Lusail City, la città che non c’è ancora

| Tutto dev’essere pronto per il 2022, quando il nuovo stadio ospiterà la cerimonia d’apertura dei Mondiali di Calcio. Ma la metropoli in costruzione sarà molto di più: una smart city sostenibile a impatto zero

+ Miei preferiti
Al momento è soltanto un enorme cantiere a circa 15 km da Doha, capitale del Qatar, ma a “Lusail City” i lavori fervono, perché nel 2022 è già stato deciso che ospiterà la cerimonia d’apertura dei Mondiali di Calcio nel nuovissimo “Losail Iconic Stadium”, nome che spiega solo in parte l’enormità del nuovo impianto realizzato espressamente per l’evento.

Occasione meravigliosa, quella dei Mondiali, per lanciare in mondovisione non un semplice quartiere o il solito villaggio turistico “all inclusive”, ma una vera e propria città sorta dal nulla tra mare, sabbia e petrolio.

Lusail City è un faraonico progetto largo 38 km quadrati, riempiti ad arte di aree verdi e una skyline da cartolina, costellata da grattacieli a specchio dalle forme avveniristiche per riflettere l’azzurro del Golfo Persico, ma con un cuore così “green” da trasformarla nella metropoli più eco-rispettosa del pianeta Terra.

“A city with a vision”, come recita lo slogan che ha accompagnato l’avvio dei lavori, ovvero l’ammissione di aver voluto un progetto visionario che fra i capisaldi ha sempre avuto la sostenibilità e l’impatto zero, malgrado i 41 miliardi di euro di investimento che non hanno per nulla spaventato la “Qatari Diar Real Estate Investment Company” e la “Parsons Corporation”, due società controllate dallo Stato.

Ma il futuro per Lusail City si prospetta luminoso assai: oltre al già citato stadio di calcio - che farà il paio con il “Losail International Circuit” che attualmente ospita il Motomondiale, il Mondiale Superbike e il GP2 Asia Series - la città che ancora non esiste potrà ospitare 400mila persone in 19 distretti diversi, con due immensi campi da golf, una laguna e un parco a tema a disposizione. Lusso a profusione nei quartieri residenziali, negli oltre venti hotel previsti e nel colossale “Place Vendôme”, un mall così grande da far impallidire il semplice concetto di centro commerciale.

La città sarà dotata di un sofisticato sistema di razionalizzazione dell’acqua creato per non disperderne neanche una goccia e di una sorta di barriera artificiale contro i potenti venti del nord, formata da palazzi e strutture particolari realizzati su una lunghezza totale di 27 km. Fondamentale il pieno rispetto della biodiversità, con specie anche molto rare di piante e alghe marine, che saranno tutelate come un vero patrimonio.

Mondo
I nordcoreani costretti a celebrare Kim Jong-il
I nordcoreani costretti a celebrare Kim Jong-il
Il 16 febbraio di ogni anno, il paese si ferma per ricordare la nascita del leader scomparso nel 2011, padre dell’attuale dittatore. Guai a mancare
Ombre scure sui mastini del S.A.S.
Ombre scure sui mastini del S.A.S.
I commandos inglesi dello Special Air Service, fra i più celebri al mondo, finiti al centro di una polemica: tornano dalle missioni con malattie veneree e scaricano la rabbia sulle famiglie
India, uccisa con i figli per stregoneria
India, uccisa con i figli per stregoneria
Una donna di un villaggio accusata di essere una strega: è stata gettata in un pozzo insieme ai suoi quattro bambini. Gli autori, denunciati dal marito, sono in galera: ma non va sempre così
Uccisa perché rifiuta di fare sesso col fotografo
Uccisa perché rifiuta di fare sesso col fotografo
Una modella indiana di 20 anni, attirata in uno studio fotografico per un servizio, è stata uccisa per aver rifiutato di fare sesso con lui. Il corpo nascosto in una valigia
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Si uccide a 14 anni, vittima del bullismo
Una studentessa australiana si è tolta la vita dopo mesi di angherie e violenze: pochi istanti prima di farla finita ha postato un messaggio straziante
L’ultima scalata di Bikini Climber
L’ultima scalata di Bikini Climber
È stata trovata morta per ipotermia la giovane taiwanese stella dei social che scavala le montagne in bikini
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Studentessa israeliana uccisa in Australia
Aiia Maasarwe, 21 anni, stava rientrando a casa parlando al telefono con la sorella quando è stata aggredita. Il suo corpo è stato ritrovato il mattino successivo: ondata di sdegno in tutto il paese
ONU, un sondaggio rivela le molestie
ONU, un sondaggio rivela le molestie
A renderlo noto è stato il segretario generale Antonio Gutierrez, che in una lettera ha svelato i risultati inquietanti e promesso tolleranza zero
La cena è insipida, uccide il marito
La cena è insipida, uccide il marito
In un’improvvisa esplosione di violenza, una donna ha ucciso nel sonno il marito che l’aveva umiliata davanti ai loro ospiti. Ma in Russia è polemica per una decisione della polizia
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Senzatetto muore nel cassonetto degli abiti usati
Non sarebbe la prima vittima di un sistema di sicurezza che intrappola chi tenta di recuperare qualcosa per ripararsi dal freddo. Diverse vittime in Canada