Lo scandalo del latte in polvere Lactalis

| La decisione di ritirare milioni di confezioni in quasi cento paesi non bastano a placare la rabbia: le associazioni dei consumatori preparano una class action, mentre i colossi della grande distribuzione promettono una causa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Dodici milioni di confezioni di prodotti destinati alla prima infanzia ritirati dai mercati di 83 paesi: è quanto ha annunciato Emannuel Besnier, ad di “Lactalis”, colosso agroalimentare francese, nel 2015 - secondo “Forbes” - al 191esimo posto nella classifica degli uomini più ricchi del mondo, con un patrimonio personale stimato in 9,6 miliardi di dollari.

È la prima, immediata reazione per arginare gli effetti di uno scandalo dalle proporzioni mondiali iniziato alla fine dello scorso dicembre con alcuni casi di salmonellosi scoperti in 35 neonati francesi, più altri due segnalati fra Spagna e Grecia. A questo, si aggiunge la pronta rassicurazione di Besnier: “Risarciremo tutte le famiglie che hanno subito un danno, la nostra priorità assoluta è la sicurezza totale”.

A dare il via alla reazione e la piena collaborazione del colosso mondiale, proprietario anche dei marchi “Parmalat” e “Galbani”, con 198 siti industriali in 55 paesi, ci sarebbe un incontro fra Besnier e il ministro francese dell’economia, Bruno Le Maire, per rispondere alle centinaia di denunce sporte da genitori francesi che hanno già fatto scattare un’indagine preliminare per “lesioni volontarie”.

A dicembre, Lactalis aveva già deciso di ritirare alcune tonnellate di latte in polvere prodotto negli stabilimenti di Craon, nel nord ovest della Francia, anche se Besnier si era sempre rifiutato di commentare pubblicamente la vicenda. In realtà, a far infuriare i francesi e di conseguenza il governo Macron, è stata la certezza che in tantissimi supermercati, le confezioni di latte potenzialmente contaminato fossero rimaste impunemente in vendita ancora per diverse settimane.

Sul piede di guerra ci sarebbero anche alcune associazioni di consumatori, che stanno preparando una colossale “class-action” con annessa richiesta milionaria di risarcimento, a cui si potrebbe aggiungere una causa di colossi della grande distribuzione come “Carrefour”, “Lecler”, “Intermarché” e “Auchan”, che pur ammettendo errori interni della messa al bando dei prodotti, accusano Lactalis di aver creato ad arte una profonda confusione nelle confezioni da ritirare dagli scaffali.

Ad aggravare la posizione del colosso dell’agroalimentare, ci sarebbero anche i primi risultati delle analisi sul batterio riscontrato nel bimbi francesi: secondo l’Institut Pasteur, sarebbe lo stesso già individuato in alcune confezioni più di dieci anni fa. Un altro segnale che getta ombre sull’efficacia dei controlli interni di Lactalis.

 
Mondo
MORTE IN SUDAMERICA
uccisi 8 manager italiani, tre dispersi
MORTE IN SUDAMERICA<br>uccisi 8 manager italiani, tre dispersi
INCHIESTA. In pochi mesi catena di delitti in Colombia, Messico, Panama e Costa Rica. Agguato mafioso in Colombia. Uccisi impresario edile e la moglie. Poi manager, imprenditori, un chirurgo e un broker. Tre i dispersi
ALDO E ANTONIO LA SPERANZA VIVE
dispersi in Atlantico dal 2 maggio
ALDO E ANTONIO LA SPERANZA VIVE<br>dispersi in Atlantico dal 2 maggio
La disperata battaglia della moglie Rosa Cilano per non dimenticare lo skipper e il marinaio della vela Bright, sparita alle Azzorre. "Hanno azionato manualmente l'Epirb, sono sulla zattera"
Bimbi sequestrati, Melania contro Donald
Bimbi sequestrati, Melania contro Donald
L'audio registrato da un avvocato che si occupa della tutela dei migranti con il pianto dei bimbi strappati ai genitori affidato a un quotidiano on-line. Melania contesta il marito: "Odio vedere i bimbi separati"
I festival, porto franco della violenza
I festival, porto franco della violenza
Ad ogni edizione dei più grandi raduni musicali, le vittime di stupri e violenze aumentano. Ma c’è la certezza che siano molte di più, perché in tanti preferiscono non denunciare
Shin Bet, sventata catena di attentati
Shin Bet, sventata catena di attentati
I servizi di sicurezza israeliani bloccano una cellula di Hamas, kamikaze pronti a farsi esplodere a Tel Aviv. Venti arresti
Il terremoto di gioia dei messicani
Il terremoto di gioia dei messicani
Negli istanti della rete di Lozano alla Germania, i sismografi di Città del Messico hanno registrato due movimenti sismici dovuti all’esultanza incontenibile dei tifosi
Il ponte dei cani suicidi
Il ponte dei cani suicidi
In Scozia, nei dintorni di Glasgow, esiste un ponte dal quale si sono “suicidati” gettandosi nel vuoto più di 600 cani. Tante le teorie: dalle superstizioni locali agli odori forti e i suoni fastidiosi. Ma non c'è ancora nessuna certezza
Cyber Summit Italia-Israele
Cyber Summit Italia-Israele
Innovazione e cooperazione nei programmi dei due Paese, prestigioso elenco di chi interverrà nelle due sezioni
A cinque anni distrugge un’opera d’arte
A cinque anni distrugge un’opera d’arte
Tenta di abbracciare un busto, ma questo rovina a terra: per l’assicurazione è un gesto volontario e se ne lava le mani, mentre l’artista chiede 132mila dollari di risarcimento
Talebani uccisi, morto il figlio del capo
Talebani uccisi, morto il figlio del capo
Mullah Fazullah, numero due del TTP, ucciso con un figlio e quattro comandanti. Lo rivelano fonti talebane. Colpo durissimo al vertice dell'esercito integralista