Gemma ha perso la sua battaglia

| La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope

+ Miei preferiti
Gemma ha lottato per anni, ma alla fine si è arresa a quello che il destino aveva già scritto. La sua storia aveva appassionato l’Inghilterra, finendo poi per rimbalzare ovunque nel mondo. Perfino Kate Winslet, la star del cinema protagonista di “Titanic”, era scesa in campo per aiutarla a pagare le costosissime cure che tentavano di strapparla al cancro che la divorava.

Nel 2014, Gemma Nuttal - una ragazza di Rossendale, nel Lancashire, incinta di quattro mesi – scopre di avere un cancro alle ovaie. I medici le consigliano di abortire e curarsi, ma lei rifiuta e contro il parere di tutti sceglie di portare a termine la gravidanza. Alla trentaseiesima settimana, la situazione si avvicina al punto del non ritorno: Gemma è sottoposta a parto cesareo, quindi operata d’urgenza per asportarle il tumore e di seguito sottoposta a cicli massicci di chemioterapia. Penelope, la sua bimba, nasce in piena salute, ma non è lo stesso per Gemma: il cancro continua il suo lavoro, e dalla cervice uterina passa a polmoni e cervello. Per tentare l’impossibile non resta che un costosissimo trattamento sperimentale che la famiglia tenta di finanziare attraverso una raccolta fondi pubblica a cui, come accennato, partecipa anche Kate Winslet, commossa dal gesto di Gemma.

All’inizio di quest’anno, terminato il ciclo di cure, Gemma sembrava aver vinto la sua battaglia, ma il male si è ripresentato in altra forma, aggredendola a livello spinale per poi tornare a colpire polmoni e cervello.

Lo scorso 14 ottobre, come ha rivelato la mamma, Gemma Nuttal si è arresa. Lascia la piccola Penelope, che oggi ha due anni, e non sa ancora che è nata dal sacrificio di sua mamma.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future