L’intelligenza? È dannatamente sexy

| Un nuovo termine, “sapiosexual”, nasce per indicare l’attrazione emanata dalle persone dotate di quoziente di intelligenza alto

+ Miei preferiti
Sorpresa: a dare un colpo a chi pensa che essere sexy equivalga ad un corpo perfetto e un viso angelico, arriva uno studio della “University of Western Australia” realizzato dal professor Gilles Gignac e appena pubblicato sul magazine “Intelligence”.

La ricerca, destinata a ribaltare ogni luogo comune e arriva ad una conclusione inaspettata: per alcuni, almeno una persona su dieci, l’intelligenza è un irresistibile fattore di attrazione.

Realizzato su un campione di 383 persone fra i 18 ed i 35 anni, sottoposte ad un questionario, lo studio ha dimostrato che più il quoziente intellettivo è alto, e più si diventa un oggetto del desiderio. A questo, si aggiunge un altro esperimento dell’Università di Louvain, in Belgio, che dimostra quanto gli stimoli intellettivi aiutino la donna a raggiungere l’orgasmo.

Da qui, nasce un nuovo termine di cui sentiremo parlare a lungo: “sapiosexual”, in cui l’intelligenza si trasforma in uno degli aspetti più importanti nella ricerca di un partner, al pari della gentilezza e dell’educazione.

Un nuovo canale che apre le speranze a tanti, addirittura supportato da una recentissima “app”, chiamata “Sapio”, che promette incontri a chi è davvero intelligente, a cui aggiungere il sito “Ok Cupid”, cha ha di recente adottato l’opzione intelligenza e per finire da una pagina Facebook, “Sapiosexual”, che al grido di “Make love to my mind”, conta già più di 50mila followers. Tutti intelligentissimi.

Mondo
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Le autorità hanno fucilato Hassan Adan Isaq, 23 anni, esponente di al-Shabaab, uno dei responsabili dell"11 settembre somalo". Ma la gente è delusa: "Paga solo uno, e gli altri?"
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Trump avverte: per la morte di Khashoggi ci saranno conseguenze
Se fosse accertato che dietro l’uccisione del giornalista ci fosse Riad, l’America è pronta a decidere “punizioni severe”. Imbarazzo dei leader mondiali: a breve Riad ospiterà il forum economico internazionale
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Facebook, attacco hacker a 29 milioni di profili
Rubati, attraverso le liste di amici, i token di accesso. Attacco non ha coinvolto Instagram e le chat
Il bianconero che la Juve non conosce
Il bianconero che la Juve non conosce
Per oltre un anno, Dionicio Farid Rodriguez Duran ha fatto credere di essere stato ingaggiato dalla società torinese. E in Messico era diventato un vero divo
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Ha un nome la Lady Shopping di Harrods
Zamira Hajiyeva ha speso 1,6 milioni di sterline in 10 anni: su di lei è scattata un’indagine del fisco inglese per capire come abbiano fatto lei e il marito (in galera) ad accumulare tanta ricchezza
Terrore a Barkan, uccisi due israeliani
Terrore a Barkan, uccisi due israeliani
Le forze di sicurezza cercano un palestinese di 23 anni che ha sparato contro i lavoratori di una fabbrica in Cisgiordania. Ferita grave anche una donna. il governo: "Atto terroristico"
Cina: alla fiera dei cuori solitari
Cina: alla fiera dei cuori solitari
Una curiosa deriva della società cinese: genitori che si incontrano nei parchi, scambiandosi notizie sui propri figli a scopo matrimonio
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi
Scambio di accuse fra la Turchia e l’Arabia Saudita sulla sorte del giornalista, firma del Washington Post. Secondo una ricostruzione considerata attendibile, sarebbe stato ucciso all’interno del consolato saudita
Morire per un selfie
Morire per un selfie
Dal 2011 oltre 250 morti in tutto il mondo per catturare un'immagine spettacolare da postare sui social. In Russia e India il maggior numero di casi. Travolti dalle onde, precipitati nel vuoto, investiti da treni e auto. Fenomeno in aumento
Cattolici in ansia per Asia Bibi
Cattolici in ansia per Asia Bibi
La donna, cristiana, è stata condannata a morte per blasfemia. Aveva avuto un diverbio con alcune donne musulmane e insultato il Profeta. Il governatore che l'aveva difesa ucciso da una delle guardie del corpo