La serial killer che amava il barbeque

| Kelly M. Cochran, una donna di Iron River, in Michigan, avrebbe servito i resti del suo amante ai vicini di casa. Condannata per due omicidi, è sospettata di essere la serial killer che ha eliminato una decina di uomini

+ Miei preferiti
Tutto potevano dire i vicini di Kelly, tranne che non fosse gentile e ospitale. Una volta, addirittura, ricordano un sontuoso barbeque organizzato da lei e il marito Jason nel loro giardino di casa: una bella serata con tanto cibo, tanta birra e tante risate.

Peccato che anni dopo, proprio in queste ore, stia venendo a galla una verità agghiacciante: quel giorno, per il barbeque, lei e il marito avevano servito Chris Regan, uno dei suoi ex amanti. È il preambolo dell’inquietante storia di Kelly M. Cochran, 34 anni, una donna all’apparenza come tante, senza grilli per la testa, tutta casa, chiesa e barbeque, che in realtà viveva insieme al marito una doppia vita. Ambedue avevano relazioni extraconiugali, ma il tremendo patto fra i due era di eliminare gli amanti, perché di quelle scappatelle non restasse traccia.

Con Chris Regan, 51 anni, è andata esattamente così: attirato a casa Cochran era stato ucciso e fatto a pezzi, una parte dispersa nei boschi, un’altra tenuta in freezer per qualche occasione di festa. In realtà, a Kelly quell’uomo piaceva davvero, e nella sua mente malata inizia a covare rabbia e rancore verso il marito, che aveva voluto ammazzarlo ad ogni costo, senza sentire ragioni. Va da sé: due anni dopo Chris Regan, la donna uccide Jason, suo marito, iniettandogli una dose mortale di eroina e finendolo con un cuscino sulla faccia.

Davanti alla polizia Kelly porta avanti la tesi dell’overdose accidentale del marito, ma messa sotto pressione crolla e confessa, finendo per svelare anche l’omicidio di Chirs Reagan. Si becca l’ergastolo per l’omicidio di quest’ultimo, a cui si aggiungono 65 anni per quella del marito.

Ma qualcosa non torna nella mente di Laura Frizzo, capo della polizia di Iron River, Michigan: secondo lei, la donna sarebbe in realtà una spietata serial killer che avrebbe fatto sparire almeno nove dei suoi amanti. Uomini di cui si è persa ogni traccia e i cui indizi portano in qualche modo a Kelly M. Cochran, la vicina di casa più gentile che si possa sperare di avere.

Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future