Costa Concordia, sei anni dopo

| È il primo anniversario con il comandante Schettino chiuso in carcere, il terzo da quando il relitto ha abbandonato l’Isola del Giglio. Una tragedia che nessuno dimentica: chi si è salvato e chi, quella notte, ha pagato tutto con la vita

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Francesco Schettino è in carcere: tre gradi di giudizio hanno stabilito che innocente non lo è, anzi. È sua la colpa del disastro della “Costa Concordia” che sei anni fa esatti trascinò davanti agli occhi del mondo la peggiore delle immagini possibili di un’Italia così inutile e codarda da pensare che certe cose andassero bene solo per le commedie di Sordi e Verdone.

Era una sera tranquilla e dalla visibilità ottima, quella del 13 gennaio 2012. L’immensa Costa Concordia era partita per Savona per l’ultima tappa della “Profumo d’Agrumi”, una crociera nel Mediterraneo, una delle tante che toccano le più celebri località di Italia, Francia e Spagna. Una nave che era l’orgoglio della “Costa Crociere”: 290 metri di lunghezza, 1.500 cabine per ospitare 3.780 passeggeri, 13 ponti, 5 ristoranti, 4 piscine, percorsi jogging, campo polisportivo. Un gioiello costato 450 milioni di euro realizzato dalla Fin Cantieri nel porto Sestri Ponente.

Partita da Civitavecchia alle 18:57 e raggiunte le acque dell’Isola del Giglio, la nave si avvicina a 450 metri dalla costa per “l’inchino”, nel gergo marinaresco un segno di saluto. Schettino è un capitano di lungo corso, l’ha fatto milioni di volte, ma qualcosa quella sera va storto: alle 21:45, la Costa Concordia urta gli scogli delle Scole, un piccolo spuntone di roccia che apre una falla lunga 70 metri sul lato sinistro. A 96 metri dalla costa, l’enorme nave da crociera si ferma: saltano l’impianto elettrico e i motori, quattro compartimenti si allagano fino all’altezza del ponte Zero. Scattano gli allarmi, la Costa Concordia inizia ad inclinarsi e a bordo si scatena il panico. Schettino riferisce l’accaduto al capo dell’unità di crisi della Costa Costa Crociere, minimizzando sugli effettivi danni della nave.

Dagli altoparlanti si invitano i passeggeri a mantenere la calma e tornare nelle proprie cabine. Un messaggio che per fortuna non ascolta quasi nessuno: tutti convergono verso i punti di riunione. Alle 22:33, con un colpevole ritardo, vengono lanciati i sette fischi che significano l’emergenza generale. È il caos.

La capitaneria e le forze dell’ordine, in contatto con la nave, inviano mezzi per supportare l’evacuazione, mentre la Costa Concordia si inclina sempre di più. Sono i minuti in cui il capitano di fregata Gregorio de Falco avrà la celebre telefonata con il Francesco Schettino: quella in cui gli ordina di tornare a bordo. Proprio Schettino era stato fra i primi ad abbandonare la nave, alla faccia di ogni regola, senso di responsabilità e umana pietà.

Le operazioni di soccorso vanno avanti tutta la notte: l’ultimo traghetto lascia la nave alle 5:27 del mattino con 51 superstiti. Alle prime luci dell’alba, si fanno i conti: mancano all’appello 32 persone, oltre ai 157 feriti, di cui 14 ricoverati in ospedale.

Per tre lunghi anni, il relitto della Costa Concordia resta nella stessa posizione di quella notte, diventando un triste monumento all’arroganza e la negligenza umana. Nel luglio del 2014, con un imponente sforzo tecnologico, l’immagine dell’Italia si riscatta un po’, anche se tardivamente, come sempre. Un’operazione senza precedenti di uomini e tecnologie che coinvolge 78 aziende e 350 addetti, per un milione di ore di lavoro complessive, riesce nell’impresa mai tentata prima di raddrizzare la nave, trainandola poi verso l’ultimo viaggio: i cantieri navali di Genova, dove sarà smantellata totalmente.

