"In queste ore stavano torturando Giulio..."

| La risposta al presidente egiziano Al Sisi della madre del ricercatore ucciso due anni fa al Cairo. Al Sisi aveva rinnovato le condoglianze alla famiglia, specificando che "il delitto aveva lo scopo di minare i rapporti con l'Italia"

+ Miei preferiti

Due anni fa..31 gennaio 2016...stavano torturando Giulio, non dimentichiamo!…”. Paola Deffendi, la madre di Giulio Regeni, ha commentato così le dichiarazioni del presidente egiziano Al Sisi, nel corso di un meeting con Eni nella località dove è stato scoperto un nuovo grande giacimento di petrolio. Ai post di Deffendi, seguono i commenti critici e spesso dai toni violenti, contro il regime de Il Cairo. “Non crederci Paola, è una finzione”, “Vergogna” e altri dello stesso tenore.

"Non ci dimenticheremo - aveva detto il presidente - del caso Regeni e non ci fermeremo finchè i responsabili non saranno consegnati alla giustizia". Il presidente egiziano è tornato sul caso del ricercatore friulano ucciso due anni fa in Egitto in occasione della messa in produzione del maxi giacimento di gas di Zohr, scoperto dall'Eni nel 2015 e considerato uno dei più grandi del Mediterraneo.  "Non dimentico che l'Italia è stata con noi nonostante l'episodio di Regeni", ha scandito al Sisi, che è poi tornato a denunciare il "tentativo di danneggiare le relazioni" tra i due Paesi attraverso il caso della morte di Giulio, il cui corpo venne trovato senza vita e con evidenti segni di tortura in un fosso vicino all'autostrada Il Cairo-Alessandria il 3 febbraio di due anni fa. Sisi ha rinnovato "ancora una volta le condoglianze in nome dell'Egitto. Diciamo loro che noi non abbandoneremo il caso fino a che non avremo trovato i criminali che hanno fatto questo, non li avremo puniti e portati di fronte alla giustizia egiziana”. "Ho capito perché avevano bisogno di danneggiare le relazioni tra Egitto e Italia, per non farci arrivare al giacimento di Zohr", ha detto al Sisi rivolgendosi all'amministratore delegato dell'Eni Claudio Descalzi.

 

Mondo
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…