L’ambasciator che porta pena

| Nikki Haley, portavoce americana all’ONU, e il presidente Trump avrebbero una tresca da diverso tempo. Fake news secondo Melania, che intanto perde le staffe

+ Miei preferiti
Per gli americani, “Fire and Fury: inside the Trump White House”, il libro scandalo di Michael Wolff che da settimane va letteralmente a ruba, è una vera miniera ancora tutta da esplorare. L’ultima rivelazione, appena accennata e già virale, toglie i veli della segretezza ad una duratura “liason” fra il presidente Trump e Nikki Haley, l’affascinante rappresentante permanente americana alle Nazioni Unite.

Non c’è pace per il tycoon, da mesi sottoposto a un fuoco di fila di accuse di ogni tipo che oltre ad avere pesanti risvolti politici, non disdegnano di portare sulla pubblica piazza le abitudini boccaccesche di “The Donald”, alle prese con accuse di molestie e storie di sesso a pagamento con pornostar.

L’ennesima rivelazione, che insieme alla notizia secondo cui avrebbe passato diverse notti in hotel, dopo le parole della pornostar, ha fatto perdere il leggendario aplomb di Melania, la First Lady, in genere ben attenta a restare fuori dalle beghe di palazzo. In un comunicato, la signora Trump ha liquidato la notizia con poche parole: “Melania è concentrata sulla sua famiglia e sul ruolo di first lady, non su scenari spacciati ogni giorno attraverso fake news”. Lesta a togliersi agli impicci anche la protagonista della vicenda, l’ambasciatrice Nikki Haley, che ha immediatamente voluto etichettare i rumors con due soli aggettivi: “Disgustosi e offensivi”.

Ma Michael Wolff non molla e aggiunge benzina al fuoco, rivelando che il presidente passerebbe una consistente parte del suo tempo libero con la Haley, spesso nel chiuso del blindatissimo “Air Force One”.

Nikki Randhawa (diventata Haley dopo il matrimonio del 1996 con un militare), 46 anni da Bamberg, Carolina del Sud, è uno dei nomi su cui il partito repubblicano punta di più per il futuro. Laureata a pieni voti, scala velocemente le istituzioni del suo stato fino a diventare governatore. Per lei si sono spesi alcuni nomi del partito che contano, da Mitt Romney a Sarah Palin, a cui aggiungere il gradimento dello stesso Trump, che all’indomani della sua elezione l'ha voluta all’ONU per difendere gli interessi americani.

Mondo
Fire Island, ragazzini attaccati da squali
Fire Island, ragazzini attaccati da squali
Primo episodio dopo 70 anni di pacifica convivenza, estratto un dente di squalo dalle ferite per risalire alla specie. Spiagge chiuse
Novichok, spie russe sciatte e distratte
Novichok, spie russe sciatte e distratte
Avevano messo il gas nervino in un flacone di profumo ma non erano riusciti a intossicare l'ex spia Skripal e poi abbandonato il contenitore in un parco. Dove l'ha trovato la vittima Dawn Sturges. Russi identificati
La storia bella di Walter Carr
che non voleva perdere il lavoro
La storia bella di Walter Carr<br>che non voleva perdere il lavoro
Parte a piedi di notte da casa per arrivare in tempo a 32 km di distanza, dove l’aspetta il suo primo giorno di lavoro. La vicenda di un ragazzino che sta commuovendo l’America
Quando la lavatrice fa paura
Quando la lavatrice fa paura
L’avventura a lieto fine di una mamma americana, raccontata sui social: la bimba più piccola si infila nella lavatrice e questa inizia il lavaggio
Attacco taleban: 7 poliziotti uccisi
Attacco taleban: 7 poliziotti uccisi
Agguato nelle province orientali in seguito a un raid aereo che aveva causato la morte di 20 miliziani. Azione non rivendicata
Ordigno incendiario legato a un falco
Ordigno incendiario legato a un falco
Orrore in Palestina, secondo il governo israeliano Hamas lancia volatili nei campi per incendiarli: "Pratica crudele e repellente"
LAS VEGAS, MGM DENUNCIA LE VITTIME DELLA STRAGE
LAS VEGAS, MGM DENUNCIA LE VITTIME DELLA STRAGE
I familiari delle 58 vittime del killer di massa Stephen Paddock e le centinaia di feriti citati in giudizio. Avrebbero danneggiato "con le loro pretese di risarcimento" la Security del casinò da cui fu compiuta la strage. Sdegno e rabbia
Si uccidono altri due amici di Miss GB
Si uccidono altri due amici di Miss GB
A pochi giorni dalla morte del fidanzato di Sophie Gradon, l’ex reginetta di bellezza, la polizia riesce a collegare la morte di due fratelli, amici d’infanzia della coppia
Trump attacca l'Europa ma poi si commuove...
Trump attacca l
I media Usa commentano ironici le sue pretese di avere radici europee. La madre nacque in Scozia ma il padre a New York. "Commovente ma il padre Fred non è tedesco". La storia delle origini svedesi. "False anche quelle"
Il modello ucciso per gelosia
Il modello ucciso per gelosia
E' iniziato il processo per la morte di Harry Uzoka, indossatore per grandi firme della moda ucciso lo scorso gennaio da un amico-collega: era invidioso della sua carriera e della fidanzata