Guerra aperta agli “smombies”

| Un nuovo termine che unisce ‘zombie’ a ‘smartphone’, ma che soprattutto dà l’idea di un fenomeno preoccupante: coloro che vagano con gli occhi fissi allo schermo

+ Miei preferiti
Lentamente, molto lentamente, la pericolosa abitudine di telefonare, chattare e messaggiare mentre si è alla guida inizia a smorzarsi. Certo, è stato necessario ricorrere alle maniere forti, e girando la testa ad un qualsiasi semaforo, è facile capire che forse non bastano ancora.

Eppure la straordinaria capacità di intontimento propria degli smartphone non si limita a fare danni solo nel traffico, ma tracima ovunque. Un esempio calzante: negli Stati Uniti, a fronte di una diminuzione di morti nelle file di automobilisti, motociclisti, camionisti e ciclisti, sono aumentate quasi del 10% quelle dei pedoni. Motivo accertato, per tutti: vagavano con lo smartphone in mano e le cuffiette nelle orecchie, senza badare minimamente a semafori e/o strisce pedonali. Secondo un recente sondaggio dell’associazione dei chirurghi ortopedici americani, il 78% degli intervistati ha ammesso che camminare distratti dal cellulare sia un problema serio da affrontare in qualche modo, mentre la quasi totalità, l’85%, assicura di assistere a scene simili ogni santo giorno.

E non va meglio in Corea del Sud, dove gli incidenti causati dall’uso indiscriminato dello smartphone sono praticamente raddoppiati nel giro di cinque anni. E quel che è peggio, si tratta per la massima parte di giovani al di sotto dei vent’anni, in un orario concentrato fra le 15 e le 17. Esattamente mentre tornano a casa dopo la scuola.

Quanto basta per costringere il governo di Seul a prendere provvedimenti: primo fra tutti, l’obbligo per i genitori di installare il “Cyber Security Zone” sugli apparecchi dei propri figli. Una funzione per la verità introdotta e ritirata per due volte perché vulnerabile agli hacker, ribattezzata “sistema anti-smombies”, termine che combina in modo efficace i termini ‘zombie’ e ‘smartphone’, in grado di inibire lo schermo di qualsiasi marca e modello di smartphone dopo appena cinque passi.

Ma la Corea del Nord non è l’unico posto al mondo che ha dichiarato guerra ai sonnambuli da tastiera: da qualche mese a Honolulu, Hawaii, vige il divieto assoluto di attraversamento della strada fissando lo schermo di uno smartphone. Le pene vanno dai 13 ai 30 euro per cominciare, con recidiva a 99 dollari, mentre in Cina si testano le corsie pedonali per “smartphone users” e in Olanda compaiono i primi semafori “annegati” nell’asfalto: se la gente guarda in basso, allora tanto vale venirgli incontro.

Galleria fotografica
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 1
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 2
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 3
Guerra aperta agli “smombies” - immagine 4
Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future