Dalla Cina con dolore

| La storia di Chen Huihui ha commosso il paese del Sol Levante: quando aveva sei anni si perde alla stazione di Shangai, la ritrova 26 anni dopo un programma televisivo

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
È una storia che sarebbe piaciuta tanto ad uno di quei programmi dove la lacrima prima o poi arriva, perché fa audience. Ventisei anni fa, nel 1992, Chen Huihui prende il treno insieme al padre e una delle sue zie: cose che capitano, nulla di preoccupante in qualsiasi altra parte del mondo, ma non in Cina. Alla stazione di Shangai devono cambiare treno: scendono, la zia deve fare una commissione e raccomanda alla bambina di restare ferma e immobile davanti ad un negozio. È un attimo: una folla oceanica, che va per i fatti propri senza neanche incrociare lo sguardo, la travolge ingoiandola. Risultato: di Chen, sei anni, si perde ogni traccia. Sulle sue tracce si mettono in tanti: parenti, volontari e polizia, ma non c’è niente da fare. Sarà stata rapita, rassegnatevi, dicono ai genitori. Il caso di Chen rientra in una statistica terribile, che raccoglie quelli di migliaia di altri bambini che ogni anno scompaiono in Cina.

Per Chen non è così, ma nessuno lo sa: per 26 anni ha cercato di ritrovare la famiglia, che ai tempi viveva in una zona rurale nel nord della Cina, senza riuscirci. L’ultima speranza, quando ormai Chen è diventata una donna 32 anni, sembra offrirgliela “Baby Come Home”, un programma televisivo molto seguito che si offre di ritrovare le persone scomparse, con all’attivo almeno 2.200 ritrovamenti.

Ma perfino loro, veri professionisti della ricerca, impiegano mesi, ma alla fine, a forza di incrociare dati, si imbattono nella denuncia di un uomo che parecchi anni prima aveva smarrito la figlioletta alla stazione di Shangai. Ma visto che il tempo trascorso è davvero troppo, per avere la certezza del ritrovamento serve un’analisi del DNA.

Qualche giorno fa, Chen ha potuto riabbracciare solo suo padre, perché la mamma è morta anni fa, anche per l’infinito dolore di aver perso una figlia. Chen Huihui, ha raccontato la sua parte della vicenda: ha vagato per le strade di Shangai senza sapere dove andare. Poi ha incontrato un anziano contadino della provincia di Shandong che intenerito dalla sua storia, l’ha cresciuta come fosse stata sua figlia.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future