrittore svizzero Johann Kaspar Lavater, è difficile. In fondo è sempre così: finito il cordoglio e passate le esequie si passa al pratico, e più il compianto era ricco e famoso, più sale il numero di legali messi in moto.

Due morti celebri, ultimamente, hanno rubato la scena alle cronache: Johnny Hallyday, l’Elvis di Francia, salito sull’ultimo palco lo scorso 5 dicembre, e Ingvar Kamprad, papà dell’Ikea, “smontato” il 27 gennaio.

Johnny, figli a secco

Il 9 gennaio, ai funerali di Hallyday, un’immagine aveva rincuorato i fan e a lui sarebbe piaciuta tanto: la grande famiglia allargata di Johnny riunita sugli Champs Élysée, messi vicini dallo stesso dolore che non trova pace. Due mesi, e l’armonia funebre va in frantumi: all’apertura del testamento, si scopre che Johnny non ha lasciato nulla a Laura e David, i due figli. La prima, 34 anni, nata da una relazione con l’attrice Nathalie Baye, il secondo figlio di Sylvie Vartan. L’intero patrimonio del cantante va a Laeticia Boudou, 42 anni, l’ultima moglie, sposata nel 1996, e in caso di morte della consorte, alle due figlie adottate dalle coppia.

I due fratellastri serrano le fila e mettono in moto i legali per impugnare il testamento: a loro neanche una chitarra, una delle sue tante moto, una foto o un disco autografato. Ma la battaglia si annuncia lunga e difficile: Hallyday aveva la residenza in California, dove la legge consente di scegliere liberamente a chi lasciare i propri beni terreni, ma il testamento è stato redatto e registrato in territorio francese.

Ingvar, un gioco di fondazioni

Problemi anche per Peter, Jonas e Mathias Kamprad, figli di Ingvar, ricchissimo e tirchissimo fondatore dell’impero Ikea. Che paparino da tempo avesse creato una ragnatela di fondazioni e società per depotenziare la presenza dei figli all’interno dell’azienda di famiglia è cosa nota, ma dalle ultime notizie sulla “dinasty” svedese, a rimetterci di più sembra sia Annika, la figlia del primo matrimonio, persona non gradita perfino ai funerali.

L’Ikea è controllata dalla Ingka, holding fondata negli anni Ottanta e diretta da Lars Johan Jarnheimer, mentre il marchio Ikea è di proprietà della “Interogo”. Ma i figli non ci stanno, e affinano le armi.

Diseredati illustri

Lo chef Gordon Ramsey, la rockstar Sting, il magnate Bill Gates: sono tre personaggi ad aver stabilito pubblicamente, in piena salute, che quando sarà ora di salutare tutti, non lasceranno nulla ai propri figli. Ma è prassi quasi comune, che le divisioni dei grandi patrimoni finiscano nelle aule dei tribunali: è stato così per Oriana Fallaci, Alberto Sordi, Lucio Dalla, Luciano Pavarotti e Gianni Agnelli.

Mondo
#NeverAgain, i giovani americani contro le armi
#NeverAgain, i giovani americani contro le armi
Hanno deciso di dire basta: non ci stanno più ad essere i bersagli di pazzi armati come soldati in guerra. Li riunisce un movimento e stanno dando del filo da torcere al presidente Trump. Sabato 24 sfileranno a Washington
Il terrorista Abdelslam, processo dimenticato
Il terrorista Abdelslam, processo dimenticato
Frutto avvelenato delle contraddizioni del quartiere di Molebeek a Bruxelles: "Lasciare che i musulmani si gestiscano da soli". Da qui i "soldati" Isis che insanguinano l'Europa. Inchieste lente, politica debole
Per le vittime della Grenfell Tower
Per le vittime della Grenfell Tower
“Justice4Grenfell” si batte perché sul rogo del 14 giugno scorso non cali il silenzio del tempo. L’ultima protesta, tre camion che hanno portato in giro per Londra una domanda
Gli abiti di H&M? Li fanno i carcerati cinesi
Gli abiti di H&M? Li fanno i carcerati cinesi
È quanto ha rivelato al “Financial Times” un ex investigatore privato inglese, detenuto per quasi due anni in Cina
Hikikomori: il cielo in una stanzetta
Hikikomori: il cielo in una stanzetta
La generazione “Hikikomori”: giovani autoreclusi in casa che rifiutano ogni contatto con la realtà. Una sindrome nota in Giappone e sottostimata da altre parti
Niente sesso, siamo (politici) australiani
Niente sesso, siamo (politici) australiani
Uno scandalo scuote l’emisfero boreale: il vicepremier australiano sta per diventare papà di un bimbo concepito con una sua ex assistente. Per colpa sua, il sesso fra compagni di partito sarà vietato per legge
Embrioni uomo-pecora, svolta per nuove terapie
Embrioni uomo-pecora, svolta per nuove terapie
Speranza per i trapianti di organi, potrebbero nascere all'interno degli animali. E' la prima volta che si apre una prospettiva concreta. Le terapie disponibili entro cinque, dieci anni. Effetti curativi sui ratti
Matthew Falder, il pedofilo anomalo
Matthew Falder, il pedofilo anomalo
Condannato a 32 anni di reclusione, non ha mai incontrato nessuna delle sue 132 vittime: si limitava a ordinare umiliazioni attraverso la rete
Mosca, cade aereo di linea 71 morti
Mosca, cade aereo di linea 71 morti
Precipita un Antonov-148 della Saratov Airlines, già molti gli incidenti con questo tipo di velivolo. Schianto dopo il decollo dall'aeroporto di Domededovo. Nessun superstite. Indagine del governo
La silenziosa scomparsa degli internet café
La silenziosa scomparsa degli internet café
Hanno accompagnato la rivoluzione 2.0, quella della connessione per tutti, ma stanno sparendo uno dopo l’altro, sepolti da locali che rinunciano al wifi