"In queste ore stavano torturando Giulio..."

| La risposta al presidente egiziano Al Sisi della madre del ricercatore ucciso due anni fa al Cairo. Al Sisi aveva rinnovato le condoglianze alla famiglia, specificando che "il delitto aveva lo scopo di minare i rapporti con l'Italia"

+ Miei preferiti

Due anni fa..31 gennaio 2016...stavano torturando Giulio, non dimentichiamo!…”. Paola Deffendi, la madre di Giulio Regeni, ha commentato così le dichiarazioni del presidente egiziano Al Sisi, nel corso di un meeting con Eni nella località dove è stato scoperto un nuovo grande giacimento di petrolio. Ai post di Deffendi, seguono i commenti critici e spesso dai toni violenti, contro il regime de Il Cairo. “Non crederci Paola, è una finzione”, “Vergogna” e altri dello stesso tenore.

"Non ci dimenticheremo - aveva detto il presidente - del caso Regeni e non ci fermeremo finchè i responsabili non saranno consegnati alla giustizia". Il presidente egiziano è tornato sul caso del ricercatore friulano ucciso due anni fa in Egitto in occasione della messa in produzione del maxi giacimento di gas di Zohr, scoperto dall'Eni nel 2015 e considerato uno dei più grandi del Mediterraneo.  "Non dimentico che l'Italia è stata con noi nonostante l'episodio di Regeni", ha scandito al Sisi, che è poi tornato a denunciare il "tentativo di danneggiare le relazioni" tra i due Paesi attraverso il caso della morte di Giulio, il cui corpo venne trovato senza vita e con evidenti segni di tortura in un fosso vicino all'autostrada Il Cairo-Alessandria il 3 febbraio di due anni fa. Sisi ha rinnovato "ancora una volta le condoglianze in nome dell'Egitto. Diciamo loro che noi non abbandoneremo il caso fino a che non avremo trovato i criminali che hanno fatto questo, non li avremo puniti e portati di fronte alla giustizia egiziana”. "Ho capito perché avevano bisogno di danneggiare le relazioni tra Egitto e Italia, per non farci arrivare al giacimento di Zohr", ha detto al Sisi rivolgendosi all'amministratore delegato dell'Eni Claudio Descalzi.

 

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future