La Costa Crociere è stata condannata a pagare una provvisionale di danni compresa fra i 45mila ed i 65mila euro a passeggero, in attesa della decisione definitiva dei tribunali civili. Per tutta la durata dei tre processi, Schettino si dichiara prima innocente, quindi tenta di dividere le colpe con gli altri ufficiali della nave. Oggi sconta 16 anni di reclusione: a conti fatti, sei mesi per ognuno dei 32 morti che dovrebbero pesargli sulla coscienza.

Una triste ricorrenza

A non dimenticare la notte del 13 gennaio 2012 sono soprattutto gli abitanti dell’Isola del Giglio. Nella chiesa dei santi Lorenzo e Mamiliano, la stessa che quella notte si aprì per ospitare le migliaia di naufraghi terrorizzati e infreddoliti, una messa ha ricordato le 32 vittime, scandendo i nomi uno dopo l’altro. Nei primi banchi l’allora capo della Protezione Civile Franco Gabrielli, il Comandante De Falco, i familiari delle vittime, tanti dei sopravvissuti.

Una corona di fiori e una fiaccolata fino al molo, davanti alla targa in cui sono incisi i nomi di chi quella notte ha pagato con la vita.

Video
Mondo
SOS DALL'OCEANO INDIANO NAVIGATORE SOLITARIO FERITO
SOS DALL
L'imbarcazione "Thuriya"dell'indiano Abhilash Tomy investita dalla tempesta è alla deriva nell'Oceano Indiano. Ha riportato una lesione alla schiena e non può muoversi per alimentarsi, prigioniero nello scafo. I soccorsi
Orrore nella casa delle bambole
Orrore nella casa delle bambole
Infermiera accoltella tre bimbi e quattro adulti in una clinica clandestina di New York. Sono gravi. Scoperta la rete dell'immigrazione clandestina, donne asiatiche partoriscono per avere la cittadinanza Usa. La mano del racket
L'angosciante delitto del catamarano
L
Isabella Hellman, 41 anni, nel 2017 scomparve nel naufragio di uno yacht al largo di Cuba. Il marito si salvò ma adesso è accusato di omicidio. Movente, il patrimonio di lei. L'FBI ha trovato le sue ultime lettere
Libia, verso l'offensiva finale
Libia, verso l
Nelle ultime ore 15 morti nello scontro tra fazioni rivali, già 112 morti in meno di un mese. L'esercito di Haftar si sta rafforzano in vista dello scontro finale per il controllo della Libia
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
"Terroristi addestrati in Arabia Saudita"
Il governo iraniano accusa Gran Bretagna e Arabia Saudita per l'attentato armato a una parata militare, in cui sono state uccise 24 persone e ferite 20. tra le vittime, 10 pasdaran e alcuni bambini
TRAGEDIA VENEZUELA
agonia di un popolo distrutto dal chavismo
TRAGEDIA VENEZUELA<br>agonia di un popolo distrutto dal chavismo
Ospedali al collasso, epidemie fuori controllo, malati abbandonati, mancano farmaci e non si opera più. La gente cerca cibo tra i rifiuti, emigrazione fuori controllo, scioperi continui. L'indifferenza di Maduro
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Miss Rihanna, ambasciatrice delle Barbados
Non è la solita carica onorifica che vale più che altro in immagine, ma un incarico pieno, con il potere di siglare trattati internazionali
QUANDO IL KILLER È UNA DONNA
QUANDO IL KILLER È UNA DONNA
Una 26enne apre il fuoco con una pistola contro gli ex colleghi di un centro commerciale del Maryland. Tre morti e quattro feriti gravi. Stava per scadere il suo contratto. Mobilitati centinaia di agenti. Lei si è suicidata
Un assist per Marine Le Pen
Un assist per Marine Le Pen
Perizia psichiatrica per la leader dell'estrema destra francese, rea di avere pubblicato esecuzioni avvenute nei Paesi islamici. Ma il rischio è che diventi una vittima del "politically correct". Libertà di espressione in pericolo
Medellin, chiuso museo dedicato ad Escobar
Medellin, chiuso museo dedicato ad Escobar
Mancano i permessi ma le sale non distanti dall'aeroporto sono una meta turistica obbligata. Foto, ricordi, persino una motocicletta per ricordare il narcos e il puri-assassino zar della droga