Il colosso Pfizer blocca
la ricerca sull'Alzheimer

| Malgrado investimento colossali, non si registrano passi in avanti nella ricerca di cure contro Alzheimer e Parkinson, due delle peggiori malattie che provocano demenza. La speranza passa ora nelle mani di altre aziende

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
“Ricordati di me”, recitava lo slogan di uno dei recenti mesi della prevenzione dell’Alzheimer. Parole che suonano ancor di più come una sconfitta, se riviste alla luce di una notizia rilanciata dal “Wall Street Journal” che ha gettato lo sconforto fra i 47 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di demenza. La “Pfizer”, uno dei colossi dell’industria farmaceutica, getta la spugna: la ricerca dei farmaci contro l’Alzheimer e il Parkinson è sospesa.

Il motivo, per andare subito al nocciolo della questione, è sì economico, ma con una nota a margine amara che suona come l’ammissione di una sconfitta fastidiosa: malgrado gli imponenti capitali investiti nella ricerca, non si intravedono risultati degni di nota verso la battaglia della malattia.

Sforzi economici addirittura definiti “inutili”, che la società ha scelto di concentrare verso altri campi di ricerca. Non cambiano, al contrario, gli investimenti verso malattie neurologiche diverse e medicinali anti-dolore.

A dare il colpo di grazia alla ricerca il più recente sviluppo di un farmaco che lo scorso anno, testato su alcuni pazienti, non avrebbe dato alcun riscontro positivo rispetto ai trattamenti terapeutici utilizzati attualmente, che rallentano il decorso della malattia ma senza riuscire ad arrestarla.

Una scelta destinata ad avere ripercussioni anche dal punto di vista dell’occupazione, con 300 posti di lavoro persi nei centri di ricerca di Cambridge, Andover e Groton, i primi due in Massachusetts, il terzo in Connecticut.

Ma non tutto è perso: se la “Pfizer” e prima ancora la “Merck” hanno scelto di abbandonare la ricerca, le speranze dei milioni di malati si affidano alle recenti scoperte di aziende come la “Eli Lilly”, la “AstraZeneca” e la “Eisai e Biogen”, a cui aggiungere quelli nati dalla collaborazione fra la “Johnson & Johnson” e la “Shionogi”, attesi però non prima del 2023. Quest’anno, dovrebbe anche partire la fase di sperimentazione per il primo vaccino.

Il colosso dei farmaci

La più grande società al mondo di ricerca, produzione e commercializzazione di farmaci nasce a New York nel 1849, su idea di due cugini di origini tedesche, Charles Pfizer e Charles Erhardt. Il primo farmaco prodotto dalla “Charles Pfizer and Company” è un antiparassitario, la “santonina”, seguito dall’acido citrico, ancora oggi utilizzato in farmacologia e nel campo della cosmesi, della biochimica e dell’alimentazione.

Già nel 1910, la Pfizer inizia a delinearsi come un colosso: tre milioni di dollari in vendite e una diffusione massiccia mettono le ali ai laboratori di ricerca, per arrivare in tempo utile all’inizio della seconda guerra mondiale con una penicillina che, secondo la storia, fu utilizzata in dosi massicce anche durante il “D-Day”, lo sbarco in Normandia.

Oggi, la società è quotata alla Borsa di New York, con un patrimonio formato da 600 molecole utilizzate in numerose aree mediche (antinfettiva, cardiovascolare, urologia, sistema nervoso centrale, trattamento del dolore, infiammazione, reumatologia, emicrania, endocrinologia, oftalmologia e oncologia), a cui aggiungere la “Global Research and Development”, la più grande rete di ricerca e sviluppo di tutta l’industria farmaceutica mondiale.

Nel 2009, un costoso passo falso: la commercializzazione illegale di quattro dei propri farmaci, oltre all’ammissione di aver svolto test pericolosi sulle popolazioni dei pasi in via di sviluppo. La sanzione penale derivata dal processo, è ancora oggi la più alta mai registrata nella storia della sanità americana.

Mondo
Il kamikaze che voleva sterminare la famiglia
Il kamikaze che voleva sterminare la famiglia
Un pilota professionista dello Utah ruba un aereo da turismo e decide di farla finita trascinando con sé anche la moglie e il figlio. Ma non è andata come prevedeva…
Il peso specifico degli Omarosa tapes
Il peso specifico degli Omarosa tapes
La nuova tegola sulla testa di Trump sono le rivelazioni dell’ex responsabile delle relazioni pubbliche della White House. A dare forza alle sue accusa alcune registrazioni segrete
I tacchi ripieni di suor cocaina
I tacchi ripieni di suor cocaina
Nascondeva nei tacchi delle scarpe un kg di cocaina, la suora fermata all’aeroporto di Sydney che ora rischia una pesante condanna
La stampa straniera sull’inferno di Genova
La stampa straniera sull’inferno di Genova
La tragedia del ponte Morandi che ha colpito al cuore il capoluogo ligure occupa le prime pagine dei siti delle maggiori testate del mondo
Taliban conquistano base miliare
Taliban conquistano base miliare
UccisI una quarantina di soldati governativi nel Nord Afghanistan, in 53 si sono arresi ai guerriglieri
Il flop dei suprematisti bianchi
Il flop dei suprematisti bianchi
Solo una trentina di attivisti di estrema destra alla marcia di Washington un anno dopo gli incidenti di Charlottesville. I contestatori erano più di un migliaio. Un temporale ha poi disperso i seguaci di Jason Kessler
Belgio, picchiati perché gay
Belgio, picchiati perché gay
Grave episodio di omofobia, le vittime, il fumettista italiano Mauro Padovani e il compagno Tom Freeman postano le foto dopo l'aggressione subita dai vicini di casa. Indaga la polizia
Blitz egiziano, uccisi 12 seguaci Isis
Blitz egiziano, uccisi 12 seguaci Isis
Azione in una base terrorista nel Nord del Sinai, ad al-Arish. Trovate armi ed esplosivi
India, ucciso turista francese
India, ucciso turista francese
Nello Stato del Tamil-Nadu, un indiano di cui era ospite ha confessato l'oidio, ha tentato di bruciare il corpo, trovato poi in un canale
Un anno dopo neo-nazi Usa in corteo
Un anno dopo neo-nazi Usa in corteo
Gli attivisti di Unite the Right marciano a Washington in nome della supremazia bianca. Fronteggiati dagli anti-razzisti, si temono incidenti. Trump condanna il razzismo e invita gli americani ad essere uniti