Gemma ha perso la sua battaglia

| La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope

+ Miei preferiti
Gemma ha lottato per anni, ma alla fine si è arresa a quello che il destino aveva già scritto. La sua storia aveva appassionato l’Inghilterra, finendo poi per rimbalzare ovunque nel mondo. Perfino Kate Winslet, la star del cinema protagonista di “Titanic”, era scesa in campo per aiutarla a pagare le costosissime cure che tentavano di strapparla al cancro che la divorava.

Nel 2014, Gemma Nuttal - una ragazza di Rossendale, nel Lancashire, incinta di quattro mesi – scopre di avere un cancro alle ovaie. I medici le consigliano di abortire e curarsi, ma lei rifiuta e contro il parere di tutti sceglie di portare a termine la gravidanza. Alla trentaseiesima settimana, la situazione si avvicina al punto del non ritorno: Gemma è sottoposta a parto cesareo, quindi operata d’urgenza per asportarle il tumore e di seguito sottoposta a cicli massicci di chemioterapia. Penelope, la sua bimba, nasce in piena salute, ma non è lo stesso per Gemma: il cancro continua il suo lavoro, e dalla cervice uterina passa a polmoni e cervello. Per tentare l’impossibile non resta che un costosissimo trattamento sperimentale che la famiglia tenta di finanziare attraverso una raccolta fondi pubblica a cui, come accennato, partecipa anche Kate Winslet, commossa dal gesto di Gemma.

All’inizio di quest’anno, terminato il ciclo di cure, Gemma sembrava aver vinto la sua battaglia, ma il male si è ripresentato in altra forma, aggredendola a livello spinale per poi tornare a colpire polmoni e cervello.

Lo scorso 14 ottobre, come ha rivelato la mamma, Gemma Nuttal si è arresa. Lascia la piccola Penelope, che oggi ha due anni, e non sa ancora che è nata dal sacrificio di sua mamma.

Mondo
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attacco suicida in una riunione religiosa, morte 43 persone e 80 feriti. L'esplosione nel Consiglio degli Ulema. Nessuna rivendicazione
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
Una condanna esemplare per l’autrice di un romanzo omosessuale: scatta la reprimenda delle autorità, mentre i social protestano
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente