Lucy, che voleva vivere

| Ha raccontato la sua battaglia contro un male che la divorava, chiedendo soldi per continuare le cure e salvarsi. Ma qualcuno si è accorto che qualcosa non andava…

+ Miei preferiti
L’appello di Lucy Wieland, una ragazza australiana, è rimbalzato attraverso i social: ha 27 anni, è sposata da poco e lotta per sconfiggere un tumore ovarico. Una storia strappacuore di sogni spezzati e maternità che forse non avrà mai, che si conclude con la più amara delle realtà: la sua è una battaglia che costa, e lei ha già dato fondo ai risparmi di tutta la sua famiglia. Una condanna che però chiunque può contribuire a bloccare, donando quello che può su un apposito account “GoFundMe”.

All’appello rispondono in tanti, più di quelli che Lucy poteva immaginare, e oltre a parole di incoraggiamento e cuoricini che pulsano, in migliaia mettono mano alla carta di credito e donano. Lucy Wieland mette insieme 55mila dollari australiani, più o meno 35mila euro.

Ma le immagini che la ritraggono sul letto, mentre affronta quotidianamente la sua battaglia, attirano l’attenzione di un medico, che si accorge di un dettaglio: nessuna delle apparecchiature mediche che Lucy ha intorno c’entrano nulla con il suo male. Parte una segnalazione che arriva alla polizia, che dopo aver ricostruito facilmente la vicenda ha arrestato Lucy.

Il finale di questa storia fa male, perché ci va forza e speranza per continuare a credere nel genere umano. Lucy Wieland è finita davanti al tribunale di Townsville, nel Queensland, con l’accusa di truffa: gode di ottima salute, e quei soldi pensava di spenderli chissà dove, alla faccia di migliaia di creduloni.

L’ispettore Chris Lawson della polizia del Queensland ha ammesso ai giornalisti radunati all’esterno del tribunale che si tratta di un caso scoraggiante: “Le vere vittime sono le persone della comunità che hanno letto la sua storia e hanno cercato di aiutarla”.

Alla donna è stata concessa la libertà su cauzione ma le è stato ordinato di consegnare il suo passaporto. Dovrebbe comparire nuovamente in tribunale a dicembre: con che faccia, lo sa solo lei.

Sulla questione è intervenuta direttamente "GoFoundMe", che ci ha comunicato quanto segue:

"La campagna di Lucy Wieland è stata segnalata tempestivamente al nostro team, è stata rimossa e tutti i donatori saranno rimborsati grazie alla protezione e alla garanzia di GoFundme. Qualsiasi frode, sia online che offline, è contro la legge. Per questo, oltre a proteggere i donatori con il rimborso, assistiamo le forze dell'ordine locali nelle indagini. È importante sottolineare che l'uso improprio è estremamente raro sulla nostra piattaforma di raccolta fondi sociale: costituiscono meno dell'1% del totale. In questo piccolo numero di casi di abuso, GoFundMe interviene per risolvere il problema. Tutti i donatori dovrebbero sentirsi sicuri nel fare una donazione su GoFundMe: è il posto più sicuro da offrire e gli utenti sono completamente protetti. Ulteriori informazioni sono disponibili qui: www.gofundme.com/safety".

 

Galleria fotografica
Lucy, che voleva vivere - immagine 1
Mondo
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada
Thailandia, la strage sulle strade
Thailandia, la strage sulle strade
Una vera pandemia: 30mila morti ogni anno, con picchi nella settimana più pericolosa, quella fra il 27 dicembre e il 2 gennaio, che quest’anno sono costate la vita a quasi 500 persone
La storia di Mamma Leonessa
La storia di Mamma Leonessa
Una donna ha salvato la figlia sequestrata da tre balordi che volevano abusarne. Uno è morto, gli altri due sono finiti in galera per trent’anni
La strage sulle strade
La strage sulle strade
Una vera ecatombe: 1,35 di morti ogni anno sulle strade di tuto il mondo, secondo i dati diffusi dall’OMS. In Italia percentuale in discesa
California, incendi domati e 85 morti
California, incendi domati e 85 morti
La pioggia ha aiutato i vigili del fuoco a contenere le fiamme: restano 249 dispersi. La tragedia degli animali sterminati da fumo e fiammea miglia di distanza. Danni incalcolabili
La strana morte del capo del GRU
La strana morte del capo del GRU
Igor Korobov, 63 anni, è deceduto a seguito di una malattia: per l’intelligence americana sarebbe morto all’inizio dell’anno in Libano. Sulle sue spalle era ricaduta la colpa della scombicchierata operazione contro Skripal
Con un coltello nel cranio
Con un coltello nel cranio
Così si è presentato in un pronto soccorso un giovane sudafricano aggredito da una gang. Operato d’urgenza, per sua fortuna non avrà conseguenze future