Kalashnikov è diventato un drone

| L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0

+ Miei preferiti
Il 4 agosto dello scorso anno, il presidente venezuelano Nicolas Maduro sfugge a un attentato con alcuni droni carichi di esplosivo. Al di là dei dubbi su quanto fosse reale e non inventato ad arte, è il segnale di un cambio di rotta nelle tecniche di guerra e guerriglia: saranno i droni, sempre di più, a controllare, spiare e attaccare in modo chirurgico sugli scenari di guerra. Un mercato in crescita esponenziale che, secondo gli esperti, spingerà diversi paesi al mondo a spendere 100 miliardi di dollari per sviluppare delle proprie generazioni di droni. 

Un futuro inquietante ma molto promettente per chi fabbrica armi, che ha messo l’acquolina in bocca anche alla “Kalashnikov”, azienda russa di materiale bellico resa celebre dall’AK 47, il fucile mitragliatore d’assalto più diffuso al mondo, reso tristemente celebre da centinaia di attentati e foto di terroristi che lo imbracciano. Ma l’AK-47, creato dall’ingegnere militare russo Michail Timofeevič Kalašnikov, è ormai roba che appartiene al passato: al suo posto, l’azienda che porta il suo nome ha presentato nel corso di una fiera di armi da guerra ad Abu Dhabi il “Kyb-Uav”, un drone kamikaze in grado di trasportare 3 kg di esplosivo pronti ad esplodere al momento dell’impatto. Capace di raggiungere i 130 km/h e con un’autonomia di 30 minuti, il drone Kalasnikov è considerato il più veloce e preciso in circolazione fra quelli in commercio. Inquietante il commento di Nicholas Grossman. Esperto di relazioni internazionali americano: “È la democratizzazione delle bombe intelligenti, significa ridurre il gap fra gli eserciti più avanzati e quelli più piccoli”.

E se oggi è necessario un controllo umano, per quanto remoto, il passo successivo è di affidare le operazioni militari direttamente a intelligenze artificiali che saranno in grado di decidere quando e dove colpire. E anche se può sembrare una bella notizia, perché permetterà di risparmiare vite umane di militari mandati in prima linea, dall’altro gli esperti alzano l’allarme: attaccare qualcuno sarà così facile e silenzioso da essere una minaccia vera e propria. Lo dimostra il “Bender”, drone a cui la Darpa (Defence Advanced research Project Agency), sta lavorando da tempo: è in grado di individuare i bersagli umani armati anche se nascosti, distinguerli dal resto della popolazione, e pedinare un veicolo senza mai perderlo di vista. Gli inglesi sono invece al “Taranis”, drone nato per assolvere a compiti di sorveglianza e controllo, ma capace anche di colpire. Infine il “Iai Mini Harpy” sviluppato da Israele che ha fra i compiti individuare a distruggere i radar nemici.

Galleria fotografica
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 1
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 2
Mondo
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Un ciclone devasta l’Africa australe
Un ciclone devasta l’Africa australe
Venti fino a 220 km/h, interi villaggi cancellati e centinaia irraggiungibili. Al momento si contano 150 vittime, ma è un calcolo molto parziale
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo
Come ti violento la bisnonna
Come ti violento la bisnonna
Una donna sudafricana di 96 anni ripetutamente abusata da due nipoti minorenni: scoperti una prima volta e perdonati, i fratelli hanno continuato a fare sesso con l’anziana parente fino all’arresto
Violentata sotto anestesia
Violentata sotto anestesia
Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato
George Pell in carcere
George Pell in carcere
Revocata la libertà su cauzione, l’alto prelato attenderà in un carcere di Melbourne la sentenza con la pena da scontare. Rischia fino a 50 anni di galera