Dateci Bitcoin, vi daremo del pollo

| Non è un offesa, ma un’offerta commerciale lanciata via Twitter dalla filiale canadese della catena fast-food KCF: si accettano pagamenti con criptovaluta

+ Miei preferiti
Per qualcuno sono un business e per altri una bufala epocale, ma per la maggior parte del mondo l’equivalente di un punto interrogativo. Ma dal colosso fast-food “KFC”, l’impero americano basato sul pollo fritto del Kentucky, arriva un’occasione per trasferire la criptomoneta dalla bocca all’apparato digerente di tutti. O per lo meno, di coloro che in Canada vorranno approfittare del “Bitcoin Bucket”, uno speciale secchiello che racchiude 10 tender, due filetti di pollo, patatine fritte waffle, salse e contorno: il tutto alla modica cifra di un Bitcoin.

L’idea, lanciata via Twitter con lo slogan “Forse non sappiamo esattamente cosa siano e come funzionano, ma questo non si metterà sicuramente tra voi e un pollo buono da leccarsi le dita”, non è però una novità assoluta sull’interesse con cui il velocissimo mondo del fast-food guarda alle valute del futuro. Qualche mese fa, la filiale di “Burger King” aveva addirittura lanciato la propria criptovaluta, il “Whoppercoin”, subito accantonata perché veicolo potenzialmente utile per riciclare denaro di provenienza sospetta.

Il mistero Bitcoin

Sale e scende, come la marea: ai primi giorni di ottobre dello scorso anno, pochi mesi fa, un Bitcoin valeva 235 dollari, diventati 334 poche settimane dopo e oggi svalutati della metà del valore. Il timore è proprio questo, l’estrema inaffidabilità delle monete virtuali, da scambiare via internet senza alcun controllo centrale. Ogni risparmiatore, sempre che il termine valga ancora, ha la facoltà di costruirsi in completo anonimato il proprio “wallet”, il portafoglio, protetto da sistemi di sicurezza informatica con codici che arrivano a superare le 10 cifre.

Se si tratti della moneta del futuro o meno è presto per dirlo, ma uno scossone alla supremazia delle banche c’è, e si fa sentire. In America, le colonnine bancomat per tramutare monete elettroniche in dollari veri sono ormai un centinaio, contro le quasi settanta del Canada e le sei presenti attualmente in Italia. Lo stesso vale per negozi ed attività commerciali: sempre di più, anche se la scelta finisce per fare notizia, sono quelli scrivono in vetrina di accettare pagamenti in moneta elettronica.

La più celebre si chiama “Bitcoin”, nasce nel 2009 da un anonimo inventore, celato dallo pseudonimo Satoshi Nakamoto. Nel 2012, il controvalore dell’economia Bitcoin era calcolato in 140 milioni di dollari americani, salito un anno dopo a 1,4 miliardi fino ad arrivare pochi mesi dopo a quota sei miliardi.

Mondo
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Il mare avrebbe restituito il cadavere di una bimba di nove mesi, probabilmente un sacrificio umano. Arrestati i genitori, due homeless che vivevano su un furgone. Poche ore dopo un nuovo caso, questa volta di violenza domestica
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attacco suicida in una riunione religiosa, morte 43 persone e 80 feriti. L'esplosione nel Consiglio degli Ulema. Nessuna rivendicazione