Jay e Lauren, uccisi dall’Isis

| Due giovani americani che da un anno giravano il mondo in bici, sono stati travolti da un’auto condotta da alcuni terroristi

+ Miei preferiti
Jay e Lauren avevano detto basta: “Il mondo non è così terribile come lo dipingono i media: la gente è meravigliosa”. Avevano mollato il lavoro, le scadenze e gli appuntamenti, per fare il giro del mondo in bicicletta: dal Sudafrica allo Zambia, dalla Spagna alla Bulgaria. Entrambi di 29 anni, Jay Austin e Lauren Geoghean erano partiti nel luglio del 2017, pedalando per 370 giorni, fino all’appuntamento con un’auto guidata da terroristi dell’Isis che si è lanciata su di loro, uccidendoli sul colpo insieme ad altri due ciclisti, uno svizzero e l’altro olandese. È accaduto lungo un tratto panoramico nel sudovest del Tagikistan: nell’ultimo post sul loro blog - symplycycling.org - datato 25 luglio, celebravano l’impresa di aver superato del passo di Ak-Baital, a 4.655 metri di altitudine.

Viaggiavano liberi, senza orari e prenotazioni, chiedendo consigli alla gente che incontravano sulla loro strada. L’Isis ha rivendicato l’attacco mostrando i cinque attentatori che promettono di “uccidere i miscredenti”.

Jay Austin, nativo di Washington, lavorava per il Dipartimento dello sviluppo urbano: si era costruito da solo la propria abitazione, “The Matchbox”, 13 metri quadrati con pareti magnetiche per poter essere spostate in base alle necessità del momento. Nel 2012 incontra Lauren Geoghean, californiana, dipendente dell’ufficio ammissioni del college di Georgetown, dove entrambi si erano laureati.

Un anno fa la decisione di mollare tutto e andare a vedere il mondo da vicino: “Mi sono stancato di colorare i migliori anni della mia vita con strisce di grigio e beige - raccontava Jay sul suo blog - ho perso troppi tramonti, troppi temporali, troppi venti”.

Articoli correlati
Mondo
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
Lucy, che voleva vivere
Lucy, che voleva vivere
Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Le autorità hanno fucilato Hassan Adan Isaq, 23 anni, esponente di al-Shabaab, uno dei responsabili dell"11 settembre somalo". Ma la gente è delusa: "Paga solo uno, e gli altri?"
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Se fosse accertato che dietro l’uccisione del giornalista ci fosse Riad, l’America è pronta a decidere “punizioni severe”. Imbarazzo dei leader mondiali: a breve Riad ospiterà il forum economico internazionale
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Rubati, attraverso le liste di amici, i token di accesso. Attacco non ha coinvolto Instagram e le chat
Il bianconero che la Juve non conosce
Il bianconero che la Juve non conosce
Per oltre un anno, Dionicio Farid Rodriguez Duran ha fatto credere di essere stato ingaggiato dalla società torinese. E in Messico era diventato un vero divo
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Zamira Hajiyeva ha speso 1,6 milioni di sterline in 10 anni: su di lei è scattata un’indagine del fisco inglese per capire come abbiano fatto lei e il marito (in galera) ad accumulare tanta ricchezza