Gemma ha perso la sua battaglia

| La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope

+ Miei preferiti
Gemma ha lottato per anni, ma alla fine si è arresa a quello che il destino aveva già scritto. La sua storia aveva appassionato l’Inghilterra, finendo poi per rimbalzare ovunque nel mondo. Perfino Kate Winslet, la star del cinema protagonista di “Titanic”, era scesa in campo per aiutarla a pagare le costosissime cure che tentavano di strapparla al cancro che la divorava.

Nel 2014, Gemma Nuttal - una ragazza di Rossendale, nel Lancashire, incinta di quattro mesi – scopre di avere un cancro alle ovaie. I medici le consigliano di abortire e curarsi, ma lei rifiuta e contro il parere di tutti sceglie di portare a termine la gravidanza. Alla trentaseiesima settimana, la situazione si avvicina al punto del non ritorno: Gemma è sottoposta a parto cesareo, quindi operata d’urgenza per asportarle il tumore e di seguito sottoposta a cicli massicci di chemioterapia. Penelope, la sua bimba, nasce in piena salute, ma non è lo stesso per Gemma: il cancro continua il suo lavoro, e dalla cervice uterina passa a polmoni e cervello. Per tentare l’impossibile non resta che un costosissimo trattamento sperimentale che la famiglia tenta di finanziare attraverso una raccolta fondi pubblica a cui, come accennato, partecipa anche Kate Winslet, commossa dal gesto di Gemma.

All’inizio di quest’anno, terminato il ciclo di cure, Gemma sembrava aver vinto la sua battaglia, ma il male si è ripresentato in altra forma, aggredendola a livello spinale per poi tornare a colpire polmoni e cervello.

Lo scorso 14 ottobre, come ha rivelato la mamma, Gemma Nuttal si è arresa. Lascia la piccola Penelope, che oggi ha due anni, e non sa ancora che è nata dal sacrificio di sua mamma.

Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera