Guerra aperta agli “smombies”

| Un nuovo termine che unisce ‘zombie’ a ‘smartphone’, ma che soprattutto dà l’idea di un fenomeno preoccupante: coloro che vagano con gli occhi fissi allo schermo

+ Miei preferiti
Lentamente, molto lentamente, la pericolosa abitudine di telefonare, chattare e messaggiare mentre si è alla guida inizia a smorzarsi. Certo, è stato necessario ricorrere alle maniere forti, e girando la testa ad un qualsiasi semaforo, è facile capire che forse non bastano ancora.

Eppure la straordinaria capacità di intontimento propria degli smartphone non si limita a fare danni solo nel traffico, ma tracima ovunque. Un esempio calzante: negli Stati Uniti, a fronte di una diminuzione di morti nelle file di automobilisti, motociclisti, camionisti e ciclisti, sono aumentate quasi del 10% quelle dei pedoni. Motivo accertato, per tutti: vagavano con lo smartphone in mano e le cuffiette nelle orecchie, senza badare minimamente a semafori e/o strisce pedonali. Secondo un recente sondaggio dell’associazione dei chirurghi ortopedici americani, il 78% degli intervistati ha ammesso che camminare distratti dal cellulare sia un problema serio da affrontare in qualche modo, mentre la quasi totalità, l’85%, assicura di assistere a scene simili ogni santo giorno.

E non va meglio in Corea del Sud, dove gli incidenti causati dall’uso indiscriminato dello smartphone sono praticamente raddoppiati nel giro di cinque anni. E quel che è peggio, si tratta per la massima parte di giovani al di sotto dei vent’anni, in un orario concentrato fra le 15 e le 17. Esattamente mentre tornano a casa dopo la scuola.

Quanto basta per costringere il governo di Seul a prendere provvedimenti: primo fra tutti, l’obbligo per i genitori di installare il “Cyber Security Zone” sugli apparecchi dei propri figli. Una funzione per la verità introdotta e ritirata per due volte perché vulnerabile agli hacker, ribattezzata “sistema anti-smombies”, termine che combina in modo efficace i termini ‘zombie’ e ‘smartphone’, in grado di inibire lo schermo di qualsiasi marca e modello di smartphone dopo appena cinque passi.

Ma la Corea del Nord non è l’unico posto al mondo che ha dichiarato guerra ai sonnambuli da tastiera: da qualche mese a Honolulu, Hawaii, vige il divieto assoluto di attraversamento della strada fissando lo schermo di uno smartphone. Le pene vanno dai 13 ai 30 euro per cominciare, con recidiva a 99 dollari, mentre in Cina si testano le corsie pedonali per “smartphone users” e in Olanda compaiono i primi semafori “annegati” nell’asfalto: se la gente guarda in basso, allora tanto vale venirgli incontro.

Galleria fotografica
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 1
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 2
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 3
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 4
Mondo
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Le autorità hanno fucilato Hassan Adan Isaq, 23 anni, esponente di al-Shabaab, uno dei responsabili dell"11 settembre somalo". Ma la gente è delusa: "Paga solo uno, e gli altri?"
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Se fosse accertato che dietro l’uccisione del giornalista ci fosse Riad, l’America è pronta a decidere “punizioni severe”. Imbarazzo dei leader mondiali: a breve Riad ospiterà il forum economico internazionale
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Rubati, attraverso le liste di amici, i token di accesso. Attacco non ha coinvolto Instagram e le chat
Il bianconero che la Juve non conosce
Il bianconero che la Juve non conosce
Per oltre un anno, Dionicio Farid Rodriguez Duran ha fatto credere di essere stato ingaggiato dalla società torinese. E in Messico era diventato un vero divo
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Zamira Hajiyeva ha speso 1,6 milioni di sterline in 10 anni: su di lei è scattata un’indagine del fisco inglese per capire come abbiano fatto lei e il marito (in galera) ad accumulare tanta ricchezza
Terrore a Barkan, uccisi due israeliani
Terrore a Barkan, uccisi due israeliani
Le forze di sicurezza cercano un palestinese di 23 anni che ha sparato contro i lavoratori di una fabbrica in Cisgiordania. Ferita grave anche una donna. il governo: "Atto terroristico"
Cina: alla fiera dei cuori solitari
Cina: alla fiera dei cuori solitari
Una curiosa deriva della società cinese: genitori che si incontrano nei parchi, scambiandosi notizie sui propri figli a scopo matrimonio
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi
Scambio di accuse fra la Turchia e l’Arabia Saudita sulla sorte del giornalista, firma del Washington Post. Secondo una ricostruzione considerata attendibile, sarebbe stato ucciso all’interno del consolato saudita
Morire per un selfie
Morire per un selfie
Dal 2011 oltre 250 morti in tutto il mondo per catturare un'immagine spettacolare da postare sui social. In Russia e India il maggior numero di casi. Travolti dalle onde, precipitati nel vuoto, investiti da treni e auto. Fenomeno in aumento