E’ boom degli incontri in Rete

| Da chi desidera trovare l’amore della propria vita a chi semplicemente è alla ricerca di una notte sfrenata di sesso. I dati che giungono dagli Stati Uniti si discostano di poco da quelli italiani

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Il progressivo utilizzo delle nuove tecnologie attraverso il web ha finito per stravolgere anche i rapporti amorosi. I siti di incontri in Internet sono diventati un modo sempre più diffuso per conoscere dei potenziali partner. E per rispondere al crescente interesse, la tipologia di siti di questo tipo si è sempre più diversificata, con portali che promettono di fare incontrare a chi è solo l’amore della sua vita, ad altri viene offerta la possibilità di un’amicizia stuzzicante e all’insegna sesso, ma senza impegno reciproco se non quello di trascorrere una notte all’insegna della trasgressione più assoluta.

La maggior parte di questi siti ha l’iscrizione gratuita e permette di chattare e conoscere single di ogni età, classe sociale, nazionalità e cultura, a volte si paga una piccola cifra per servizi vari. Peraltro i siti di incontri online consentono numerosi vantaggi che la popolazione immersa nel mondo di Internet ha colto immediatamente. In primo luogo, internet abbatte i muri delle distanze, consentendo conoscenze anche con persone che sono lontane dai propri confini geografici: circa il 60 per cento degli iscritti dichiara che questa rappresenta la motivazione più importante e che i siti di incontri vengano utilizzati e scelti prettamente per intrattenimento.  

In secondo luogo, non va dimenticato che l’approccio fatto con l’aiuto di uno schermo ed una tastiera è decisamente più facile, soprattutto per personalità molto schive e timide o che hanno collezionato troppi rifiuti: ben il 63 per cento degli utenti, infatti, dichiara apertamente di scegliere il metodo di conoscenza online per minimizzare l’impatto diretto e sfruttare l’effetto camaleontico del web. Il rischio del rifiuto, così, non solo diventa meno probabile, ma anche meno bruciante, perché un no ricevuto da un contatto virtuale ha un sapore meno amaro di uno sentito a voce da una persona a pochi centimetri di distanza. Non mancano poi quelli che sfruttano l’occasione per fare show dell’estetica ed implementare la propria autostima: una percentuale che sfiora addirittura il 70 per cento della popolazione mondiale, di cui la maggior parte americani, seguiti immediatamente da italiani e spagnoli.

Secondo una recente inchiesta svolta da un'università del Connecticut, negli Stati Uniti, 41 milioni di persone hanno provato i siti di incontri online, a fronte di una popolazione di 51 milioni di single. Certo, si può obiettare che non tutti quelli iscritti ad un sito di incontri siano single, e anche il fatto che non tutti quelli che hanno provato siti di incontri abbiano visto che la cosa faceva per loro, ma il dato comunque è significativo della diffusione del fenomeno. Il fruitore dei servizi on-line spende mediamente 238 dollari all’anno. Molti siti di incontri sono gratis, ma altri richiedono una quota di iscrizione o un pagamento per accedere a servizi premium. In quanto a percentuali, il 52 per cento degli iscritti ai siti di incontri sono uomini. Un numero che probabilmente lievita, anche se non di molto in Italia dove la percentuale dovrebbe salire nell’ordine di 5 o 6 punti al massimo.

Negli Stati Uniti, risulta che oltre il 70 per cento degli utenti creda all’amore a prima vista. Una grande parte del mondo degli incontri online è quello di trovare qualcuno con cui divertirsi senza impegno. Ma apparentemente la speranza finale di molti è quella di trovare prima o poi l’amore. Sempre secondo l’inchiesta a stelle e strisce, il 20 per cento delle relazioni a lungo termine (e il 17 per cento dei matrimoni) nasce da siti di incontri. Alcuni considerano i siti di incontri poco efficaci, ma altri garantiscono che sono la strada giusta per trovare l’anima gemella. Secondo le statistiche, questi ultimi non sembrano sbagliare.

Sembrerà strano, ma il 42 per cento degli uomini americani preferisce le “donne in carriera”. Un altro luogo comune è che gli uomini sognino una donna che abbia come sogno della vita stirare e cucinare per lui. Non è così, anzi molti uomini apprezzano molto che una donna si impegni nel lavoro e faccia carriera. Forse in Italia questa percentuale è destinata a scendere, ma non di tantissimo anche perché una donna indipendente dal punto di vista economico finisce per creare meno grattacapi nel caso il rapporto dovesse concludersi. Strano a dirsi, ma gli uomini più adulti riscuotono il doppio di successo online dei più giovani. In netto contrasto con le donne (dove le più giovani hanno più richieste di contatti online), per gli uomini è il contrario, e la fascia dai quarant’anni in su ha il doppio di richieste di contatti da donne di quelli di fasce d’età inferiori. La ragione apparentemente è che le donne si aspettano una maggiore stabilità emotiva da uomini di questa età, e quindi anche più sicurezza che la relazione rimanga nei binari giusti (che vuol dire impegno se si vuole avere una relazione a lungo termine, oppure leggerezza se si parla di “trombamicizia”).

Ovviamente tutto il mondo è paese. Secondo l’inchiesta gli uomini mentono su età, altezza e reddito. Un difetto dei siti di incontri è che è spesso relativamente facile mentire sulle proprie caratteristiche. Raccontare il falso però non è mai una buona strategia: magari può aiutare ad avere successo online, ma è spesso inevitabile che la bugia venga fuori al primo incontro, mandando in fumo la serata. In quanto alle donne, esse mentono su peso, costituzione fisica ed età. Le bugie non sono certamente esclusiva maschile: anche le donne mentono, anche se in questo caso le bugie sono orientate soprattutto al presentarsi fisicamente diverse da quel che si è. E anche in questo caso, però, i risultati tendono ad essere alla fine negativi.

Per concludere, con un sito dedicato a nuove conoscenze le finalità sono davvero le più disparate: dalla ricerca dell’amore della propria vita alla conoscenza senza secondi fini di nuove persone, dalla ricerca di sesso facile senza coinvolgimenti sentimentali a veri e propri flirt. La comunicazione con i profili, scelti attraverso una ricerca mirata, diventa così più diretta e schietta perché si spoglia di tutti quei perbenismi e quelle formalità invece necessarie nella vita di tutti i giorni. In questo modo, quindi, l’aggancio diventa più immediato e, conseguentemente, anche lo scopo finale ha più possibilità di essere raggiunto in poco tempo.

 

 

Mondo
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…