Ho comprato una nuova pistola e non so proprio cosa mettermi

| L'incredibile sfilata di moda dedicata agli accessori per portarsi appresso un'arma. A volerla la potentissima lobby delle armi

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

È un'America diversa, quella che è salita sulle passerelle di una giornata all'apparenza dedicata al fashion, ma in cui tutte le attenzioni - per una volta - non andavano a tagli, abiti, colori e lunghezze, ma alle armi. L'evento, il primo di cui si abbia notizia, è andato in scena qualche giorno fa Milwaukee, Wisconsin, città che ospita il quartier generale della Harley Davidson e resa celebre per essere stata l'ambientazione di "Happy Days", l'amatissima serie televisiva che mostrava un'America buona e tenera.

Di buono e tenero, sul palcoscenico di Milwaukee, c'era ben poco. A volere la giornata la NRA, la potentissima "National Rifle Association", che ha dato spazio ad una trentina di aziende specializzate in accessori per armi da fuoco come la "Man-Pack" e la "Femme Fatale" (nome che è tutto un programma), laboratori che si sforzano da anni di rendere il sacrosanto possesso di un'arma consentito in 12 stati un gesto semplice e pratico. Portarsi dietro una Magnum 357 o una Glock non è semplice, specie se si deve dividere la borsetta con tutto ciò che una donna normalmente conserva lì dentro.

La sfilata, in cui si sono alternati uomini e donne spesso per nulla avvenenti, proprio per non distrarre il pubblico dal vero motivo, ha avuto come vere protagoniste corsetti, spallacci e fondine per cintura, coscia, reggiseno, caviglia e borsetta, tutte realizzabili su richiesta in ogni possibile materiale e colore, insieme ad altri modelli pensati in budello, pelle, plastica, intarsiate e lisce. Belli a vedersi, ma soprattutto pratici, di quelli che hanno uno scopo ben preciso: permettere di estrarre la pistola facilmente.

A contorno della sfilata concerti, workshop sull'uso delle armi e corsi pratici per imparare a fermare una emorragia da arma da fuoco.

Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera