Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi

| L'inchiesta sulla catena di esplosioni che hanno causato la morte di un 18enne. Guasto nella centrale di controllo della Columbia Gas. Sabotaggio? Case distrutte e migliaia di ei

+ Miei preferiti

A provocare gli scoppi e gli incendi di numerose abitazioni e aziende avvenute mercoledì a Boston, sarebbero stati problemi di pressione, troppo alta, alle condutture del gas. Ma non ci sono ancora risposte precise. Sotto accusa la Columbia Gas, la società che forniva combustibile alle decine di case distrutte, avrebbe risposto al disastro con ritardo e senza efficacia. Stephen Bryant, presidente e direttore operativo della Columbia Gas si difende. Ha detto che l'azienda aveva 107 tecnici e 189 dipendenti sul campo, e altri 100 erano attesi dalle affiliate della Columbia in Pennsylvania e Ohio. "In generale, direi che abbiamo fatto progressi il più rapidamente possibile", ha detto in una conferenza stampa. "Non credo che nessun altro sarebbe stato più avanti di quanto lo siamo noi al momento”. Circa 8.600 case e imprese nelle tre comunità colpite erano state evacuate dopo che incendi ed esplosioni, scatenando paura durante la notte. Ben 80 gli edifici bruciati. Il Lawrence General Hospital ha riferito di aver curato 13 vittime con ferite che vanno dall'inalazione di fumo al trauma da esplosione. Una persona è rimasta ricoverata in ospedale ed è stata sottoposta ad intervento chirurgico venerdì.

I funzionari hanno detto che credono che gli incendi e le esplosioni possono essere stati causati da linee del gas sovrapressurizzate ma hanno avvertito che l'indagine è appena iniziata. Columbia Gas, che serve circa 50.000 clienti nella Merrimack Valley, ha precisato che stava aggiornando le attrezzature nella zona quando sono avvenute le esplosioni e gli incendi.

Un bilancio disastroso: un diciottenne morto e almeno 40 feriti dopo, 80 case in fiamme in tre sobborghi di Boston per una serie inspiegabile di una sequenza di esplosioni di gas. Migliaia le persone ancora evacuate dalle loro case, mentre la situazione si sta lentamente normalizzando.

La vittima è Leonel Rondon, 18, anni: gli incendi  a Lawrence, Andover e North Andover. Secondo una prima ricosrruzione, il sistema di distribuzione del gas metano era andato in tilt, causando esposizioni multiple.



  La polizia aveva imposto ai residenti di lasciare le loro case, non appena avvertono  odore di gas, chi ha la rete domestica collegata il servizio Columbia Gas deve immediatamente andarsene. Tutti i collegamenti con gli impianti sono stati chiusi. Uno dei responsabili della società ha definito la catena di incendi come un ‘Armageddon’. I vigili del fuoco sono stati mobilitati, a rischio della propria vita, per raggiungere e isolare le case coinvolte nella spaventosa fuga di gas.

Il 18enne era sulla sua auto quando un’esplosione ha distrutto una casa; un grosso detrito ha centrato l’auto, in Chickering Rd a Lawrence. Scene di panico e parte la prima inchiesta, mentre si diffonde l’idea, subito smentita dalle autorità, di un sabotaggio della rete. L’unico dato certo, però,  è che per ora non c’è una spiegazione razionale di quanto è accaduto. I tecnici della Columbia Gas spiegano che gli impianti erano stati controllati recentemente e che una parte è stata oggetto di una ristrutturazione nel 2016, proprio in uno dei tre sobborghi colpiti dal disastro. Tra le ipotesi più credibili, un guasto alla centrale digitale che governa il flusso di metano nelle case. L’erogazione non sarebbe stata più regolare, mandando in tilt i sistemi di allarme. 

Galleria fotografica
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 1
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 2
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 3
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 4
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 5
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 6
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 7
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 8
Gasoline Horror, troppa pressione nei tubi - immagine 9
Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue