La colazione da Tiffany? Oggi si può

| Ha aperto da pochissime ore, una caffetteria al quarto piano del flag ship store di New York: uno dei sogni per intere generazioni di donne diventa finalmente realtà

+ Miei preferiti

In realtà neanche Holly Golightly, la tenera ragazza di provincia affascinata dalle luci della Fifth Avenue di New York, magistralmente interpretata da Audrey Hepburn, aveva mai fatto colazione da Tiffany, la gioielleria simbolo della Grande Mela. Nel film del 1956, una delle pellicole di maggior successo nella storia del cinema, si limitava a mandare giù cornetto e caffè davanti alle vetrine, sognando come da quel momento avrebbero sognato tutte le donne del mondo.

Ecco perché fa notizia, scoprire che a distanza di 56 anni dal film, l'austero management di Tiffany & Co. ha annunciato l'apertura del "Blue Box Cafè": la prima, vera occasione per poter fare colazione da Tiffany. Lo spazio, ricavato al quarto piano del flagship store, offre uno sguardo incantato sulla Quinta Strada, il regno dello shopping newyorkese. Quasi scontata la "nuance" scelta per l'arredamento, tutta declinata nel "Light-blu", la tinta simbolo di Tiffany, una particolare varietà di azzurro registrata e protetta.

"Una luxury experience", l'ha definita Reed Krakoff, Chief Artistic Officier di Tiffany, ma anche una svolta decisa del marchio, nella convinzione che perfino le leggende devono adeguarsi ai tempi per conquistare le nuove generazioni. Piatti semplici e stagionali nel menù, tutti di ispirazione newyorkese: dalla "Fifth Avenue Salad" con aragosta e avocado al sandwich con pollo, lattuga e pomodoro. Prezzi da capriccio ma nella media, soprattutto pensando alla locations: 29 dollari per la colazione, 49 per il pranzo.

In realtà, è tutto il quarto piano del più celebre negozio ad essere cambiato: accanto alla caffetteria, Tiffany ha inaugurato uno spazio "Home & Accessories", una boutique per bambini, una profumeria e una libreria.

"Breakfast at Tiffany's", romanzo breve di Truman Capote pubblicato nel 1958, diventa un film tre anni dopo, affidato alla regia di Black Edwards e soprattutto a due star assolute come Audrey Hepburn e George Peppard.

Si racconta la storia di Holly, ragazza di provincia ingoiata dalla Grande Mela in cerca di una vita migliore. Si atteggia a signora dell'alta borghesia, tenta di stringere amicizie con personaggi che contano e ogni giorno, immancabile, si ferma davanti alle sfavillanti vetrine di Tiffany. Sulla sua strada incontra Paul, scrittore tanto affascinante quanto squattrinato, impersonato da George Peppard.

Per la Hepburn, è la pellicola della consacrazione, quella per cui sarà ricordata per sempre. Ma lo stesso accade per Tiffany, iconico marchio di gioielleria nato a New York nel settembre del 1837 come semplice negozio di cancelleria. I gioielli diventano il core business nel 1848, quando Tiffany acquista i preziosi della corona di Francia pubblicando il primo "Blue Book", il tradizionale catalogo da allora diffuso ad ogni nuovo autunno.

Da quel momento, il marchio diventa uno status symbol, consacrato ai polsi e al collo di mogli dei presidenti americani, stelle del cinema, dello sport e della musica. Ancora oggi, il flagship store della Fifth Avenue è uno degli angoli più fotografati di New York: in fondo, come diceva la tenera Holly, "Tiffany è il miglior posto del mondo, in cui non può accadere niente di brutto".

Articoli correlati
Mondo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Una studentessa australiana si è tolta la vita dopo mesi di angherie e violenze: pochi istanti prima di farla finita ha postato un messaggio straziante
L’ultima scalata di Bikini Climber
L’ultima scalata di Bikini Climber
È stata trovata morta per ipotermia la giovane taiwanese stella dei social che scavala le montagne in bikini
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili