Lo scandalo del latte in polvere Lactalis

| La decisione di ritirare milioni di confezioni in quasi cento paesi non bastano a placare la rabbia: le associazioni dei consumatori preparano una class action, mentre i colossi della grande distribuzione promettono una causa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Dodici milioni di confezioni di prodotti destinati alla prima infanzia ritirati dai mercati di 83 paesi: è quanto ha annunciato Emannuel Besnier, ad di “Lactalis”, colosso agroalimentare francese, nel 2015 - secondo “Forbes” - al 191esimo posto nella classifica degli uomini più ricchi del mondo, con un patrimonio personale stimato in 9,6 miliardi di dollari.

È la prima, immediata reazione per arginare gli effetti di uno scandalo dalle proporzioni mondiali iniziato alla fine dello scorso dicembre con alcuni casi di salmonellosi scoperti in 35 neonati francesi, più altri due segnalati fra Spagna e Grecia. A questo, si aggiunge la pronta rassicurazione di Besnier: “Risarciremo tutte le famiglie che hanno subito un danno, la nostra priorità assoluta è la sicurezza totale”.

A dare il via alla reazione e la piena collaborazione del colosso mondiale, proprietario anche dei marchi “Parmalat” e “Galbani”, con 198 siti industriali in 55 paesi, ci sarebbe un incontro fra Besnier e il ministro francese dell’economia, Bruno Le Maire, per rispondere alle centinaia di denunce sporte da genitori francesi che hanno già fatto scattare un’indagine preliminare per “lesioni volontarie”.

A dicembre, Lactalis aveva già deciso di ritirare alcune tonnellate di latte in polvere prodotto negli stabilimenti di Craon, nel nord ovest della Francia, anche se Besnier si era sempre rifiutato di commentare pubblicamente la vicenda. In realtà, a far infuriare i francesi e di conseguenza il governo Macron, è stata la certezza che in tantissimi supermercati, le confezioni di latte potenzialmente contaminato fossero rimaste impunemente in vendita ancora per diverse settimane.

Sul piede di guerra ci sarebbero anche alcune associazioni di consumatori, che stanno preparando una colossale “class-action” con annessa richiesta milionaria di risarcimento, a cui si potrebbe aggiungere una causa di colossi della grande distribuzione come “Carrefour”, “Lecler”, “Intermarché” e “Auchan”, che pur ammettendo errori interni della messa al bando dei prodotti, accusano Lactalis di aver creato ad arte una profonda confusione nelle confezioni da ritirare dagli scaffali.

Ad aggravare la posizione del colosso dell’agroalimentare, ci sarebbero anche i primi risultati delle analisi sul batterio riscontrato nel bimbi francesi: secondo l’Institut Pasteur, sarebbe lo stesso già individuato in alcune confezioni più di dieci anni fa. Un altro segnale che getta ombre sull’efficacia dei controlli interni di Lactalis.

 
Mondo
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Australia, omicidio sulla spiaggia del surfisti
Il mare avrebbe restituito il cadavere di una bimba di nove mesi, probabilmente un sacrificio umano. Arrestati i genitori, due homeless che vivevano su un furgone. Poche ore dopo un nuovo caso, questa volta di violenza domestica
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attentato Kabul, Talebani condannano
Attacco suicida in una riunione religiosa, morte 43 persone e 80 feriti. L'esplosione nel Consiglio degli Ulema. Nessuna rivendicazione
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
10 anni alla scrittrice di romanzi gay
Una condanna esemplare per l’autrice di un romanzo omosessuale: scatta la reprimenda delle autorità, mentre i social protestano
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Satelliti per diffondere la banda larga nel pianeta
Elon Musk potrà inviare nello spazio 7518 mini satelliti, anche di pochi centimetri, per diffondere la banda larga in tutto il pianeta. Collegati tra loro, consentiranno una copertura globale e non condizionata dal meteo
Afghanistan, strage di poliziotti
Afghanistan, strage di poliziotti
Morti 30 agenti uccisi in un attacco talebano a Farah. L'assedio è durato quattro ore, caduti anche molti miliziani. E' l'ennesima azione dei terroristi contro il governo. Decine di morti in pochi mesi