Marcinelle, la strage dei minatori italiani

| L'8 agosto 1956 la tragedia del lavoro più grave del Dopoguerra: 136 emigrati italiani morirono in una miniera belga. La tragica storia dell'ex minatore Antonio Iannetta

+ Miei preferiti
Ha vissuto per decenni con l'ombra terribile di avere avuto una parte di colpa nella tragedia della miniera di Marcinelle. Antonio Iannetta, ex minatore di Marcinelle, aveva cercato invano di farsi dimenticare e si era trasferito in Canada, acquisendone poi la cittadinanza. Al suo nome è legata la più grave tragedia del lavoro e dell'emigrazione del Dopoguerra. L'8 agosto 1956, 62 anni fa, morirono nella miniera di carbone di Marcinelle, in Belgio, 260 minatori, di cui 136 italiani. Iannetta era uno degli addetti alle manovre di carico dei vari livelli delle gallerie. Non conosceva bene il francese; al livello 975m, una volta caricato l'ultimo carrello,  diede il via alla "rimonta". Ci fu un problema di comunicazione con la centrale, poiché in un altro livello le operazioni non erano state ancora completate. La piattaforma prese a salire ma il sistema si bloccò. Restarono sporgenti i contenitori, l'ascensore partì urtando un tubo pieno d'olio, nacque un incendio; una spessa coltre di fumo trasformò i cunicoli in camere della morte. Nel 1968 Iannetta venne individuato da una troupe di un tv francese che stava ricostruendo la tragedia di Marcinelle. Confermò quanto era stato accertato nell'inchiesta (ci fu una sola condanna, in appello, sei mesi di carcere per il direttore Adolphe Cocinis, lui fu assolto) e alla fine del colloquio scoppiò in un pianto dirotto, rievocando la morte di tanti suoi compagni. Oggi i familiari superstiti dei lavoratori deceduti in quella miniera fondata nel 1830, scavata anno dopo anno sino ad arrivare ad oltre 1000 metri di profondità, sono ancora saldamente uniti nella memoria dei congiunti. Nel 1967 la miniera fu chiusa perché non rendeva più anche se era tutt'altro che esaurita. Oggi le Bois du Cazier è un monumento nazionale. Il governo De Gasperi aveva concordato l'invio di 50 mila lavoratori in cambio di fornitore di carbone. Promettevano case, salari alti, scuole per i figli, premi di natalità ma gli italiani furono accolti in quartieri dormitorio, in un clima di aperto razzismo. Si moriva di silicosi, non solo di incidenti in miniera dove trovarono la morte, senza clamore perché frutto di episodi isolati, migliaia di persone il cui sacrificio fu presto dimenticato. 
Lutto nazionale e l'intervento dei governo 
In Italia i funerali delle vittime di Marcinelle furono seguiti in un clima di vero lutto nazionale; il governo chiese alle autorità belghe di migliorare le condizioni dei nostri lavoratori. Qualcosa fu fatto. Ma la ferita di Marcinelle non si è mai completamente rimarginata. I minatori italiani venivano spediti nei cunicoli senza corsi di formazione, senza protezioni per le polveri, in ambienti privi di qualsiasi misura di sicurezza, tanto che le strutture di protezione nel Cazier du Bois erano di legno, perciò infiammabili e prima causa del terribile disastro. Dei 136 morti, 40 provenivano dall'Abruzzo, ventidue dal solo comune di Manoppello in provincia di Pescara. L'elenco delle vittime rappresenta una fotografia dell'emigrazione italiana. C'erano veneti, liguri, campani, siciliani, lombardi, quasi ogni regione fu coinvolta nella immane tragedia che ebbe, forse unica conseguenza positiva, la presa di coscienza dei belgi che scoprirono in quali misere condizioni erano costretti a vivere i lavoratori stranieri. Oggi i figli delle vittime di allora - molti sono rimasti in Belgio - ricordano sommessamente ai politici italiani di oggi, come "l'Italia abbia sbrigativamente  rimosso dalla sua memoria che fu un Paese di migranti". Le vedove ricevettero un risarcimento di 500 mila lire, i figli di un 1 milione. Cifre irrisorie anche negli Anni ‘50. Non fu l'incendio a sterminare uomini e animali ma il fumo che i ventilatori avevano spinto il fumo anche nei cunicoli più profondi. I minatori cercarono di salvarsi scendendo sempre più in basso ma nonostante l'eroismo delle squadre di soccorso non ci furono superstiti. Furono trovati biglietti di addio, con loro morirono anche decine di cavallini, impiegati per trasportare i pesanti vagoni carichi di carbone. Ogni anno in Belgio si celebra la memoria di Marcinelle. In Italia se ne parla poco. Da sempre.  

 
Italia
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio
babbo Boschi ecco babbo Di Battista
Dopo babbo Renzi, babbo Di Maio<br>babbo Boschi ecco babbo Di Battista
L'azienda del padre di "Dibba", lui però è socio, non paga i dipendenti e nemmeno la sorella. Poi debiti con banche, fornitori, lo Stato. Lo scrive Il Giornale. Lui va all'attacco: "Berlusconi, verrò di nuovo ad Arcore"
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Quei ragazzi ebrei salvati dalla gente
Un memoriale a Nonantola, Modena, per ricordare l'aiuto della popolazione a 73 ragazzi ebrei salvati dai lager nazisti
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Firenze, festa Capodanno ma senza peperoncino
Dopo gli incidenti in discoteca e a Torino, il sindaco Nardella vieta con un'ordinanza vieta lo spray al peperoncino per la notte del 31 dicembre con Baglioni, Baby K e Renga
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
M5s, senatore Airola pronto a dimettersi
Il senatore NoTav e l'ex senatore Marco Scibona erano stati in prima fila contro il Tav Terzo Valico, ma ora Toninelli ha detto Sì alla grande opera. Accuse e minacce sul web: "Traditori e infami"
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Mense, Lodi costretta al dietro-front
Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni e impone al Comune di modificare il regolamento poiché "discriminatorio" nei confronti dei bimbi stranieri
Dal balcone alla delusione
Dal balcone alla delusione
La retromarcia del governo di fronte alla correzione della manovra richiesta da Bruxelles: un taglio di 7,5 miliardi di euro, con taglie a reddito di cittadinanza e quota 100
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Spray urticante nelle scuole, una lunga scia di incoscienza
Non sono bastati i morti di piazza San Carlo, a Torino, e neanche quelli della discoteca di Corinaldo, per fermare la bravata di spruzzare spray urticante. Tutti gli episodi delle scuole italiane
Antisemitismo, strappate le pietre d'inciampo
Antisemitismo, strappate le pietre d
Gravissimo gesto, sparite le pietre d'inciampo che ricordano la Shoah a Roma, erano dedicate alla famiglia Di Consiglio, sterminata nei lager. Opera dell'artista Deminig, furono installate nel 2012. Segre: "Le rimetteremo"
No Tav a Torino
fare numeri chiamando rinforzi
No Tav a Torino<br>fare numeri chiamando rinforzi
Non potendo rischiare di essere uno in meno dei Sì Tav, la chiamata a raccolta di chiunque in Italia sia contro qualcosa. Alla fine 100mila per i No Tav, 25mila per i conteggi ufficiali
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
I tre criminali italiani più ricercati nel mondo
Dopo l'arresto del capo dell'ndrangheta Giuseppe Pelle, nella lista dei più ricercati del mondo Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Marco De Lauro e Attilio Cubeddu