Ivanka Trump, il potere è donna

| Secondo i suoi detrattori il mandato di papà Donald non sarebbero altro che le prove tecniche per arrivare alla White House come prima donna presidente. Ritratto di una donna amata, odiata e imitata

+ Miei preferiti

Steve Bannon, l’ex chief strategist di Donald Trump, ha fatto una mezza marcia indietro, anche se un po’ tardiva: non era sua intenzione trascinare la Casa Bianca nella bufera. Quasi inevitabile, visto che il voltafaccia, nei suoi confronti, è stato unanime: Trump l’ha liquidato come un pover’uomo uscito di senno, il finanziatore Robert Mercer si è allontano alla velocità della luce e perfino Steve Miller, suo fidato braccio destro, davanti alle telecamere della CNN lo ha sminuzzato finemente.

Ma occhio ai dettagli, perché neanche una parola, Bannon, ha speso in queste ore di cenere sul capo nei confronti di Ivanka, la figlia prediletta del presidente. Una “Barbie” in piena regola, alta, bella e bionda che in tanti, in America, considerano dall’inizio del mandato di papà la vera First Lady e il potere neanche tanto occulto che decide ogni cosa al 1600 di Pennsylvania Avenue di Washington.

Sempre secondo quanto dichiarato da Bannon e finito sulle pagine del libro di Michael Wolff, starebbe affinando la strategia per diventare la prima donna presidente della storia americana.

Ivanka, secondo i bene informati, ha un aspetto da bambola e un cervello scaltro e furbo, ma di lei Donald si fida ciecamente, tanto da piazzarla in un ruolo di altissimo profilo ma - a scanso di ogni accusa di nepotismo - priva di qualsiasi incarico ufficiale e senza alcuno stipendio a carico dei cittadini, perché tanto di soldi non ne ha bisogno.

Per la verità, Ivanka alla Casa Bianca è entrata a piedi uniti fin dall’inizio, trascinando nella corrente ascensionale  anche il marito, l’imprenditore Jared Kushner, pure lui entrato nei palpiti di “The Donald” e a sua volta nominato “senior advisor”. 

Ma l’America, sulle donne della White House si divide, come ama fare da sempre, specie quando c’è di mezzo una bionda e una rossa: da una parte Melania, “la moglie trofeo” secondo Bannon, quella che fa tenerezza. Aria triste, sorrisi tirati e gesti affettuosi del marito rifiutati, come documentato dalle cronache di mezzo mondo. E subito dopo Ivanka, figura che non lascia indifferenti: c’è chi non la sopporta e chi invece la ammira in modo spassionato. In fondo, sapendoci fare, chiamarsi Trump non è una sfiga ma un bel lasciapassare, come ha dimostrato lei ideando un marchio di moda che porta il suo nome, ma soprattutto il cognome.

Eppure la vera popolarità, negli States, si misura da altre cose: ad esempio l’insana voglia della gente di somigliare ai propri idoli. La “Ivanka passion” l’ha svelata un chirurgo plastico newyrokese qualche tempo, ammettendo che tante, sempre di più, sono le donne che si presentano nel suo studio con la foto della first daughter e la richiesta di essere come lei: zigomi alti, naso stretto e sottile, misure da pin-up, capelli biondo platino.

Questioni che non interessano al procuratore speciale Robert Muller, che proprio in questi giorni sta soppesando il ruolo della “first doughter” all’interno del delicato fascicolo del “Russiagate”. Punto di partenza un incontro, per quanto fortuito, con l’avvocatessa Natalia Veselnitskaya e il lobbista Rinat Akhmetshin risalente al 9 giugno scorso, a margine del vertice privato avvenuto alla Trump Tower di New York con il marito Jared e il capo della campagna elettorale Paul Manafort. E Ivanka, sempre secondo quanto svelato da “Fire and Fury”, sarebbe letteralmente terrorizzata dall’inchiesta Russiagate che ha già visto suo marito coinvolto in un’indagine che porterebbe dritto verso la sua società immobiliare.

Un corpo e una testa

Ivanka Marie Trump nasce il 30 ottobre del 1981 a New York: suo padre è il 45esimo presidente degli Stati Uniti, la madre l’ex modella di origine ceca Ivana, prima moglie del Tycoon. Frequenta la “Chapin School” di New York diplomandosi alla “Choate Rosemary Hall” del Connecticut, e completa gli studi con la laurea a pieni voti alla “Wharton School of Business” dell’università della Pennsylvania.

La bellezza non le manca, e davanti a lei si spalancano le porte della moda: finisce in copertina sulle maggiori riviste del mondo, sfilando in passerella per marchi come Versace, Thierry Mugler e Tommy Hilfiger.

Giovanissima entra nell’azienda di famiglia, lavorando in parallelo per creare la propria linea di gioielleria, la “Ivanka Trump Collection”, seguita da collezioni di borse, calzature e abbigliamento. L’orgoglioso papà Donald ama portarsela ovunque: nel 2004 la vuole anche come giudice in “The Apprentice”, il reality televisivo di grande successo trasmesso dalla NBC. Nel 2009, Ivanka si sposa con Jared Kushner convertendosi all’ebraismo. La coppia ha tre figli: Arabella Rose, Joseph e Theodore.

Articoli correlati
Mondo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue