Eclisse del Secolo Usa stregati dopo trentotto anni di attesa

| Dirette tv e social mobilitati. Come gli americani hanno vissuto uno degli eventi più emozionati dell'anno

+ Miei preferiti
CAROLINA DEL SUD 
Reportage
di Germano Longo
Tutti con il naso all'insù, dall'Oregon al South Carolina, per la "Great American Eclipse": qualcuno, lesto con i numeri, ha calcolato in circa 200 milioni le persone incantate dall'eclisse del secolo, quella che dopo 38 anni di digiuno ha riportato il buio di giorno in tutta l'America. Altri più prosaicamente, hanno fatto calcoli diversi e decisamente più terreni: il meraviglioso coast to coast della "Solar Eclipse 2017" è costato al paese circa 700 milioni di dollari. Tanti sono i minuti persi dai lavoratori che, per circa un quarto d'ora a testa, hanno mollato la scrivania per dire l'ho vista, anzi no, non ho visto più niente perché era buio.

Ma va bene così: per un giorno - forse meno, appena qualche ora - la luna che passa davanti al sole è riuscita a far dimenticare i problemi di un paese talmente avanti da dare l'impressione di voler indietreggiare, almeno ogni tanto. Oggi, 21 agosto 2017, sui giornali e sui TG poco spazio alle proteste, alle statue sudiste protette giorno e notte, al cordoglio per la morte di Jerry Lewis e perfino al "Russiagate" che toglie il sonno a Trump. Anche lui, insieme a Melania, ha alzato il ciuffo al cielo, lasciandosi fotografare sul balcone della White House, intento a guardare un evento di portata storica con tanto di occhialini d'ordinanza. 

L'America, come per il "Superbowl", il giorno del ringraziamento e Natale, si è fermata: che detto così, fa un po' impressione. Ma l'attesa si era fatta spasmodica da giorni, con le interstate piene di camper (e che camper!), in viaggio per le località in cui il buio promesso era totale. Posti che hanno fatto affari d'oro e si rammaricano un po' che sia finita così in fretta: su tutti la "Wind River Country", riserva indiana del Wyoming, dagli esperti indicato come il luogo in cui il sole avrebbe smesso totalmente di fare luce.

Il tutto per un paio minuti appena, perché a conti fatti, in un'ora e mezza la luna ha coperto il sole macinando circa 4.000 km, ad una velocità calcolata di 2.600 km all'ora. A fomentare l'attesa, in prima fila, i cervelloni della "Nasa", che hanno messo in campo uomini e mezzi pur di assicurare la diretta anche ai pochi americani rimasti fuori dal corridoio dell'ombra. Dall'altro lato quelli di "Google", che insieme all'Università di Berkley hanno creato la "Eclipse Megamovie Project", una piattaforma e un'application create appositamente. E di seguito il network di "USA Today", in accordo con Instagram,  "Weather Channel", che al contrario ha organizzato la diretta con Twitter, e la "CNN", che ha preferito Facebook. Insomma, l'ennesimo business, questa volta sotto forma di occhialini che vendevano ovunque, magliette ricordo, bandierine e gadget di ogni sorta, compreso il kit del perfetto cacciatore di eclissi: sdraio, binocolo, tavolo, protezioni solari, cappelli, occhialini, connessione in rete, barbeque, birra e salsicce.

Scientificamente, comunque il motivo c'era tutto: se è vero che da quasi quarant'anni un'eclisse totale di sole non toccava anche gli States, è altrettanto vero che per ritrovare un evento simile limitato al solo territorio americano bisogna correre indietro fino al 13 giugno 1257, quando l'America era ancora da inventare. Bei tempi.


Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future