L’appello della pornostar
genitori, controllate i vostri figli

| L’ha lanciato via twitter, stanca di ricevere proposte sessuali da adolescenti in calore. Le hanno risposto in tanti, soprattutto i genitori

+ Miei preferiti
Per favore, controllate i vostri figli. È l’appello, piuttosto insolito, lanciato da Nikita Bellucci, classe 1989, pornostar francese. La figliola, di cui è onestamente difficile trovare qualche immagine “casta”, ha svelato di aver ricevuto numerosi messaggi da adolescenti - tredici anni o poco meno - che le chiedevano le modalità per organizzare sedute di sesso sfrenato con lei. Ragazzini, confessa Nikita in un “Tweet”, abituati a un linguaggio così diretto e forbito da far pensare ad un’inquietante preparazione in materia.

Da qui, l’appello: cari genitori, io sono una professionista di un certo tipo di cinema, e non è nei miei compiti l’educazione sessuale e il controllo dei ragazzini. Confessa di aver rispedito al mittente più volte diverse proposte, ma di essere stanca di doversi sostituire ai compiti che sarebbero di mamma e papà. A dimostrarlo il contenuto di uno screenshoot, in cui un “bel tredicenne” le proponeva una sessione di sesso estremo. Pronta la risposta di Nikita: “Amico, hai 13 anni, rifletti sulle tue azioni. Fai i compiti e non contattarmi più”.

La vicenda, riportata dall’Indipendent e il Daily Mail, ha acceso le polemiche, con il risultato del post immediatamente rimosso dalla stessa attrice, che ha confessato di aver ricevuto anche insulti a mai finire alternati a messaggi di profonda approvazione e di ringraziamento da parte di numerosi genitori. Una mamma, in particolare, le ha scritto: “Grazie per quanto ha fatto: purtroppo l’accesso incontrollato a tipo di materiale su internet rappresenta un pericolo enorme per i nostri ragazzi”.

La Bellucci, nessuna parentela con l’attrice italiana, si è da poco ritirata dalle scene, ma malgrado questo le sue opere restano fra le più seguite del web. La sua lamentela pubblica, si è comunque aggiunta ad una campagna lanciata di recente dal presidente Macron in cui parlando di violenza sulle donne, ha promesso anche iniziative di controlli sui contenuti hard disponibili sul web.Per favore, controllate i vostri figli. È l’appello, piuttosto insolito, lanciato da Nikita Bellucci, classe 1989, pornostar francese. La figliola, di cui è onestamente difficile trovare qualche immagine “casta”, ha svelato di aver ricevuto numerosi messaggi da adolescenti - tredici anni o poco meno - che le chiedevano le modalità per organizzare sedute di sesso sfrenato con lei. Ragazzini, confessa Nikita in un “Tweet”, abituati a un linguaggio così diretto e forbito da far pensare ad un’inquietante preparazione in materia.

Da qui, l’appello: cari genitori, io sono una professionista di un certo tipo di cinema, e non è nei miei compiti l’educazione sessuale e il controllo dei ragazzini. Confessa di aver rispedito al mittente più volte diverse proposte, ma di essere stanca di doversi sostituire ai compiti che sarebbero di mamma e papà. A dimostrarlo il contenuto di uno screenshoot, in cui un “bel tredicenne” le proponeva una sessione di sesso estremo. Pronta la risposta di Nikita: “Amico, hai 13 anni, rifletti sulle tue azioni. Fai i compiti e non contattarmi più”.

La vicenda, riportata dall’Indipendent e il Daily Mail, ha acceso le polemiche, con il risultato del post immediatamente rimosso dalla stessa attrice, che ha confessato di aver ricevuto anche insulti a mai finire alternati a messaggi di profonda approvazione e di ringraziamento da parte di numerosi genitori. Una mamma, in particolare, le ha scritto: “Grazie per quanto ha fatto: purtroppo l’accesso incontrollato a tipo di materiale su internet rappresenta un pericolo enorme per i nostri ragazzi”.

La Bellucci, nessuna parentela con l’attrice italiana, si è da poco ritirata dalle scene, ma malgrado questo le sue opere restano fra le più seguite del web. La sua lamentela pubblica, si è comunque aggiunta ad una campagna lanciata di recente dal presidente Macron in cui parlando di violenza sulle donne, ha promesso anche iniziative di controlli sui contenuti hard disponibili sul web.

Mondo
San Francisco, fogna a cielo aperto
San Francisco, fogna a cielo aperto
Il Comune istituisce il pronto intervento per ripulire le strade dalle deiezioni umane, record di chiamate. L'analisi del Guardian: centro invaso dagli homeless, ormai una piaga sociale
Melania: i dolori di una First Lady
Melania: i dolori di una First Lady
Un ritratto del New York Times, che ha raccolto le testimonianze di chi la conosce bene. Una donna in forte contrasto con il marito, che usa la moda per ferirlo
Si uccide per non deludere papà
Si uccide per non deludere papà
Una trentenne inglese, denunciata per guida in stato di ebbrezza, ha preferito togliersi la vita piuttosto che dare una delusione ai genitori
In metro come in aeroporto, body-scanner alle fermate
In metro come in aeroporto, body-scanner alle fermate
Testati con successo a New York e già in funzione sui mezzi di trasporto della Gran Bretagna, gli scanner portatili stanno per entrare in servizio nella metro di Los Angeles
Rhian, suicida per mobbing
Rhian, suicida per mobbing
Un’infermiera inglese di 30 anni si è tolta la vita perché vittima dei suoi colleghi. A mesi di distanza un tribunale sta cercando di individuare eventuali responsabilità
Caracas in black out, scoppia la rivolta
Caracas in black out, scoppia la rivolta
Tensione in Venezuela alla vigilia di una rivoluzione economica che tenta di sottrarre al dollaro Usa il controllo dell'economia. Il Sovrano Bolivar riduce di 5 zeri l'attuale e si ancora alla cripto-moneta, il Petro
Londra violenta
Londra violenta
Un morto e diversi feriti nel giro di poche ore: la capitale inglese ancora teatro di violenti scontri fra gang
Litigano in volo, l’aereo costretto ad atterrare
Litigano in volo, l’aereo costretto ad atterrare
Il violento alterco di una coppia inglese ha costretto il comandante ad un atterraggio di emergenza: un tribunale inglese sta per emettere una sentenza che si teme avrà pesanti conseguenze economiche
La fine di una cantante del talent
La fine di una cantante del talent
Aveva partecipato a “Britain’s Got Talent” insieme al suo coro, e sognava una carriera solista. È stata accoltellata a morte in casa
Malesia-Cina, accordi per infrastrutture
Malesia-Cina, accordi per infrastrutture
Anche per le "città chiavi in mano" costruite dai cinesi in ogni dettaglio, dall'energia all'inserimento nei centri già esistenti. Sul tappeto anche le controversie territoriali e in relazione ai passaggi nel Mar Cinese del Sud