Jay e Lauren, uccisi dall’Isis

| Due giovani americani che da un anno giravano il mondo in bici, sono stati travolti da un’auto condotta da alcuni terroristi

+ Miei preferiti
Jay e Lauren avevano detto basta: “Il mondo non è così terribile come lo dipingono i media: la gente è meravigliosa”. Avevano mollato il lavoro, le scadenze e gli appuntamenti, per fare il giro del mondo in bicicletta: dal Sudafrica allo Zambia, dalla Spagna alla Bulgaria. Entrambi di 29 anni, Jay Austin e Lauren Geoghean erano partiti nel luglio del 2017, pedalando per 370 giorni, fino all’appuntamento con un’auto guidata da terroristi dell’Isis che si è lanciata su di loro, uccidendoli sul colpo insieme ad altri due ciclisti, uno svizzero e l’altro olandese. È accaduto lungo un tratto panoramico nel sudovest del Tagikistan: nell’ultimo post sul loro blog - symplycycling.org - datato 25 luglio, celebravano l’impresa di aver superato del passo di Ak-Baital, a 4.655 metri di altitudine.

Viaggiavano liberi, senza orari e prenotazioni, chiedendo consigli alla gente che incontravano sulla loro strada. L’Isis ha rivendicato l’attacco mostrando i cinque attentatori che promettono di “uccidere i miscredenti”.

Jay Austin, nativo di Washington, lavorava per il Dipartimento dello sviluppo urbano: si era costruito da solo la propria abitazione, “The Matchbox”, 13 metri quadrati con pareti magnetiche per poter essere spostate in base alle necessità del momento. Nel 2012 incontra Lauren Geoghean, californiana, dipendente dell’ufficio ammissioni del college di Georgetown, dove entrambi si erano laureati.

Un anno fa la decisione di mollare tutto e andare a vedere il mondo da vicino: “Mi sono stancato di colorare i migliori anni della mia vita con strisce di grigio e beige - raccontava Jay sul suo blog - ho perso troppi tramonti, troppi temporali, troppi venti”.

Articoli correlati
Mondo
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Il mare avrebbe restituito il cadavere di una bimba di nove mesi, probabilmente un sacrificio umano. Arrestati i genitori, due homeless che vivevano su un furgone. Poche ore dopo un nuovo caso, questa volta di violenza domestica
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attacco suicida in una riunione religiosa, morte 43 persone e 80 feriti. L'esplosione nel Consiglio degli Ulema. Nessuna rivendicazione
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
Una condanna esemplare per l’autrice di un romanzo omosessuale: scatta la reprimenda delle autorità, mentre i social protestano
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni