Migranti, Venezuela come il Mediterraneo

| Onu: emergenza come nel Mediterraneo. Continua nella notte il flusso dei migranti ai confini del Perù, Brasile ed Ecuador. "La gente è in cerca di ciba", denunciano gli osservatori.

+ Miei preferiti

Le Nazioni Unite coordineranno la crisi venezuelana che si è creata dopo la fuga di migliaia di venezuelani verso i Paesi confinanti dell'America latina, per effetto della crisi economica in corso nel Paese. Il ministro della Colombia Carlos Holmes Trujillo dopo un incontro con il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres a New York, lo ha confermato ufficilmente. Il coordinamento dovrebbe coinvolgere l'Agenzia delle Nazioni unite per i rifugiati e l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. All'origine dell'impegno ci sarebbe una richiesta di collaborazione rivolta ai Paesi del Sudamerica dove continuano ad arrivare i migranti venezuelani. Secondo la Colombia, quelli arrivati nel giro di due anni sono circa un milione. 

Un flusso continuo di disperati, migliaia e migliaia venezuelani sfollati tentano ogni giorno di entrare in Perù attraverso i confini nelle prossime settimane, aumentando così a mezzo milione di persone, in fuga dalla situazione politica ed economica del Venezuela, il numero dei profughi negli ultimi giorni. "In agosto già 400.000; seguendo questo ritmo potremmo raggiungere i 500.000 venezuelani nei primi giorni di novembre", ha detto Eduardo Sevilla, commissario responsabile per le migrazioni. Aveva scritto ieri El Universal: “Il flusso di rifugiati continua su un tasso giornaliero di 3 mila al giorno, secondo AFP, nonostante il fatto che solo quelli con passaporto sarà in grado di attraversare il confine tra Ecuador e Perù a partire da sabato 25 dicembre”.

Il passaporto potrebbe anche essere scaduto, ha detto martedì ai giornalisti il ministro degli Esteri Nestor Popolizio, e Lima concederà visti umanitari in casi eccezionali. Siviglia, insieme al Ministro dell'Interno, Mauro Medina, ha visitato la città di Tumbes, al confine con l'Ecuador, dove centinaia di venezuelani si trovavano in lunghe file alla dogana per registrare il loro ingresso.  Il funzionario dell'immigrazione ha ricordato che a partire da sabato, la restrizione che impedisce ai venezuelani di entrare con la loro carta d'identità nazionale comincerà ad applicarsi. 

Al posto di frontiera binazionale di Tumbes, le dogane peruviane, il personale di migrazione e di polizia sono supportati dalla Croce Rossa e dalle agenzie dell'ONU. "Nessuno parla di chiusura delle frontiere, quello che si sta considerando è un migliore controllo dell'immigrazione per motivi di ordine e sicurezza. L'80% dei venezuelani che entrano nel paese lo fanno con passaporti", ha detto il ministro dell'Interno Mauro Medina. 

Il responsabile della sicurezza interna del paese ha dichiarato che, in caso di persone con mandato d'arresto, "saranno consegnate alla giustizia". 

Medina non ha detto se questo significa che saranno restituiti in Venezuela, anche se il ministro degli Esteri Nestor Popolizio aveva detto Martedì che il Perù non deporterà venezuelani. 

Le autorità peruviane hanno istituito un registro di identificazione facciale presso il posto di frontiera per accelerare le procedure di ingresso. Ma intanto l'Ecuador ha annunciato il suo ritiro dal gruppo di lavoro sull’immigrazione dopo aver espresso la sua "frustrazione" con il governo di Nicolás Maduro per la "mancanza di volontà" di risolvere la crisi interna che ha costretto centinaia di migliaia di venezuelani a migrare. 

Con questa decisione, secondo AFP, il governo di Lenín Moreno ha continuato a prendere le distanze da quello che era il più grande alleato dell'Ecuador al momento del suo predecessore e ora rivale politico Rafael Correa (2007-2017). Quito "annuncia che non continuerà la sua partecipazione all'Alleanza Bolivariana per i Popoli della nostra America (ALBA)", ha detto il ministro degli Esteri José Valencia in una conferenza stampa.  Tuttavia, ha aggiunto, l'Ecuador non si unirà "altri gruppi di Stati che non favoriscono soluzioni costruttive" alla crisi in Venezuela. 

 

Mondo
I nordcoreani costretti a celebrare Kim Jong-il
I nordcoreani costretti a celebrare Kim Jong-il
Il 16 febbraio di ogni anno, il paese si ferma per ricordare la nascita del leader scomparso nel 2011, padre dell’attuale dittatore. Guai a mancare
Ombre scure sui mastini del S.A.S.
Ombre scure sui mastini del S.A.S.
I commandos inglesi dello Special Air Service, fra i più celebri al mondo, finiti al centro di una polemica: tornano dalle missioni con malattie veneree e scaricano la rabbia sulle famiglie
India, uccisa con i figli per stregoneria
India, uccisa con i figli per stregoneria
Una donna di un villaggio accusata di essere una strega: è stata gettata in un pozzo insieme ai suoi quattro bambini. Gli autori, denunciati dal marito, sono in galera: ma non va sempre così
Uccisa perché rifiuta di fare sesso col fotografo
Uccisa perché rifiuta di fare sesso col fotografo
Una modella indiana di 20 anni, attirata in uno studio fotografico per un servizio, è stata uccisa per aver rifiutato di fare sesso con lui. Il corpo nascosto in una valigia
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Una studentessa australiana si è tolta la vita dopo mesi di angherie e violenze: pochi istanti prima di farla finita ha postato un messaggio straziante
L’ultima scalata di Bikini Climber
L’ultima scalata di Bikini Climber
È stata trovata morta per ipotermia la giovane taiwanese stella dei social che scavala le montagne in bikini
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada