Il re del castello di sabbia

| Un artista brasiliano vive da oltre vent’anni in una casa realizzata soltanto di sabbia. Lo chiamano “il re”, e a chi gli chiede come faccia a vivere così sorride: forse siete voi, a non aver capito niente della vita

+ Miei preferiti
Re Mizael Matolias si alza ogni mattina e saluta l’oceano. I suoi vicini lo chiamano “il re” e lui, a forza di sentirselo dire, ha trovato una corona in plastica con cui adornare la testa. È l’unica concessione ai protocolli di corte, perché per il resto, Mizael vive in costume da bagno.

Il suo regno - che regno non è - si estende sulla sabbia di Barra Tijuca, una delle zone bene di Rio de Janeiro, la più celebre metropoli brasiliana, sospesa fra spiagge dai nomi leggendari e l’enorme Cristo Redentore che domina ogni cosa dall’alto del Pan di Zucchero. Re Mizael vive lì da 22 anni, in una reggia che lui stesso ha costruito con infinita pazienza e che ogni tanto, se il tempo fa i capricci, è costretto a rifare da capo, facendosi ospitare per la notte da un amico.

La sua casa - che casa non è - è un enorme castello di sabbia con qualche palo in legno per renderla più solida: dentro, in appena tre metri quadri, ospita i suoi libri, le canne da pesca e qualche vecchia mazza da golf. Lì dentro ci dorme, nel suo sacco a pelo, e se proprio ha bisogno del bagno c’è quello della vicina stazione dei pompieri, che lo ospitano volentieri, perché è pur sempre un sovrano. Posto per una regina, anche stringendosi, non ci sarebbe.

Mizael Matolias, 44 anni, è un artista della sabbia e non può allontanarsi mai troppo da casa sua, che ha bisogno continuo di essere inumidita e lui del suo regno è il sovrano ma anche il personale di corte. Quando tutto è a posto, Mizael si siede sul trono davanti a casa e diventa l’attrazione della spiaggia: difficile che qualche turista non voglia farsi una foto o un selfie accanto a lui, che si mette in posa regale, indossa la corona, stringe lo scettro e sorride in favore di obiettivo. Il tutto per qualche dollaro.

A chi gli chiede come faccia a vivere lì, risponde quello che forse chiunque risponderebbe al posto suo: “Non potrei neanche immaginare una vita diversa”. Su una spiaggia ci è nato e ha sempre vissuto, fin da quando era un bambino e un amico gli ha insegnato a costruire castelli di sabbia. Da allora non ha più smesso, permettendosi anche di imitare gli stili di Gaudì e Niemeyer.

Non è un folle, ma una persona perfettamente lucida, che sa perfettamente di dover lasciare quel posto, un giorno fra chissà quanto tempo, magari in tempo per coronare il suo sogno: aprire un atelier d’arte e realizzare opere con materiali meno effimeri della sabbia. Ma intanto sotto ai baffetti sorride, perché Rio è piena di gente disposta a spendere enormi quantità di denaro pur di avere una vista sulla spiaggia, e lui da 22 anni l’ha conquistata a costo zero.

Se a casa sua ognuno è re, Mizael lo è un po’ di più.

Galleria fotografica
Il re del castello di sabbia - immagine 1
Il re del castello di sabbia - immagine 2
Il re del castello di sabbia - immagine 3
Il re del castello di sabbia - immagine 4
Il re del castello di sabbia - immagine 5
Il re del castello di sabbia - immagine 6
Il re del castello di sabbia - immagine 7
Il re del castello di sabbia - immagine 8
Il re del castello di sabbia - immagine 9
Mondo
I morti viventi di New York
I morti viventi di New York
K2, la marjiuana sintetica, spacciata a prezzi bassissimi e pericolosa che può portare alla morte in pochi minuti. È detta la droga degli zombie, perché chi la assume fatica perfino a muoversi
106 ovuli di cocaina nello stomaco
106 ovuli di cocaina nello stomaco
È quanto custodiva una donna di 25 anni fermata a Nuova Dehli, in India: il più grande carico di droga mai ingerito
Serial killer, meglio in carcere o in psichiatria?
Serial killer, meglio in carcere o in psichiatria?
Dibattito in Francia su come imprigionare i responsabili di atroci delitti. Nordahl Lelandais da quando ha confessato l'omicidio di Maelys è in un istituto di Lione. Il killer di Angelique dopo un mese in cura torna in cella
COSTARICA UCCISO
MANAGER ITALIANO
COSTARICA UCCISO<br>MANAGER ITALIANO
Stefano Calandrelli, 51 anni, era sparito nel nulla in Costarica da martedì. Il corpo ritrovato in una scarpata. Una donna l'ultima a vederlo. La polizia ha arrestato cinque persone
"La guida aveva il Gps
noi sterminati dalla tempesta"
"La guida aveva il Gps<br>noi sterminati dalla tempesta"
I superstiti della tragedia di Arolla (7 sci-alpinisti morti il 30 aprile) difendono la guida Mario Castiglioni. "Gli schermi Gps illegibili, impossibile scavare buche nella neve, eravamo avvolti dal ghiaccio". Mistero sulla sua morte
Trump accoglie la moglie con nome sbagliato
Trump accoglie la moglie con nome sbagliato
Melanie, anziché Melania sul tweet di benvenuto. Post subito corretto ma scatena ironie commenti sui sociale. La first Lady ha lasciato l'ospedale dopo le terapie renali
Ue-Iran, no sanzioni alle imprese italiane
Ue-Iran, no sanzioni alle imprese italiane
L'Eurpa tenta di mantenere operativo l'accordo sul nucleare raggiunto con l'Iran dopo l'abbandono degli Usa. Tutelate le aziende italiane che hanno mantenuto rapporti d'affari con Teheran
Schianto Cuba, italo-cubana morta era di Pavia
Schianto Cuba, italo-cubana morta era di Pavia
La Farnesina non conferma ancora l'identificazione ma la vittima italo-cubana sarebbe la 50enne Carmen Navaro, sposata con un italiano residente nel Pavese
L’ex modella di Playboy suicida con il figlio
L’ex modella di Playboy suicida con il figlio
Stephanie Adams, 48 anni, “Miss Novembre” nel 1992, si è tolta la vita insieme al piccolo Vincent: un suicidio che avrebbe come motivazione l’aspra battaglia legale con l’ex marito
Italiano sparito in Costarica, forse ucciso
Italiano sparito in Costarica, forse ucciso
Stefano Calandrelli, 50 anni, residente a San Josè, svanito nel nulla da due giorni. La polizia teme un delitto. Proprietario di una catena di ristoranti, è stato sposato con una nota giornalista. Spariti altri 4 stranieri