L’ambasciator che porta pena

| Nikki Haley, portavoce americana all’ONU, e il presidente Trump avrebbero una tresca da diverso tempo. Fake news secondo Melania, che intanto perde le staffe

+ Miei preferiti
Per gli americani, “Fire and Fury: inside the Trump White House”, il libro scandalo di Michael Wolff che da settimane va letteralmente a ruba, è una vera miniera ancora tutta da esplorare. L’ultima rivelazione, appena accennata e già virale, toglie i veli della segretezza ad una duratura “liason” fra il presidente Trump e Nikki Haley, l’affascinante rappresentante permanente americana alle Nazioni Unite.

Non c’è pace per il tycoon, da mesi sottoposto a un fuoco di fila di accuse di ogni tipo che oltre ad avere pesanti risvolti politici, non disdegnano di portare sulla pubblica piazza le abitudini boccaccesche di “The Donald”, alle prese con accuse di molestie e storie di sesso a pagamento con pornostar.

L’ennesima rivelazione, che insieme alla notizia secondo cui avrebbe passato diverse notti in hotel, dopo le parole della pornostar, ha fatto perdere il leggendario aplomb di Melania, la First Lady, in genere ben attenta a restare fuori dalle beghe di palazzo. In un comunicato, la signora Trump ha liquidato la notizia con poche parole: “Melania è concentrata sulla sua famiglia e sul ruolo di first lady, non su scenari spacciati ogni giorno attraverso fake news”. Lesta a togliersi agli impicci anche la protagonista della vicenda, l’ambasciatrice Nikki Haley, che ha immediatamente voluto etichettare i rumors con due soli aggettivi: “Disgustosi e offensivi”.

Ma Michael Wolff non molla e aggiunge benzina al fuoco, rivelando che il presidente passerebbe una consistente parte del suo tempo libero con la Haley, spesso nel chiuso del blindatissimo “Air Force One”.

Nikki Randhawa (diventata Haley dopo il matrimonio del 1996 con un militare), 46 anni da Bamberg, Carolina del Sud, è uno dei nomi su cui il partito repubblicano punta di più per il futuro. Laureata a pieni voti, scala velocemente le istituzioni del suo stato fino a diventare governatore. Per lei si sono spesi alcuni nomi del partito che contano, da Mitt Romney a Sarah Palin, a cui aggiungere il gradimento dello stesso Trump, che all’indomani della sua elezione l'ha voluta all’ONU per difendere gli interessi americani.

Mondo
Preso il killer delle fragole
Preso il killer delle fragole
Aveva scatenato la psicosi degli aghi nelle fragole: il colpevole, arrestato dopo una difficile caccia all’uomo, sarebbe un giovane che ha dichiarato di aver fatto “uno scherzo”
Maduro, la cena di lusso della vergogna
Maduro, la cena di lusso della vergogna
Il presidente del Venezuela assomiglia sempre di più a Maria Antonietta. Il popolo muore di fame e lui va in uno dei ristoranti più cari di Istanbul. L'opposizione si scatena: "Lui e la first lady si fanno beffe dei venezuelani"
Jaquieline Davis, professione bodyguard
Jaquieline Davis, professione bodyguard
Ha partecipato ad azioni di salvataggio e protezione in tutto il mondo: ora i suoi trent’anni di carriera stanno per diventare un film
#MeToo McDonald's: non siamo nel menu
#MeToo McDonald
I lavoratori Usa del gigante della ristorazione in sciopero gli abusi sessuali. "Non denunciamo perché abbiamo paura di perdere il posto", raccontano i dipendenti. Ma le molestie "accadono ogni giorno"
Medico e fidanzata stupratori seriali
Medico e fidanzata stupratori seriali
Noto medico e la sua complice agganciavano le vittime, forse decine, in bar o feste. Le ubriacavano e poi somministravano droghe e psicofarmaci. Le violenze nel lussuoso alloggio del chirurgo, apparso anche in tv
Ogni cinque secondi muore un bambino
Ogni cinque secondi muore un bambino
Le stime Unicef: nel 2017 morti 6 milioni e 300 mila bambini, la maggior parte nei primi cinque anni di vita. Le percentuali più alte in Africa e nell'area sub-sahariana. Mortalità record in Somalia e Ciad
Abusi, la Chiesa paga 27 milioni di dollari
Abusi, la Chiesa paga 27 milioni di dollari
Risarcimento record a New York per gli abusi subiti da quattro vittime da parte di un insegnante laico di religione, uno dei più ingenti di sempre
Nonno arzillo mette in fuga tre rapinatori
Nonno arzillo mette in fuga tre rapinatori
Accade in Irlanda, un 83enne ha affrontato tre rapinatori in una sala scommesse costringendoli alla fuga, i giovani invece erano fuggiti per la paura
I bimbi dimenticati in obitorio
I bimbi dimenticati in obitorio
La vicenda è avvenuta a Catherine, in Australia: molte famiglie non hanno i soldi per pagare i funerali
Helene Pastor, l'odio l'ha uccisa
Helene Pastor, l
Prima udienza in Tribunale per i dieci accusati del delitto. Sentenza il 19 ottobre. I figli della miliardaria, Gildo e Sylvia, parte civile contro l'ex console polacco. Scambi di accuse tra gli imputati