Lucy, che voleva vivere

| Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…

+ Miei preferiti
L’appello di Lucy Wieland, una ragazza australiana, è rimbalzato attraverso i social: ha 27 anni, è sposata da poco e lotta per sconfiggere un tumore ovarico. Una storia strappacuore di sogni spezzati e maternità che forse non avrà mai, che si conclude con la più amara delle realtà: la sua è una battaglia che costa, e lei ha già dato fondo ai risparmi di tutta la sua famiglia. Una condanna che però chiunque può contribuire a bloccare, donando quello che può su un apposito account “GoFundMe”.

All’appello rispondono in tanti, più di quelli che Lucy poteva immaginare, e oltre a parole di incoraggiamento e cuoricini che pulsano, in migliaia mettono mano alla carta di credito e donano. Lucy Wieland mette insieme 55mila dollari australiani, più o meno 35mila euro.

Ma le immagini che la ritraggono sul letto, mentre affronta quotidianamente la sua battaglia, attirano l’attenzione di un medico, che si accorge di un dettaglio: nessuna delle apparecchiature mediche che Lucy ha intorno c’entrano nulla con il suo male. Parte una segnalazione che arriva alla polizia, che dopo aver ricostruito facilmente la vicenda ha arrestato Lucy.

Il finale di questa storia fa male, perché ci va forza e speranza per continuare a credere nel genere umano. Lucy Wieland è finita davanti al tribunale di Townsville, nel Queensland, con l’accusa di truffa: gode di ottima salute, e quei soldi pensava di spenderli chissà dove, alla faccia di migliaia di creduloni.

L’ispettore Chris Lawson della polizia del Queensland ha ammesso ai giornalisti radunati all’esterno del tribunale che si tratta di un caso scoraggiante: “Le vere vittime sono le persone della comunità che hanno letto la sua storia e hanno cercato di aiutarla”.

Alla donna è stata concessa la libertà su cauzione ma le è stato ordinato di consegnare il suo passaporto. Dovrebbe comparire nuovamente in tribunale a dicembre: con che faccia, lo sa solo lei.

Sulla questione è intervenuta direttamente "GoFoundMe", che ci ha comunicato quanto segue:

"La campagna di Lucy Wieland è stata segnalata tempestivamente al nostro team, è stata rimossa e tutti i donatori saranno rimborsati grazie alla protezione e alla garanzia di GoFundme. Qualsiasi frode, sia online che offline, è contro la legge. Per questo, oltre a proteggere i donatori con il rimborso, assistiamo le forze dell'ordine locali nelle indagini. È importante sottolineare che l'uso improprio è estremamente raro sulla nostra piattaforma di raccolta fondi sociale: costituiscono meno dell'1% del totale. In questo piccolo numero di casi di abuso, GoFundMe interviene per risolvere il problema. Tutti i donatori dovrebbero sentirsi sicuri nel fare una donazione su GoFundMe: è il posto più sicuro da offrire e gli utenti sono completamente protetti. Ulteriori informazioni sono disponibili qui: www.gofundme.com/safety".

 

Galleria fotografica
Lucy, che voleva vivere - immagine 1
Mondo
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Il re dell’espresso, la vittima di Melbourne
Titolare del Pellegrini’s Café, locale amatissimo anche da Russel Crowe, Sisto Malaspina è stato accoltellato dal somalo che ha gettato nel panico la centralissima Bourke Street. Era emigrato in Australia a 18 anni
Filippine, suora contestatrice espulsa
Filippine, suora contestatrice espulsa
La religiosa cattolica aveva partecipato ad alcune manifestazione di protesta contro il presidente Duterte. Ora è rientrata in Australia, accolta dal suo ordine
Pakistan: Asia Bibi è libera
Pakistan: Asia Bibi è libera
Assolta in extremis dall’accusa di blasfemia e dalla pena di morte. La donna era stata accusata da alcune colleghe di lavoro
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
Due bimbi di sette anni abusano di una compagna
È accaduto in Australia: vittima una bimba di sei anni, sottoposta a quel che i due suoi compagni di classe avevano appena visto sugli smartphone
La lotta alla droga, un fallimento
La lotta alla droga, un fallimento
Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”
Gemma ha perso la sua battaglia
Gemma ha perso la sua battaglia
La storia di una ragazza inglese aveva commosso perfino Kate Winslet: aveva scelto di rinunciare alle cure per un tumore, preferendo mettere al mondo la piccola Penelope
L'Arabia ammette: Khashoggi è morto
L
Messo sotto pressione, il governo di Riyadh ha ammesso la morte del giornalista. Mentre i media turchi svelano, uno per uno, nomi e ruoli della squadra che si sarebbe occupata di eliminare il giornalista dissidente
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Uccisa dal branco per aiutare un amico
Aveva tentato di dare una mano ad un amico, ma è stata uccisa alla periferia di Città del Capo dopo ore di barbarie subite da un branco assetato di sangue
Condanna mite per il cannibale russo
Condanna mite per il cannibale russo
Dopo aver massacrato la fidanzata con 129 coltellate ha banchettato mangiandole cuore e polmoni
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Attentato con 600 vittime, giustiziato organizzatore
Le autorità hanno fucilato Hassan Adan Isaq, 23 anni, esponente di al-Shabaab, uno dei responsabili dell"11 settembre somalo". Ma la gente è delusa: "Paga solo uno, e gli altri?"