Jay e Lauren, uccisi dall’Isis

| Due giovani americani che da un anno giravano il mondo in bici, sono stati travolti da un’auto condotta da alcuni terroristi

+ Miei preferiti
Jay e Lauren avevano detto basta: “Il mondo non è così terribile come lo dipingono i media: la gente è meravigliosa”. Avevano mollato il lavoro, le scadenze e gli appuntamenti, per fare il giro del mondo in bicicletta: dal Sudafrica allo Zambia, dalla Spagna alla Bulgaria. Entrambi di 29 anni, Jay Austin e Lauren Geoghean erano partiti nel luglio del 2017, pedalando per 370 giorni, fino all’appuntamento con un’auto guidata da terroristi dell’Isis che si è lanciata su di loro, uccidendoli sul colpo insieme ad altri due ciclisti, uno svizzero e l’altro olandese. È accaduto lungo un tratto panoramico nel sudovest del Tagikistan: nell’ultimo post sul loro blog - symplycycling.org - datato 25 luglio, celebravano l’impresa di aver superato del passo di Ak-Baital, a 4.655 metri di altitudine.

Viaggiavano liberi, senza orari e prenotazioni, chiedendo consigli alla gente che incontravano sulla loro strada. L’Isis ha rivendicato l’attacco mostrando i cinque attentatori che promettono di “uccidere i miscredenti”.

Jay Austin, nativo di Washington, lavorava per il Dipartimento dello sviluppo urbano: si era costruito da solo la propria abitazione, “The Matchbox”, 13 metri quadrati con pareti magnetiche per poter essere spostate in base alle necessità del momento. Nel 2012 incontra Lauren Geoghean, californiana, dipendente dell’ufficio ammissioni del college di Georgetown, dove entrambi si erano laureati.

Un anno fa la decisione di mollare tutto e andare a vedere il mondo da vicino: “Mi sono stancato di colorare i migliori anni della mia vita con strisce di grigio e beige - raccontava Jay sul suo blog - ho perso troppi tramonti, troppi temporali, troppi venti”.

Articoli correlati
Mondo
Il peso specifico degli Omarosa tapes
Il peso specifico degli Omarosa tapes
La nuova tegola sulla testa di Trump sono le rivelazioni dell’ex responsabile delle relazioni pubbliche della White House. A dare forza alle sue accusa alcune registrazioni segrete
I tacchi ripieni di suor cocaina
I tacchi ripieni di suor cocaina
Nascondeva nei tacchi delle scarpe un kg di cocaina, la suora fermata all’aeroporto di Sydney che ora rischia una pesante condanna
La stampa straniera sull’inferno di Genova
La stampa straniera sull’inferno di Genova
La tragedia del ponte Morandi che ha colpito al cuore il capoluogo ligure occupa le prime pagine dei siti delle maggiori testate del mondo
Taliban conquistano base miliare
Taliban conquistano base miliare
UccisI una quarantina di soldati governativi nel Nord Afghanistan, in 53 si sono arresi ai guerriglieri
Il flop dei suprematisti bianchi
Il flop dei suprematisti bianchi
Solo una trentina di attivisti di estrema destra alla marcia di Washington un anno dopo gli incidenti di Charlottesville. I contestatori erano più di un migliaio. Un temporale ha poi disperso i seguaci di Jason Kessler
Belgio, picchiati perché gay
Belgio, picchiati perché gay
Grave episodio di omofobia, le vittime, il fumettista italiano Mauro Padovani e il compagno Tom Freeman postano le foto dopo l'aggressione subita dai vicini di casa. Indaga la polizia
Blitz egiziano, uccisi 12 seguaci Isis
Blitz egiziano, uccisi 12 seguaci Isis
Azione in una base terrorista nel Nord del Sinai, ad al-Arish. Trovate armi ed esplosivi
India, ucciso turista francese
India, ucciso turista francese
Nello Stato del Tamil-Nadu, un indiano di cui era ospite ha confessato l'oidio, ha tentato di bruciare il corpo, trovato poi in un canale
Un anno dopo neo-nazi Usa in corteo
Un anno dopo neo-nazi Usa in corteo
Gli attivisti di Unite the Right marciano a Washington in nome della supremazia bianca. Fronteggiati dagli anti-razzisti, si temono incidenti. Trump condanna il razzismo e invita gli americani ad essere uniti
Maduro, violenze contro oppositori
Maduro, violenze contro oppositori
La polizia segreta di Maduro si accanisce contro i parlamentari Requesens e Borges, arrestati dopo l'attentato. Diffuso un video in cui emergono condizioni di grave degrado. Le "ammissioni"