Cordoglio & carte da bollo

| Due recenti morti celebri, quella di Johnny Hallyday e quella di Ingvar Kamprad dell’Ikea, stanno per finire in tribunale per questioni di eredità. Non è la prima volta, non sarà l’ultima: qualcuno l’ha già scritto

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Non puoi dire di aver conosciuto un uomo finché non hai diviso un’eredità con lui”: meglio di come l’aveva spiegata lo scrittore svizzero Johann Kaspar Lavater, è difficile. In fondo è sempre così: finito il cordoglio e passate le esequie si passa al pratico, e più il compianto era ricco e famoso, più sale il numero di legali messi in moto.

Due morti celebri, ultimamente, hanno rubato la scena alle cronache: Johnny Hallyday, l’Elvis di Francia, salito sull’ultimo palco lo scorso 5 dicembre, e Ingvar Kamprad, papà dell’Ikea, “smontato” il 27 gennaio.

Johnny, figli a secco

Il 9 gennaio, ai funerali di Hallyday, un’immagine aveva rincuorato i fan e a lui sarebbe piaciuta tanto: la grande famiglia allargata di Johnny riunita sugli Champs Élysée, messi vicini dallo stesso dolore che non trova pace. Due mesi, e l’armonia funebre va in frantumi: all’apertura del testamento, si scopre che Johnny non ha lasciato nulla a Laura e David, i due figli. La prima, 34 anni, nata da una relazione con l’attrice Nathalie Baye, il secondo figlio di Sylvie Vartan. L’intero patrimonio del cantante va a Laeticia Boudou, 42 anni, l’ultima moglie, sposata nel 1996, e in caso di morte della consorte, alle due figlie adottate dalle coppia.

I due fratellastri serrano le fila e mettono in moto i legali per impugnare il testamento: a loro neanche una chitarra, una delle sue tante moto, una foto o un disco autografato. Ma la battaglia si annuncia lunga e difficile: Hallyday aveva la residenza in California, dove la legge consente di scegliere liberamente a chi lasciare i propri beni terreni, ma il testamento è stato redatto e registrato in territorio francese.

Ingvar, un gioco di fondazioni

Problemi anche per Peter, Jonas e Mathias Kamprad, figli di Ingvar, ricchissimo e tirchissimo fondatore dell’impero Ikea. Che paparino da tempo avesse creato una ragnatela di fondazioni e società per depotenziare la presenza dei figli all’interno dell’azienda di famiglia è cosa nota, ma dalle ultime notizie sulla “dinasty” svedese, a rimetterci di più sembra sia Annika, la figlia del primo matrimonio, persona non gradita perfino ai funerali.

L’Ikea è controllata dalla Ingka, holding fondata negli anni Ottanta e diretta da Lars Johan Jarnheimer, mentre il marchio Ikea è di proprietà della “Interogo”. Ma i figli non ci stanno, e affinano le armi.

Diseredati illustri

Lo chef Gordon Ramsey, la rockstar Sting, il magnate Bill Gates: sono tre personaggi ad aver stabilito pubblicamente, in piena salute, che quando sarà ora di salutare tutti, non lasceranno nulla ai propri figli. Ma è prassi quasi comune, che le divisioni dei grandi patrimoni finiscano nelle aule dei tribunali: è stato così per Oriana Fallaci, Alberto Sordi, Lucio Dalla, Luciano Pavarotti e Gianni Agnelli.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future