Il bluff di Trump, torna il segreto sui dossier di JFK

| Altri sei mesi, necessari per valutare l'impatto sulla sicurezza nazionale: il presidente Trump cede alle pressioni delle agenzie e rimanda la verità su Kennedy

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

È una storia senza fine, il mistero che da 54 anni avvolge l'omicidio di John Kennedy. Un mistero che ad ogni nuovo passaggio sembra voler confermare che qualcosa di losco sotto sotto c'è, ed è meglio ragionarci bene prima di raccontare ogni cosa. Perfino Donald Trump, il tweeter più veloce del West, ha dovuto fare una parziale marcia indietro: la desecretazione dei file coperti dal segreto di Stato è rinviata, almeno in parte. Agli americani, in attesa di sapere se JFK è stato ammazzato da un folle o al termine di un raffinato complotto internazionale, non resta che attendere, spulciando circa 2.800 file resi pubblici.

Altri 500 documenti sensibili si richiudono nuovamente accompagnati dal timbro "top secret", almeno per altri sei mesi, ha dichiarato il Presidente americano. Indizio che dimostra almeno una verità: le pressioni delle agenzie, da CIA a FBI, sono aumentate di intensità toccando i tasti della sicurezza nazionale. Termine tecnico per dire che è meglio evitare una possibile gogna mediatica con accuse e sfiducie da parte degli americani. In serata, la CIA si è affrettata a spiegare che nei file, in particolare quelli più recenti, compaiono semplicemente nomi di agenti sotto copertura, metodi di intelligence e una rete di collaborazioni internazionali ancora oggi nevralgici per la sicurezza del paese.

Sui media americani polemiche, delusioni e l'ennesimo punto di forza per i tanti complottisti, coloro che si dicono ormai convinti che la morte di JFK sia stato un vero omicidio di stato.

Fra i documenti a cui Trump ha tolto il segreto, su cui si sono gettati centinaia di esperti famelici, una prima verità sembra apparire: gli Stati Uniti tentarono realmente di far fuori Fidel Castro. Si parla di una fantomatica "Operazione Mangusta" in cui si legge di un piano di contaminazioni biologiche dei terreni cubani, come pure dell'idea di lanciare sull'isola volantini con i nomi e la taglia in dollari sulla testa dei funzionari da eliminare.

L'ennesimo appuntamento con la verità, a meno di nuovi colpi di scena, è rimandato al 26 aprile prossimo.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future