Cordoglio & carte da bollo

| Due recenti morti celebri, quella di Johnny Hallyday e quella di Ingvar Kamprad dell’Ikea, stanno per finire in tribunale per questioni di eredità. Non è la prima volta, non sarà l’ultima: qualcuno l’ha già scritto

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Non puoi dire di aver conosciuto un uomo finché non hai diviso un’eredità con lui”: meglio di come l’aveva spiegata lo scrittore svizzero Johann Kaspar Lavater, è difficile. In fondo è sempre così: finito il cordoglio e passate le esequie si passa al pratico, e più il compianto era ricco e famoso, più sale il numero di legali messi in moto.

Due morti celebri, ultimamente, hanno rubato la scena alle cronache: Johnny Hallyday, l’Elvis di Francia, salito sull’ultimo palco lo scorso 5 dicembre, e Ingvar Kamprad, papà dell’Ikea, “smontato” il 27 gennaio.

Johnny, figli a secco

Il 9 gennaio, ai funerali di Hallyday, un’immagine aveva rincuorato i fan e a lui sarebbe piaciuta tanto: la grande famiglia allargata di Johnny riunita sugli Champs Élysée, messi vicini dallo stesso dolore che non trova pace. Due mesi, e l’armonia funebre va in frantumi: all’apertura del testamento, si scopre che Johnny non ha lasciato nulla a Laura e David, i due figli. La prima, 34 anni, nata da una relazione con l’attrice Nathalie Baye, il secondo figlio di Sylvie Vartan. L’intero patrimonio del cantante va a Laeticia Boudou, 42 anni, l’ultima moglie, sposata nel 1996, e in caso di morte della consorte, alle due figlie adottate dalle coppia.

I due fratellastri serrano le fila e mettono in moto i legali per impugnare il testamento: a loro neanche una chitarra, una delle sue tante moto, una foto o un disco autografato. Ma la battaglia si annuncia lunga e difficile: Hallyday aveva la residenza in California, dove la legge consente di scegliere liberamente a chi lasciare i propri beni terreni, ma il testamento è stato redatto e registrato in territorio francese.

Ingvar, un gioco di fondazioni

Problemi anche per Peter, Jonas e Mathias Kamprad, figli di Ingvar, ricchissimo e tirchissimo fondatore dell’impero Ikea. Che paparino da tempo avesse creato una ragnatela di fondazioni e società per depotenziare la presenza dei figli all’interno dell’azienda di famiglia è cosa nota, ma dalle ultime notizie sulla “dinasty” svedese, a rimetterci di più sembra sia Annika, la figlia del primo matrimonio, persona non gradita perfino ai funerali.

L’Ikea è controllata dalla Ingka, holding fondata negli anni Ottanta e diretta da Lars Johan Jarnheimer, mentre il marchio Ikea è di proprietà della “Interogo”. Ma i figli non ci stanno, e affinano le armi.

Diseredati illustri

Lo chef Gordon Ramsey, la rockstar Sting, il magnate Bill Gates: sono tre personaggi ad aver stabilito pubblicamente, in piena salute, che quando sarà ora di salutare tutti, non lasceranno nulla ai propri figli. Ma è prassi quasi comune, che le divisioni dei grandi patrimoni finiscano nelle aule dei tribunali: è stato così per Oriana Fallaci, Alberto Sordi, Lucio Dalla, Luciano Pavarotti e Gianni Agnelli.

Mondo
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Le autorità hanno fucilato Hassan Adan Isaq, 23 anni, esponente di al-Shabaab, uno dei responsabili dell"11 settembre somalo". Ma la gente è delusa: "Paga solo uno, e gli altri?"
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Se fosse accertato che dietro l’uccisione del giornalista ci fosse Riad, l’America è pronta a decidere “punizioni severe”. Imbarazzo dei leader mondiali: a breve Riad ospiterà il forum economico internazionale
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Rubati, attraverso le liste di amici, i token di accesso. Attacco non ha coinvolto Instagram e le chat
Il bianconero che la Juve non conosce
Il bianconero che la Juve non conosce
Per oltre un anno, Dionicio Farid Rodriguez Duran ha fatto credere di essere stato ingaggiato dalla società torinese. E in Messico era diventato un vero divo
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Zamira Hajiyeva ha speso 1,6 milioni di sterline in 10 anni: su di lei è scattata un’indagine del fisco inglese per capire come abbiano fatto lei e il marito (in galera) ad accumulare tanta ricchezza
Terrore a Barkan, uccisi due israeliani
Terrore a Barkan, uccisi due israeliani
Le forze di sicurezza cercano un palestinese di 23 anni che ha sparato contro i lavoratori di una fabbrica in Cisgiordania. Ferita grave anche una donna. il governo: "Atto terroristico"
Cina: alla fiera dei cuori solitari
Cina: alla fiera dei cuori solitari
Una curiosa deriva della società cinese: genitori che si incontrano nei parchi, scambiandosi notizie sui propri figli a scopo matrimonio
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi
Scambio di accuse fra la Turchia e l’Arabia Saudita sulla sorte del giornalista, firma del Washington Post. Secondo una ricostruzione considerata attendibile, sarebbe stato ucciso all’interno del consolato saudita
Morire per un selfie
Morire per un selfie
Dal 2011 oltre 250 morti in tutto il mondo per catturare un'immagine spettacolare da postare sui social. In Russia e India il maggior numero di casi. Travolti dalle onde, precipitati nel vuoto, investiti da treni e auto. Fenomeno in aumento